Chiesa

di Giampaolo Centofanti

Don Centofanti: Vangelo di domenica 11 febbraio e commento

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Mc 1,40-45 Vangelo di Domenica 11 febbraio 2024, VI settimana del Tempo ordinario, anno B

In quel tempo, venne da Gesù un lebbroso, che lo supplicava in ginocchio e gli diceva: «Se vuoi, puoi purificarmi!». Ne ebbe compassione, tese la mano, lo toccò e gli disse: «Lo voglio, sii purificato!». E subito la lebbra scomparve da lui ed egli fu purificato. E, ammonendolo severamente, lo cacciò via subito e gli disse: «Guarda di non dire niente a nessuno; va’, invece, a mostrarti al sacerdote e offri per la tua purificazione quello che Mosè ha prescritto, come testimonianza per loro».

Ma quello si allontanò e si mise a proclamare e a divulgare il fatto, tanto che Gesù non poteva più entrare pubblicamente in una città, ma rimaneva fuori, in luoghi deserti; e venivano a lui da ogni parte.

***

Un lebbroso a quel tempo doveva stare fuori dell’abitato e a distanza dalle persone sane. Invece questo si avvicina con fiducia a Gesù. È un episodio che fa molto riflettere. Anche gli apostoli la mettono con Gesù sul piano della dignità e gradualmente scoprono che lui li ama di un amore meraviglioso, che è loro vicino. Se un genitore che ama i propri figli ne ha uno sbandato lo considererà indegno di lui o lo amerà ancora di più nel senso di desiderare e cercare con tutto il cuore, con delicatezza e discrezione, di aiutarlo ad uscire fuori da quelle prove? Gesù non vede l’ora di starci vicino, di aiutarci, rispettando i tempi di ciascuna persona. Il brano racconta che Gesù si commosse nelle viscere. Altro che indegnità, Gesù non vedeva l’ora di quell’avvicinarsi del lebbroso che nel suo caso rendeva cosa buona guarirlo. Gesù stende la mano, lo tocca, lo guarisce. Allora ciascuno di noi può credere che Gesù si commuove nelle viscere per le nostre sofferenze, i nostri bisogni, le nostre speranze e non vede l’ora di sciogliere i nodi, di aprire le strade di ogni bene. Gesù è all’opera con ogni attenzione da prima che glielo chiediamo e tanto più quando glielo chiediamo. Perché allora se soffre più di noi per noi non ci dà tutto subito? Perché la vita e ogni bene non sono cose che si possono mettere in mano. Senza l’apertura del cuore alla Luce non andiamo sulle vie dov troviamo i beni per noi, possiamo non riconoscerli, accoglierli male, incepparci e non superare certe difficoltà, possiamo finire per perdere e rovinare i doni ricevuti. In questo brano vediamo che l’aprirsi alla grazia è graduale e talora anche se il cuore non è chiuso può vivere ritardi e resistenze. Infatti questo guarito capisce forse come modestia di Gesù l’invito a non divulgare la notizia del miracolo e finisce per ostacolare la sua opera con difficoltà a ricevere tanti doni per tutti, lui compreso. In questa stessa direzione osserviamo che Gesù non caccia il guarito ma lo incoraggia con forza a rientrare nella comunità passando dal sacerdote. Ecco Gesù in certi momenti aspetta la crescita, in altri la stimola, non agisce meccanicamente ma secondo un amore a misura della specifica persona.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/02/2024
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

La rivoluzione della diffusa traduzione simultanea

Il “fischi per fiaschi” del potere era conosciuto già nell’Antico Testamento. Il continuo rivolgere ogni cosa a proprio vantaggio del pensiero unico del sistema. Realtà oggi particolarmente difficile da contrastare perché la grande informazione e cultura sono in mano al potere. Le vie del discernimento sono strutturalmente falsate dall’assenza di una libera formazione e informazione. La gente non può davvero partecipare, la vissuta ricerca del vero è cancellata dai criteri di apparato.

Leggi tutto

Chiesa

Il Vangelo del giorno di don Centofanti

Vangelo di martedì 16 maggio 2023, VI settimana di Pasqua e commento di d Giampaolo Centofanti

Leggi tutto

Chiesa

La solitudine dei cattolici olandesi

Incontro dei Direttori diocesani delle Pontificie Opere Missionarie nei Paesi Bassi

Leggi tutto

Chiesa

Don Centofanti: Vangelo di martedì 5 dicembre e commento

Lc 10,21-24 Martedì 5 dicembre 2023, Martedì della I settimana di Avvento

Leggi tutto

Chiesa

Beatificazione per don Richard Henkes, sacerdote della Società dell’Apostolato Cattolico

Don Richard è morto di malattia, ma è stato possibile dimostrare che quella morte era avvenuta perché si trovava nel campo di concentramento a causa della sua predicazione, che proponeva il Vangelo come alternativo al neopaganesimo che circolava nella Germania nazista

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Angelus: “Dio, che ci dà la vita, ci domanda slanci di vita”.

Prima della preghiera mariana Papa Francesco ha commentato il Vangelo di questa domenica e l’incontro di Gesù con l’uomo ricco, che è “un test sulla fede” anche per noi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano