Politica

di Mario Adinolfi

Serviva un presidente cristiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Quella di oggi potrebbe essere una giornata da storica. Se, come sembra, Sergio Mattarella sarà eletto presidente della Repubblica italiana al quarto scrutinio una scuola politica, una identità culturale ben precisa, otterrà “l’accoppiata” tra Palazzo Chigi e Quirinale. La scuola politica è quella del popolarismo italiano fondato nel 1919 da un prete, don Luigi Sturzo. L’identità culturale è senz’altro la matrice cristiana. Mattarella è un cattolico e lo è anche il presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Attenzione, non si tratta di due cattolici all’acqua di rose, di quelli che dichiarano vaghi riferimenti alla fede e poi affondano in comportamenti pubblici e privati più che discutibili. Stiamo parlando di due cattolici praticanti, da Santa Messa tutte le domeniche, da una moglie sola, non stitici di figli. E stiamo parlando di due popolari, di due figure rilevanti del fu Partito popolare italiano fondato da don Sturzo.

Questa duplice matrice è un unicum, mai nella storia Italiana si era verificata una condizione del genere sull’asse tra Palazzo Chigi e il Quirinale. Qualcuno farà riferimento al biennio 1996-1998 quando alla presidenza del Consiglio arrivò Romano Prodi e contemporaneamente alla presidenza della Repubblica siedeva Oscar Luigi Scalfaro. Ma Prodi non si riconosceva nella tradizione del popolarismo, si qualificava come “ulivista” e anzi proprio contro il Ppi fondò un raggruppamento denominato “l’Asinello” che alle europee del 1999 inferse di fatto un colpo mortale proprio al Ppi che pochi anni dopo infatti si sciolse. Non prima però di aver tenuto a battesimo un giovane segretario provinciale che ne divenne il leader a Firenze: Matteo Renzi, appunto.

Dal punto di vista della fede poi Prodi rivendicava una posizione da “cattolico adulto”, cioè completamente sganciata nell’azione politica da un riferimento all’ispirazione cristiana. Una scuola che ha avuto una lunga serie di discepoli che arriva fino all’attuale sindaco di Roma, Ignazio Marino, che pure si proclama cattolico ma poi è il più grande sostenitore del matrimonio omosessuale ed ha appena varato gli inutili registri sulle unioni civili che giustamente sono stati stigmatizzati in queste ore anche dal cardinale Vallini, vicario di Roma che ha provato a richiamare al senso delle priorità il primo cittadino della Capitale. Inutilmente, perché Marino è impegnato in una battaglia ideologica, che purtroppo indebolisce le difese intellettuali anche di molti altri cattolici che diventano titubanti.

Si può tranquillamente dire, però, che l’accoppiata Renzi-Mattarella è di altra pasta. Sì, continueranno da parte del presidente del Consiglio i vaghi accenni a una necessità di varare leggi che vadano nella direzione del matrimonio omosessuale “con un altro nome”. Dovrà pure tenere buono gli Ivan Scalfarotto, le Paola Concia, gli Aurelio Mancuso vari. Ma di certo se oggi dovesse arrivare l’elezione di Sergio Mattarella alla presidenza della Repubblica il varo concreto di una normativa contro la Costituzione e contro la famiglia naturale appare francamente poco probabile.

Abbiamo aperto il primo numero de La Croce il 13 gennaio scorso con il titolo “Serve un presidente cristiano”. Era un auspicio, ma anche un monito. Mai come in questo momento il paese ha bisogno di unità e l’unità si raggiunge tornando alle radici. Volenti o nolenti le radici italiane affondando nel cristianesimo e oggi saluteremo con gioia, se avverrà, l’elezione del presidente cattolico che abbiamo così esplicitamente augurato al nostro paese.

Non siamo stati timidi, come qualche prelato ci invita ad essere senza leggerci e guardando il giornale “da lontano, nelle mani di qualcuno”. Abbiamo il nostro stile e, senza mancare di rispetto a nessuno, diremo sempre con nettezza quel che pensiamo. In questo frangente abbiamo ritenuto ci fossero le condizioni per chiedere per l’Italia un presidente della Repubblica in sintonia con le radici del paese. Non per un banale orgoglio di appartenenza o per sciocche ragioni di bandiera: noi non siamo tifosi, siamo impegnati in una battaglia che consideriamo non solo buona, ma decisiva. La battaglia a difesa della famiglia naturale, dei soggetti più deboli a partire da bambini e mamme, degli anziani malati che alcuni vorrebbero veder eliminati in ossequio a quella “cultura dello scarto” che tanto angustia il nostro amato Papa Francesco. Questa battaglia, contro l’ideologia del gender e per la moratoria Onu sull’utero in affitto, si combatte costruendo le condizioni politiche per la vittoria. Sapendo che la sconfitta sarebbe una sconfitta per tutti, come con il ddl Scalfarotto, che avendo l’intento di colpire le nostre posizioni finiva per costituire un precedente che ledeva il diritto d’espressione di tutti. E per questo, poiché alla fine è stata riconosciuta la natura antipopolare di quel provvedimento “contro l’omofobia”, non è diventato legge. Una mobilitazione popolare spontanea l’ha bloccato.

Rinunciando alla timidezza si può ottenere qualcosa in questo paese profondamente cattolico, che vede espressi da questa matrice due presidenti non per caso. Sono di ieri i dati dell’Eurispes che vedono, in totale controtendenza rispetto all’Europa, crescere in Italia i contrari al matrimonio gay di ben dieci punti percentuali in un anno solo. Le associazioni Lgbt, senza senso del ridicolo, hanno intestato all’azione compiuta da questo giornale e dai suoi amici la responsabilità di questo dato. Non è vero, ma se fosse vero per noi sarebbe solo una medaglia.

Forti comunque della nostra convinzione e forse anche di qualche capacità di persuasione noi proseguiremo con convinzione nella battaglia intrapresa. Ci auguriamo di poter avere davvero da oggi al Quirinale un interlocutore di spessore e sensibilità come Sergio Mattarella, a cui chiederemo subito un incontro per presentare la nostra proposta di moratoria Onu sull’utero in affitto e per chiedere il suo sostegno. Voi, cari lettori, continuate a raccogliere le firme: oggi alla pagina 8 c’è il manifesto-modulo, utilizzatelo fino al 13 giugno quando celebreremo la fine della campagna con un grande incontro pubblico al Palalottomatica di Roma.

Inviteremo i due presidenti a unirsi a noi, anche se probabilmente per il ruolo istituzionale che rivestono non potranno esserci. Con il cuore sì, però. E a noi oggi serve anche solo un sostegno del cuore, silenzioso, che sappiamo esserci senza bisogno di parole. Perché la battaglia è difficile, espone a insulti continui e fa bene sapersi in qualche modo sostenuti da chi conta molto più di noi. Vale per i presidenti, vale anche per qualche alto prelato. L’affetto, anche silenzioso, male non fa.

Quel che è certo è che in questo 31 gennaio 2015 l’Italia volta pagina e lo fa con due figli di don Sturzo e due cattolici veri nei ruoli di maggior peso. Alla sinistra vecchia maniera non è rimasta neanche la possibilità di giocarsi la carta dei franchi tiratori, perché sono troppo legati alla poltrona per metterla a rischio facendo saltare l’elezione di Mattarella e aprendo di fatto le urne delle politiche a cui Renzi li condurrebbe seduta stante. Il giovane premier ha giocato una partita a scacchi e oggi dichiarerà, con ogni probabilità, lo scacco matto. E’ un ragazzo brillante, che però in passato si è dimostrato anche capace di vuotezza e di mero calcolo nelle decisioni assunte. Era un atteggiamento preoccupante rispetto ai temi essenziali che a questo giornale stanno a cuore: temevamo il varo di leggi antipopolari e contro la famiglia, ossequiose verso la visione antropologiche di chi vuole trasformare le persone in cose. Non è che oggi le preoccupazioni siano dissipate, anzi, terremo sempre molto alta la guardia. L’elezione di un politico cattolico come Sergio Mattarella alla presidenza della Repubblica, comunque, regalerebbe qualche elemento di serenità in più a un paese che di tutto ha bisogno tranne che di dividersi ancora su questioni peraltro assolutamente marginali.

Auguri presidente, comunque, qualsiasi sia il nome che dalle prossime votazioni risulterà eletto alla guida della malferma e dolorante Repubblica italiana.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

31/01/2015
0705/2021
Santa Flavia Domitilla

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cassero, il delirio continua: “La Chiesa inquina con la sua ortodossia”

Replica delirante e unitaria di tutte le associazioni LGBT a difesa della vergognosa iniziativa blasfema del circolo gay di Bologna

Leggi tutto

Politica

Renzi copia il programma del PdF

La parola definitiva sulla televendita del redivivo dittatore democratico, di ritorno dall’Isola d’Elba, l’ha detta Makkox su Gazebo. Vogliamo però soffermarci su un “dettaglio”: mentre mette in sordina Scalfarotto e Concia, Renzi inserisce “mamma” tra le “tre parole” del suo nuovo Pd. Una rincorsa in cui il Popolo della Famiglia riconosce la difficoltà di Renzi che vuole recuperare consenso.

Leggi tutto

Società

LA GRANDE IDEA STURZIANA DELLA LIBERTA’

Voglio riavvolgere il nastro e portarvi a quando tutto doveva ancora accadere, a quel congresso del febbraio 1989, a trent’anni fa. Ero al Palaeur, zeppo all’inverosimile, avevo 17 anni e aspettavo come tanti l’intervento di Mino Martinazzoli, il mio maestro politico che mi chiamò poi a essere il più giovane membro dell’assemblea costituente del nuovo Partito popolare italiano, di cui avrei guidato da presidente nazionale il movimento giovanile (e mi emoziona pensare che il 2 marzo nascerà a Roma prossimo il movimento giovanile del Popolo della Famiglia, grazie a Nicola Di Matteo). Su YouTube è comparso il video di quell’intervento di Martinazzoli e so di chiedere un lavoro impensabile ai tempi di internet, ma ascoltatevi i trenta minuti scarsi di discorso e guardate anche cosa succede nei quindici minuti successivi. Si tratta di un documento storico di impressionante rilevanza.

Leggi tutto

Politica

Una crescita figlia della lotta

Il Popolo della Famiglia è oggi quella casa che è rimasta in piedi dopo la tempesta, con porte e finestre spalancate perché mira a lavorare insieme ad altri, mai arroccato nelle proprie certezze ma aperto a nuovi incontri. In particolare mi ha colpito la disponibilità al dialogo con noi di molti cardinali e vescovi con cui ho potuto dialogare anche di persona, da Agrigento a Bologna, da Imperia a Lecce, da Teramo a Cuneo. Confido davvero in un risveglio della Chiesa nel sostegno ai politici impegnati in politica, ma a quei laici che appunto hanno dimostrato di non essere interessati alla poltrona, ma a costruire un orizzonte nuovo per il bene comune.

Leggi tutto

Politica

Vengono dai Family Day i nuovi “forti e liberi”

A quasi un secolo dallo storico appello di don Sturzo, torna di nuovo e nuova l’esigenza di aggregare quanti «sentono alto il dovere di cooperare ai fini della patria senza pregiudizi e preconcetti». L’esperienza delle ultime due manifestazioni di piazza in favore della “società naturale di massa” ha mostrato che questo popolo esiste, e che sta legittimamente organizzandosi per l’agone politico

Leggi tutto

Politica

Eppure Péguy aveva seppellito per sempre il moderatismo….

Il “moderatista” avversa quella grandezza d’animo che è il solo distintivo della vera nobiltà.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano