Storie

di Nathan Algren

Thailandia: l’inquinamento ‘oscura’ il Capodanno lunare

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Troppo smog in diverse aree del Paese e il governo chiede di limitare o fermare l’accensione dell’incenso, ma anche i fuochi d’artificio e il rogo di finto denaro, durante il periodo del Capodanno lunare. Conosciuto anche in Thailandia come Capodanno cinese, è un evento molto partecipato soprattutto nei centri abitati dove più forte è la presenza dei sette milioni di thai eredi dell’immigrazione storica dalla Cina ma dove le celebrazioni sono diventate da tempo anche un’attrazione per locali e turisti.

In una comunicazione a cui è stata data ampia diffusione, il vice-portavoce del governo Karom Phonphonklang ha ieri sottolineato la gravità della situazione e l’urgenza di cercare di alleviarla in ogni modo. In particolare, rimarcando l’elevato livello di polveri sottili pari o inferiori ai 2,5 micron, particolarmente nocive per la salute e la cui concentrazione ha da settimane messo in allerta la capitale Bangkok, dove corresponsabili sono gli scarichi dell’elevato numero di veicoli e delle aree industriali. Tuttavia, l’emergenza riguarda anche il Nord e in particolare il suo centro più popoloso, Chiangmai, che risentono pesantemente del rogo dei residui della raccolta nei campi.

Anche nell’inverno in corso non sono bastate finora piogge indotte artificialmente, misure per contenere la circolazione degli autoveicoli nei centri urbani, la pulizia periodica delle strade con idranti nelle aree di maggiore accumulo delle polveri. Tutti provvedimenti temporanei e di basso impatto sull’inquinamento. Misure più permanenti richiederebbero modifiche sostanziali del parco circolante, in costante incremento e quasi esclusivamente di veicoli con motori a combustione e ad alta capacità inquinante, e le aziende con la riconversione energetica, l’uso di macchinari a minore impatto ambientale e di inferiori quantità di elementi chimici dannosi. Entrambi incontrano la ritrosia della politica a intervenire con provvedimenti impopolari e il rinvio è la risposta abituale delle autorità, fra cui l’accoglimento della recente richiesta degli imprenditori di una proroga quinquennale per il passaggio a energie e produzioni meno inquinanti.

Le necessità di “sviluppo”, come proposte e implementate, continuano in buona parte a ignorare la compatibilità ambientale, nonostante forme di inquinamento gravi dell’aria colpiscano fino a 20 milioni di abitanti, poco meno di un terzo dell’intera popolazione. Un altro esempio sono le pratiche di incenerimento degli scarti all’aperto, che se in via di riduzione per quanto riguarda rifiuti e materiale da costruzione, nell’agricoltura cozzano contro un incremento costante di produzioni che abitualmente ricadono sotto la pratica del “taglia e brucia” (slash and burn) per liberare i terreni dopo i raccolti. Basti pensare che, ogni anno, sono centinaia di migliaia gli ettari dedicati a incrementare la produzione di granoturco.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/02/2024
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Un anno di PDF: fortificati dal fuoco

Abbiamo proposto un modello organizzativo di cui andiamo orgogliosi, abbiamo steso una rete senza capi e capetti, ma dove i ruoli dirigenziali del movimento si ottengono lavorando sul territorio in armonia con gli altri (fattore decisivo, chi non è in comunione con gli altri e ha atteggiamenti divisivi viene accompagnato alla porta) e costruendo consenso. Così si sono messi in luce già decine di dirigenti del Popolo della Famiglia che saranno in grado di rappresentarne le istanze nelle assemblee elettive ad ogni livello, altri possono aggiungersi perché la caratteristica del Pdf è di essere un movimento totalmente aperto, aperto davvero con porte e finestre spalancate senza inutili burocrazie interne che ne bloccherebbero la crescita. Ognuno può essere protagonista e essere misurato sul livello di consenso che riesce a generare, proprio per questo dall’1% nazionale della nostra prima uscita alle amministrative probabilmente misureremo una percentuale più che raddoppiata a questa tornata, per poi puntare dritti allo sbarramento del 3% che è la porta che consentirebbe per la prima volta nella storia italiana ad un soggetto politico esplicitamente nato a difesa della famiglia e dei principi non negoziabili di sedere nella stanza dei bottoni.

Leggi tutto

Politica

Dieci faq per i militanti del Popolo della Famiglia

Ora che le liste sono state consegnate e accolte in tutti i 97 collegi del Paese, comincia la parte più faticosa in vista del 4 marzo: la vera e propria campagna elettorale, con i dibattiti televisivi in par condicio e le discussioni in ogni angolo della nazione, fin dal fruttivendolo e dal barbiere. Per essere incisivo un piccolo movimento politico deve anzitutto uscire dall’anonimato in cui perlopiù vaga il suo simbolo. Oltre a questo, c’è tutta una ridda di questioni più o meno ricorsive che per comodità vengono qui compendiate in un decalogo. Evitare di dissipare tempo ed energie è il motto.

Leggi tutto

Politica

Green pass, Mattarella ha firmato

Probabile la proroga dell’obbligo di Green pass per i sanitari. Anche se resta una norma pro tempore. Continuano ad infuriare le polemiche seppur i media remino quasi tutti dalla stessa parte.

Leggi tutto

Politica

Reddito di cittadinanza: un flop senza fine

Tutto ciò che concerne il reddito di cittadinanza è un flop continuo. Adesso chi dovrebbe assistere gli operatori dei Centri per l’Impiego nella realizzazione di un percorso che coinvolga i beneficiari della riforma grillina, si licenzia ed è in cerca di un altro lavoro.

Leggi tutto

Società

Caso Signorini, Adinolfi dalla parte del conduttore

Continua a tenere banco il caso sulle parole di Alfonso Signorini riguardanti l’aborto al GF Vip: Mario Adinolfi si schiera dalla parte del conduttore

Leggi tutto

Politica

Attese intollerabili per un tampone

A Modena gravi disservizi per fare il tampone denuncia Elisa Rossini di FdI -Popolo della Famiglia

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano