Storie

di Nathan Algren

I cento anni del santuario di Gunadala

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nello Stato indiano dell’Andhra Pradesh una grande folla ha partecipato questa mattina alla liturgia eucaristica per il centenario del santuario di Mary Matha a Gunadala, nella diocesi di Vijiawada. A presiede la solenne liturgia - cuore di tre giorni di celebrazioni - è stato il nunzio apostolico in India, mons. Leopoldo Girelli, accanto al vescovo diocesano mons. Thelagathoti Joseph Raja Rao e a p. Ferruccio Brambillasca, superiore generale dei missionari del Pime, a cui si deve la nascita di questo luogo entrato nel cuore dei fedeli indiani.

Come ricordato da mons. Raja Rao all’inizio della celebrazione, fu infatti p. Paolo Arlati a portare su questa collina nel 1924 una statua della Madonna di Lourdes arrivata con lui dall’Italia: collocata in una nicchia ha accompagnato con le sue grazie la fioritura di questa Chiesa locale. «Il lavoro iniziato da quei missionari ora è portato avanti dalle nuove generazioni di cristiani che loro hanno battezzato - ha spiegato il vescovo di Vijayawada -. Il Vangelo ha portato frutti: insieme ad Eluru, la nostra diocesi sorella, formiamo una comunità di 700mila cattolici”.

Mons. Raja Rao ha parlato di una vera e propria “rivoluzione culturale” che la devozione alla Vergine ha portato in questo territorio. “La gente va a Gesù attraverso la materna intercessione di Maria: viene qui a invocare grazie chiedendo la guarigione, il dono dei figli, lavoro e tanti altri doni. E il santuario è un luogo che raduna fedeli di ogni religione, perché Maria, la Madre di Gesù, è benedetta anche da non cattolici e non cristiani. Mary Matha è un centro di evangelizzazione e un punto di unità tra tutte le religioni”.

Anche il nunzio mons. Girelli ha voluto ringraziare i missionari e le suore del Pime “per il ruolo che svolgono in questa Chiesa locale”. “Noi veneriamo il Signore Gesù come nostro Salvatore e come Redentore, perché è lui che ci guarisce - ha ricordato -. Ma guardiamo anche a Maria come Corredentrice, con la sua cura per quanti sono malati, ma anche per chi è nel dolore”.

Da parte sua il superiore generale del Pime ha voluto esprimere la gioia dell’istituto per questo anniversario attraverso un messaggio affidato alla diocesi di Vijawada: “Costruire un santuario mariano vuol dire prima di tutto affidare l’opera di evangelizzazione a Maria – ha spiegato -, ma nello stesso tempo significa anche pensare a un luogo di preghiera dove ciascuno, senza eccezioni, possa affidare le proprie preoccupazioni, desideri e preghiere a Dio, per il tramite di Maria nostra madre”.

“Spero che questo santuario mariano di Gunadala - ha concluso - continui a essere un luogo di preghiera, e anche a 100 anni di distanza dalla sua nascita, possa continuare a diffondere quello spirito missionario che i nostri primi missionari hanno testimoniato in questa terra indiana. Possa essere, inoltre, un luogo dove le vocazioni missionarie continuino a nascere per il mondo intero, come è stato per Maria, che ha donato il suo Figlio al mondo intero. Possa Maria, Stella dell’Evangelizzazione e regina degli Apostoli, proteggere tutti quanti vengono a pregare a questo santuario di Gunadala, e donare loro gioia, pace, serenità e unità”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/02/2024
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

In Italia una fede “dubbiosa”

Presentata l’indagine sociologica “L’incerta fede” commissionata dalla Conferenza episcopale italiana a 25 anni da “La religiosità in Italia”. A Messa solo il 22 per cento (nel 1995 era il 31), ma tiene la preghiera personale. Scende il numero di chi crede ad una vita oltre la morte, dal 41 al 28 per cento

Leggi tutto

EGITTO - Un tempo di “risveglio spirituale” in memoria dei Martiri copti di Libia

15 giorni di “risveglio spirituale” da vivere nella memoria grata verso coloro che sette anni fa morirono sussurrando il nome di Gesù, proprio mentre venivano sgozzati da empi manovali del terrore jihadista.

Leggi tutto

Media

Don Stimamiglio nuovo direttore di Famiglia Cristiana

Il giornalista, già condirettore della rivista, succede a don Antonio Rizzolo,

Leggi tutto

Storie

Nigeria - Strage in una Chiesa cattolica

Uomini armati hanno fatto irruzione nella chiesa di San Francesco Saverio a Owo, nello stato di Ondo, aprendo il fuoco contro i fedeli che celebravano la Pentecoste. Numerose le vittime, tra cui diversi bambini. Il Papa prega per le famiglie dei morti e i feriti.

Leggi tutto

Storie

La missione della Chiesa in Asia

Inaugurata il 22 agosto presso il santuario del Beato Nicholas Bunkerd Kitbamrung a Bangkok, in Thailandia, la Conferenza generale della Federazione delle Conferenze Episcopali dell’Asia

Leggi tutto

Storie

L’arcidiocesi di Seoul vuole ospitare la Gmg 2027

Mons.Peter Chung Soon-taick vuole portare in Asia la Giornata mondiale della Gioventù

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano