Storie

di Nathan Algren

Pakistan. Mons Shukardin: ‘Cristiani senza rappresentanza’

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Pakistan alle urne per elezioni generali molto delicate. Anche la vigilia elettorale è stata segnata da gravi violenze, con due attentati in cui sono morte 28 persone e almeno altre 40 sono rimaste ferite a Pishin e a Qila Saifullah, nella provincia del Baluchistan. Mentre dal carcere l’ex premier Imran Khan ha fatto diffondere ai suoi seguaci un messaggio pre-registrato che invita i seguaci del suo partito a recarsi a votare. Dentro a un contesto così teso, che cosa rappresentano per i cristiani del Pakistan queste elezioni? AsiaNews lo ha chiesto a mons. Samson Shukardin, vescovo della diocesi di Hyderabad e presidente della Conferenza episcopale del Pakistan:

Come ha visto il Paese prepararsi ad andare ai seggi?

Le elezioni generali sono essenziali per la crescita del nostro Paese. Vorrei che fossero trasparenti e che una volta terminate si mirasse a rispondere alle reali esigenze del Paese. In questo momento però sembra che nessun partito da solo possa ottenere la maggioranza e prevedo un governo di coalizione.

Lei ritiene che la comunità cristiana sia ben rappresentata a queste elezioni?

Assolutamente no. Per il modo in cui funziona il sistema elettorale anche i parlamentari che dovrebbero rappresentare le minoranze sono scelti dai partiti politici e non dalla comunità. Tanti elettori, poi, non hanno accesso al voto perché non sono stati registrati, altrimenti in alcune circoscrizioni il cristiani avrebbero un numero molto elevato di voltanti. Dobbiamo migliorare anche noi poiché tutti i fedeli siano consapevoli dei propri diritti e doveri di cittadini.

Che tipo di rappresentanza dovrebbero avere secondo lei i cristiani in Pakistan?

Abbiamo bisogno di buoni candidati che possano servire la nostra comunità. Già oggi in almeno 20 collegi elettorali nel Paese gli elettori cristiani sono un numero significativo e potremmo vincere seggi generali, ma tutto è lasciato alla scelta di ogni partito. A questo punto penso che i cristiani dovrebbero formare un proprio movimento nazionale che possa guidare gli interessi comuni anche in campo politico.

Ritiene adeguato il sistema elettorale?

Sono favorevole all’attuale sistema. Ma ritegno che ai cristiani (come alle altre minoranze) dovrebbe essere consentito di esprimere un doppio voto, uno per i candidati del partito prescelto e uno per i candidati cristiani nelle proprie circoscrizioni elettorali.

Il Partito popolare pakistano (Ppp) ha candidato il cristiano Naeem Gill nella circoscrizione di Warispura, a Faisalabad dove i cristiani sono spesso costretti a fare gli spazzini. Come vede questa scelta?

È quanto chiediamo: è davvero un buon segno e apprezzo il passo compiuto dal Ppp. Anche gli altri partiti dovrebbero seguire questa strada e candidare i cristiani che possano contendersi anche i seggi generali e sedersi nelle Camere.

Che cosa si augura per la giornata di domani e l’esito di queste elezioni?

Sono un leader religioso, ma una cosa che desidero, e per cui prego, è la stabilità economica del mio Paese, visto l’aumento delle persone in povertà. La popolazione del Pakistan è per metà composta da donne: senza il loro contributo a tutti i livelli non possiamo diventare un Paese migliore. Senza le donne non possiamo aspettarci un futuro economico migliore. Oggi prego e mi auguro che le elezioni di domani siano pacifiche. Dovremmo tutti accettarci a vicenda e rispettare le differenze degli altri.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/02/2024
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Preparatevi si vota a Giugno

Il voto a Giugno sembra essere sempre più vicino

Leggi tutto

Politica

Cento giorni dalle prossime elezioni

Se la campagna elettorale non è ufficialmente aperta, a poco più di tre mesi dalle elezioni, rombano ugualmente i motori delle formazioni in campo. Anche il Popolo della Famiglia lavora alacremente per aumentare, consolidare e conservare il consenso che dovrebbe permettergli di dare una rappresentanza politica al popolo del Family Day, tradito dai partiti che dovevano sostenerlo.

Leggi tutto

Chiesa

Dialogo oltre i populismi

Il discorso di Papa Francesco è andato a toccare motivi di forte contrasto politico tra le nazioni:  le parole del Pontefice hanno messo l’accento soprattutto sull’importanza della collaborazione fra le nazioni e della diplomazia multilaterale, che appare sempre più indebolita dal riemergere di tendenze nazionalistiche.

Leggi tutto

Politica

Popolo della Famiglia: “Restituire sostegno e fiducia al mondo della scuola e alle famiglie.”

Il partito, che sostiene la candidatura a sindaco di Paolo Damilano, sottolinea le criticità che vanno superate al più presto.

Leggi tutto

Storie

Disabile per “errore medico”

Del caso se ne era occupata l’inviata del le Iene Veronica Ruggeri dedicando alla 16enne di Cava de’ Tirreni (Salerno) un bellissimo servizio. Il calvario di Arianna inizia quando, a soli due anni e mezzo, viene colpita da una bronchiolite acuta. Dopo un breve periodo di degenza all’ospedale di Cava de’Tirreni viene trasferita al “A. Cardarelli” di Napoli. Il trasferimento “avviene a bordo dell’autoambulanza, in braccio alla madre, con il medico collocato nella cabina dell’autista e quindi impossibilitato a monitorare, in tempo reale, le sue condizioni cliniche. In spregio ad ogni linea guida vigente all’epoca, come ora”, spiega Mario Cicchetti, il rappresentante legale della famiglia Manzo.

Leggi tutto

Media

Volo solo chi osa farlo

in questi giorni l’autrice dell’articolo ho trovato questo libro ed ha pensato di parlarcene In un tempo dove il più grande punto interrogativo sono i giovani, la scuola, questo libro di Michele Smecca è la certezza che il nostro sguardo deve essere rivolto a questi ragazzi e al loro potenziale.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano