Media

di Paolo Pugni

I media e le parole

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

In un bello quanto antico telefilm –si chiamavano così all’epoca quelli che oggi sono più nobilmente serial tv- della serie Ai confini della realtà (Parole in libertà 1985) un uomo perdeva progressivamente il significato dei vocaboli. Non era più in grado di chiamare gli oggetti per nome e privo così del terreno comune finiva per non riuscire più a comunicare con chi gli stava intorno.

Questa stessa idea, un incubo per chiunque oggi disegnato sulla nebbia dell’Alzheimer (il delizioso mestolo di Barney) fu ripresa qualche hanno dopo dal fumetto Dylan Dog (dicembre 1995 albo gigante 4) in una vicenda nella quale il personaggio che perde il senso del linguaggio finisce suicida, rivelando l’importanza del comunicare per vivere. Senza senso si diventa pazzi.

Nell’epica e ben nota scena di Palombella Rossa Nanni Moretti schiaffeggia l’incauta giornalista che si abbevera di banalità sinistre apostrofandola con un bruciante “le parole sono importanti!”.

Già le parole sono importanti.

Perché le parole contengono dentro una saggezza che rivela molto della nostra vita e che può dare fastidio. E quindi oggi c’è chi vuol cancellare questa loro forza: coniuge e consorte sono molti diversi da compagno. Il pane lo spezzo con chi voglio e alzato da tavola me ne vado, la sorte o il giogo –quello che è leggero e felice- si divide per la vita.

Le parole parlano piano, sussurrano, gridano e dicono il senso: sono come cartelli che puntano più il là, per mostrare che c’è vita oltre il suono ed è una vita che va compresa per farla propria.

Le parole uniscono se si utilizzano nel medesimo modo, con condivisa pienezza : perché se le parole perdono senso diventa impossibile ragionare. Logos in greco sta sia per parola che per ragione: una ragione ci sarà! Se dunque vuoi combattere il senso, impedendo il dialogo sulla realtà, è le parole che devi attaccare per prime.

Una battaglia è già in atto: è la creazione –avvenuta anni fa- dell’antilingua, non quella di Calvino che attaccava il burocratese, ma quella di Liverani che mostrava come si cercasse di sottrarre il dolore e il crimine da atti violenti edulcorando l’azione con vocaboli incomprensibili o morbidi. Purtroppo non sono le parole che rendono giuste le cose, sebbene lo si pensi e lo si speri. Le parole descrivono non determinano. Né che le rendono cattive peraltro: definire omofobo un convegno sulla famiglia…. Va bé sapete già tutto, tirem innanz.

Oggi capita altro, oggi la guerra è differente: ci stanno rubando il significato delle parole e così finisce che non ci si capisce più. Non si può più discutere. Soprattutto non si capisce più la realtà. Succede ogni volta che l’uomo vuol farsi Dio, come a Babele.

Poiché vuole scimmiottare il Verbo, deve inventarsi altri linguaggi e non potendoli creare, cerca di cariare quelli esistenti, prosciugandone l’essenza come un dissennatore o impiantandosi dentro come i face-hugger di Alien che generano mostruosità erompendo dal guscio svuotato di vita.

La strategia è semplice: prendi una parola chiave – chessò: libertà, amore, educazione, genitore, matrimonio- e inizia ad eroderla lavorando sull’emotività (e in questo i media sono maestri, coltivano e moltiplicano l’emotività più Gesù pani e pesci, perché così si finisca per affogare la ragione nel pianto e nel godimento), svuotala da dentro e riempila di sensazioni che affogano la logica. E inizia ad usarla contro la sua reale definizione.

Facciamo un esempio: libertà che da mezzo è diventato fine.

Libertà in origine è una facoltà, uno strumento che permette il discernimento. E c’è chi ne distingue l’attuazione dalla possibilità: come spiega bene Frankl posso essere libero anche se internato in un campo di concentramento, ciò che mi viene sottratto è il libero arbitrio, la possibilità di attuare una scelta, ma mantengo sempre la possibilità di volere o non volere.

Quindi a libertà è mezzo che guida, meglio: è guidata dalla coscienza, ad agire per raggiungere un bene. In questo senso la verità ci farà liberi, perché più conosceremo la volontà più saremo liberi in quanto capaci di scegliere il bene.

Non è la libertà che farà il vero, come invece si sostiene oggi.

Irridendo non dico solo l’etica ma anche la coerenza, si pretende che la libertà sia fine ultimo, possibilità di scegliere senza costrizioni, poiché è la libertà a determinare che cosa sia bene e cosa dia male nell’atto stesso della scelta. Il che vorrebbe dire che qualunque cosa scelgo è lecita. Poi no però, perché parlare di famiglia è aggressione e quindi con la mano destra scrivo #jesuischarlie e con quella sinistra #convegnoomofobo. Ora è vero che il Vangelo dice non sappia la tua destra cosa fa la sinistra, ma forse non era in questo senso che lo si intendeva.

Oggi quindi finisce che libero è chi libero fa, cioè chi quello che vuole e così si riduce la logica e la coerenza a fascismo della filosofia.

Peraltro da questa manipolazione del senso nascono i conflitti di oggi: come si può trovare un terreno comune tra chi pensa che la felicità stia nell’esercizio senza limiti della libertà e chi pensa che nell’affidare la propria libertà ad una guida che nel limitarla le restituisca una felicità maggiore e senza fine?

Prendiamo amore che secondo la vulgata è significato a se stesso (love is love) e soprattutto non è un verbo, come dicono gli americani avvantaggiati dalla bivalenza della parola love, ma un sentimento che soffia dove vuole, specie sui genitali, i quali rinnegando l’etimologia non servono a generare ma a divertirsi.

Questa deprivazione di senso, questa tempesta che impedisce il dialogo, perché ognuno applica la propria interpretazione del termine, questa manipolazione che assonna le coscienze, è responsabile della separazione dal vero: quando si inizia a parlare si finisce per litigare per ore sul senso del vocabolo e quando alla fine trovi una quadra ti sei scordato del punto di partenza e di dove volevi arrivare.

Ma questo è quello che vogliono i gestori della cultura e i media, che così con le parole giocano da perfetti illusionisti senza svelare il trucco. I nuovi media ne amplificano l’effetto, la rete al giornale ne rimanda notizia, ma masticata, devastata, rimpastata in un senso nuovo che dell’originale non ha più nulla. Perché nella rete c’è sempre chi beve qualunque cosa, confondendo il lercio.it per fatto certo e non riconoscendo l’illogicità che a volte sta dentro la medesima frase: un tempo ci si esercitava con i paradossi logici “il cretese Epimenide dice tutti i cretesi mentono”. Oggi basterebbe leggere qualche titolo di giornale specie on line, o constatare che a fianco dell’ennesima tirata contro il maschilismo sessista campeggia la foto seminuda di una pubblicità o peggio di un pezzo porno soft.

Riconquistiamo l’etimologia, dichiariamo il dizionario patrimonio dell’Unesco, affidiamone la protezione al FAI, lanciamo una campagna aggressiva con una parola che sculetti e proclami “toglietemi tutto ma non il mio significato” (come testimonial propongo intimità o sottomissione o relazione che fanno di sicuro audience), fondiamo un movimento NoFAV (Furto Avvelenato Vocaboli), creiamo un evento durante Expo (il senso nutre il pianeta), ma non facciamoci rubare ciò che collega la riflessione alla realtà.

E per chiudere e istigare alla riflessione provo a raccontare qui con provocazioni verbali, ci sta in un pezzo sulle parole, questa distrofia linguistica descrivendone la deriva.

Limite

Serviva a separare, proteggere, definire. Oggi è solo da abbattere, perché tutto si conquista a prezzo della verità. L’importante è fini….re

Libertà

S’è affrancata dal PER e si è ammantata con DI e DA. Si è fusa con il libero arbitrio ed è diventata fine, finendo prigioniera del capriccio e delle mode.

Amore

Sceso dal verbo, è saltato a cavallo delle emozioni, dalle quali è trascinato e deriso,. Si guarda allo specchio per trovare quello che una volta si cercava fuori da sé, oltre sé. Onanismo della ragione.

Genitore

Sinonimo di possessore di figli, ha rinnegato la sua radice etimologica per assumere quella più conveniente

Educazione

Tirare fuori, esaltare il potenziale, indirizzare il talento: questa l’origine. Oggi insulto che implica autoritarismo, costrizione. Per evitarlo si finge di trasformarla in una offerta di valori tra i quali si può scegliere. Peccato che alcuni valori siano più uguali di altri.

Giustizia

Dare ad ognuno il suo. O dare la medesima cosa a tutti? E poi ognuno chi? Ci sono ognuno che sono più ognuno di altri. E nel dubbio meglio costruirsi la propria. E marciare per aggiustarne la definizione di volta in volta secondo gli interessi del momento.

Sesso

Una volta diceva quello che eri e la tua personalità. Oggi si fa, senza limiti e confini. Ma non è un canto né libero. È solo animalità che si offre nuda a noi.

Figli

Siamo passati dall’avere –accogliere il figlio che arriva- a fare. Il prossimo passo è acquistare. Anzi no è già qui. E-baBy

Matrimonio

Dono alla madre. Poi sono diventati alimenti alla moglie abbandonata. Oggi è un’etichetta vuota di senso che rincorrono tutti salvo affermare, dopo, che è una prigione dalla quale scappare in fretta. Coerenza l’è morta.

Fare

Giannino o Prometeo? Ha sostituito avere, che può essere passivo, e soprattutto essere. Oggi sei ciò che fa, perché chi fa è dio: sesso, figli, soldi, quello che vuoi.

Saluto

Gli ebrei auguravano la pace, i greci la gioia, i latini la salute. Noi il benessere o la luce. O gli auguri di stagione. Che di per sé non hanno senso.

Diritto

Il retro della moneta dovere. Oggi qualunque capriccio. Diritto alla autodeterminazione, diritto all’aborto, diritto al lusso. Manco il valore dell’aggettivo gli hanno lasciato.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

28/01/2015
1005/2021
San Fabio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Come funziona la propaganda all’eutanasia

Tutte le tecniche dei teorici della “dolce morte”, tra manipolazione dei dati e ricorso sistematico al cavallo di troia del caso limite

Leggi tutto

Storie

Manuel Agnelli, Jax Fedez e le parole false

Fedez, compagno di merenda lautamente pagata da Sky Italia nei “live” di XFactor, seduto allo stesso banco di Agnelli si è illuminato e ha esultato quando ha sentito il cantante leader degli Afterhours insultare il mio nome. Già, perché lo stesso Fedez insieme a JAx, sempre leggendo in maniera imbarazzante un testo scritto da altri, nel corso della trasmissione le Iene qualche mese fa si era reso protagonista di un altro vergognoso insulto, con tanto di gestualità, rivolto a me come personificazione di tutte le famiglie che avevano partecipato ai Family Day.

Leggi tutto

Media

La tecnica del silenziatore

La strada scelta dai media sembra essere quella di silenziare la grande manifestazione del 20 giugno, non parlandone. Ci aspettiamo la risposta dei media cattolici, a partire dalla diretta di Tv2000

Leggi tutto

Chiesa

Cosa accade veramente nella curia di Modena

Sembra che certe testate cattoliche vogliano a tutti i costi fomentare avversioni ai Vescovi. Anche a costo di forzature.

Leggi tutto

Politica

Tutti in difesa del ministro Fedeli

Loro mentono sistematicamente agli italiani, ma se ne tocchi uno scattano uniti nell’autodifesa: Valeria Fedeli è stata fatta oggetto di un manifesto non violento né volgare, ma che semplicemente ricordava i suoi demeriti. Come un sol uomo scattano a difesa del ministro che ha millantato titoli di studio inesistenti Pd, Forza Italia e sindacati. Citazione a parte per il giuda Renato Schifani che veniva ai Family Day. Ricordarselo quando vi chiederanno di votare Forza Italia, sì, Schifani dopo il viaggetto con Ncd è tornato lì. Controvento, come sempre, solo il Popolo della Famiglia.

Leggi tutto

Media

Associazione Stampa Romana - Intelligonews chiude: a casa e senza tutele tutti i lavoratori

Librandi alla fine di ottobre ha comunicato alla redazione la fine dei giochi. Gli accessi si sarebbero ridotti, ma non al punto tale da giustificare una repentina chiusura. Nonostante l’editore negli anni avesse sfruttato il lavoro dei colleghi, avendo fatto poco e nulla per regolarizzare le posizioni contrattuali e previdenziali.
La lettura dei bilanci ci racconta invece tuttora una storia di assoluta sostenibilità dell’impresa editoriale. Forse ha inciso di più la collocazione di Librandi all’interno del partito democratico.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano