Società

di Mario Adinolfi

La fine del tour VLM 2014 e i preziosi insegnamenti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Parola mi ha spiegato tutto. Dentro un Duomo bello da far piangere un prete con i paramenti leggeva: “Egli non era la luce, ma doveva rendere testimonianza alla luce”. Non sono degno di “sciogliere il legaccio del sandalo” a nessuno. Ma ho annodato il mio e mi sono messo in marcia, perché sentivo che era necessario. Tutto qui. Per strada ho incontrato degli amici, molti indegni e un po’ acciaccati come me, altri quasi santi, siamo diventati una variegata compagnia di testimoni. Non ho marciato solo.

Ero a Matera oggi per l’ultima data del tour di presentazione di Voglio la mamma, il piccolo libro che ho scritto otto mesi fa e che ho portato in giro per l’Italia fino a questa tappa conclusiva insieme a tutti gli amici dei circoli VLM sparsi per il paese riuniti per la seconda volta in quattro mesi in assemblea nazionale. Siamo fatti così, siamo amici e ci piace stare insieme. Dopo 125 date in poco più di sette mesi, cinquantamila persone incontrate, ottantamila chilometri percorsi in una Smart rossa fotografata per far vedere che c’entro (prima che si schiantasse in un incidente stradale miracolosamente senza feriti sulla A1 verso la tappa di Montevarchi), decine di contestazioni, centinaia di agenti delle forze dell’ordine che hanno protetto il nostro diritto di parola (grazie davvero), dopo milioni di parole spese in migliaia di interventi di chi scrive e delle persone che sono venute ad ascoltare, dopo tutto questo ci si riposa un po’.

E’ stato bellissimo dire in tutta Italia che le persone non sono cose, i figli non si pagano, gli uteri non si affittano, i malati non si ammazzano e che tutte le persone, soprattutto le più indifese e sofferenti, si abbracciano, si amano, si curano. E’ stato soprattutto bellissimo parlare ad una infinità di giovani e notare come fosse un errore macroscopico quello di considerarli superficiali o disattenti: sono solo alla ricerca di messaggi sensati in un’orgia di caos che li sovrasta, in un insegnamento principe e cretino secondo cui la libertà equivale a fare ognuno quel che gli pare. I giovani, i giovanissimi, rifiutano questo insegnamento e accolgono l’idea di libertà come scelta. Scegliere ciò che è bene per sé e per gli altri è la libertà. Per poter centrare questa scelta bisogna imparare a conoscere cos’è il bene. E’ semplice e meravigliosa insieme, questa ricerca, appassionante ad ogni età: ma invidio i ragazzi che iniziano ora a compierla.

Adesso mettiamo via i sandali e ci si ferma per un po’, sapendo che resterà tutto vivo nella memoria. Nostra e forse di chi ci ha ascoltato. Accantoniamo dal tour VLM 2014 preziosi insegnamenti, sarà legna per l’inverno. La primavera, secondo alcuni, tarderà ad arrivare. Io non lo so. So che un grande uomo nel culmine della notte scrisse alla donna amata che avrebbe voluto sapere come ci si sarebbe visti “di là” e aggiunse: “Se ci fosse luce sarebbe bellissimo”. Che sia lungo o corto, freddo o buio, l’inverno finirà. Noi ci rimetteremo in marcia e renderemo testimonianza. Se ci incontrerete per strada, dateci ospitalità come avete fatto in maniera così straordinaria in questo 2014 che va a concludersi. Ve ne saremo grati e forse diventeremo amici.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/12/2014
0112/2022
Sant'Ansano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Adesso pure la “locura” dell’eutanasia

Un gruppo di volti televisivi dai nomi altisonanti, sono stati utilizzati dai radicali dell’Associazione Luca Coscioni per un video che chiede l’approvazione della legge di iniziativa popolare che legalizzerebbe l’eutanasia depenalizzando la soppressione di malati che, a sentire Veronesi, avviene sistematicamente e silenziosamente negli ospedali italiani.

Leggi tutto

Politica

Il presidente cattolico dopo Napolitano

Ha chiuso Europa, chiude tra qualche giorno La Padania, voi capirete che l’idea di mandare in edicola La Croce - Quotidiano diventa terrorizzante.

Leggi tutto

Politica

E i pazzi siete voi

In queste settimane quante volte ci siamo sentiti dire che siamo pazzi a insistere sui temi della vita e della famiglia, che così facendo facciamo “il male dei nostri figli”, che mettere su un quotidiano “addirittura cartaceo” su questi argomenti era indice di un’ossessione che ci avrebbe portato alla rovina, anche economica.

Leggi tutto

Società

Il 13 giugno al Palalottomatica

Leggi tutto

Media

Con più fantasia, non con meno

Vladimir Luxuria opinionista alla tv dei vescovi nel giorno in cui il Cardinale Bagnasco, presidente dei vescovi italiani, afferma che le nozze gay sono “un cavallo di Troia”, somiglia decisamente alla sventurata mossa che pose fine al più epico dei conflitti: portare il cavallo dentro le mura, pensare che fosse un dono, restare addormentati e disarmati.

Leggi tutto

Politica

I prossimi decisivi 100 giorni

La cultura mortifera della trasformazione delle persone in cose che è all’offensiva su tutto il territorio europeo (la sentenza della Corte di giustizia sulla brevettabilità e conseguente commerciabilità degli ovuli umani è di ieri) nei prossimi 100 giorni installerà il suo campo di battaglia in Italia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano