Chiesa

di Giampaolo Centofanti

Don Centofanti: Vangelo di lunedì 12 febbraio e commento

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Gv 8, 11-13 Lunedì 12 febbraio 2024, VI settimana del Tempo ordinario, anno pari

In quel tempo, vennero i farisei e si misero a discutere con Gesù, chiedendogli un segno dal cielo, per metterlo alla prova.

Ma egli sospirò profondamente e disse: «Perché questa generazione chiede un segno? In verità dico: a questa generazione non sarà dato alcun segno».

Li lasciò, risalì sulla barca e partì per l’altra riva.

***

Senza la grazia non possiamo fare nulla ma si può resistere in vario modo e misura alla grazia stessa. Talora per debolezze, per attaccamenti molto umani anche se per certi aspetti da superare, talora per più radicali ripiegamenti di interessi, fino alla pura cattiveria. Cosa forse molto difficile quest’ultima nell’essere umano, così soggetto alla fragilità, alla ignoranza, della carne. Perciò Gesù spesso suggerisce di porre attenzione a come ascoltiamo, di sforzarsi di passare per la porta stretta. Non si tratta di angosciarsi su tali piste ma di intuire sempre più che talora abbiamo dentro una luce serena che lasciamo sopraffare appunto da ansie, attaccamenti, debolezze varie dalle quali pure potremmo non farci troppo condizionare. Si possono dare per esempio anche debolezze preterintenzionali, sbavature che non si ha il tempo, il modo, di respingere con ponderazione. In tali casi non bisogna accusarsi di peccato perché non vi è piena volontarietà. Queste accuse non fanno che scoraggiare, confondere, indebolire. Si può invece lavorare per esempio sull’evitare le situazioni prossime alla debolezza. Li vi può essere una scelta consapevole e volontaria.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/02/2024
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco: la gioia offerta da Gesù non è mai annacquata

Dio vuole per noi il meglio, ci vuole felici: così Francesco commenta all’Angelus il brano sulle nozze di Cana, precisando che il segno di cui si racconta “non è una guarigione straordinaria o un prodigio”, ma un “gesto che viene incontro a un bisogno semplice e concreto di gente comune”

Leggi tutto

Media

Libro: La Parola e i racconti

S’intitola ‘La Parola e i racconti’ il nuovo volume che raccoglie le storie ideate da sedici scrittrici a partire da alcuni passi del Vangelo.

Leggi tutto

Chiesa

Il vangelo del Buon Pastore

L’amore meraviglioso di Gesù, il pastore, quello bello. Gesù è l’unico che nel suo amore meraviglioso e delicato sa come aprire il cuore di ciascuno. Io stesso non posso entrare nel mio cuore se non nel suo amore che mi aiuta a guardarmi con comprensione, a trovare le autentiche tappe, vie, della mia crescita. Non forzature, scelte meccaniche, sensi di colpa, inutili lassismi. Quando cerco di essere me stesso con semplicità e buonsenso lì c’è Dio che mi ha preso per mano e mi fa maturare gradualmente.

Leggi tutto

Storie

Carissima Greta

Spero, Greta, che tu possa liberarti delle sciocchezze che ti fanno dire. Cara Greta, spero che un giorno tu possa aprire un libro che si chiama Bibbia e leggere le prime parole che si trovano nel primo capitolo, che si chiama “Genesi”. Qui troverai ciò che basta, all’Uomo, per capire quanto il pianeta sia importante in tutta la bella espressività del Creato, compresi – ovviamente – i “cuccioli” d’Uomo.
Una mamma.

Leggi tutto

Chiesa

La preghiera unisce quello che il mondo divide

San Nicola, ucraini polacchi italiani in preghiera: al cuore immacolato di Maria

Leggi tutto

Media

Il libro che ci legge – La Bibbia come mappa del tesoro

«La Bibbia è il nostro libretto delle istruzioni, è la Parola che ha l’ultima parola» Costanza Miriano, riprova nella sua ultima fatica “ Il libro che ci legge – La Bibbia come mappa del tesoro” (Sonzogno Editore € 16,00, pag. 158, Anno 2022) a far comprendere ai suoi amici e ai suoi lettori quanto la Bibbia parli di noi e soprattutto a noi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano