Media

di Mario Adinolfi

Il gender a Sanremo? Noi cambiamo canale

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I conti non tornano. Apriamo oggi il giornale sugli Stati Uniti che, avendo avuto un anno di ripresa economica, tornano massicciamente a investire. Da noi la ripresa non si vede, in compenso le spese senza senso non mancano mai. Tra pochi giorni il festival di Sanremo guidato da Carlo Conti ci regalerà pagine di propaganda all’ideologia del gender che costeranno ai contribuenti italiani oltre centomila euro. Caro conduttore, che ci stai anche simpatico, sappi che non basta la mossa cerchiobottista di portare sul palco delle canzonette anche una famiglia numerosa per provare a riequilibrare con classica mossa Rai dei conti che non tornano.

Le paraculate qui non attaccano, siam gente sveglia, coprirsi le spalle con i sedici figli di una bella famiglia per farci inghiottire l’ideologia gender è considerarci cretini. E l’Italia popolare che guarda Sanremo si vuole divertire, non sentirsi trattata da imbecille, perché noi ai nostri figli teniamo: li educhiamo al maschile e al femminile e sanno che le loro certezze si chiamano papà e mamma. Non l’indistinto della notte in cui tutte le vacche sono nere, dove tutto è confuso, basta mettersi un vestito da donna e tenersi la barba, non aver mai pubblicato un album di canzoni e essere invitati al festival di Sanremo come “ospite d’onore”, evidentemente non per cantare, ma per fare propaganda a favore di un’ideologia.

Comunque, caro Conti, te lo diciamo chiaro: se c’è il gender, noi cambiamo canale. Liberi voi di pagare con i nostri soldi la propaganda che volete. Liberi noi di non guardarvi. Almeno questo ci sarà concesso.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/02/2015
0102/2023
San Severo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Sanremo? Solo una vetrina

In questa intervista il cantautore Povia racconta la sua esperienza al festival e la campagna di odio subita per via del suo brano “Luca era gay”

Leggi tutto

Società

Esiste il gender? A Bologna sì

Istituto comprensivo Salvo d’Acquisto, Gaggio Montano, provincia di Bologna: ecco cosa succede da giugno a proposito di un “progetto didattico” che sembra voler erotizzare fortemente i ragazzi in età prepuberale. In un clima surreale in cui da un lato si nega che esista un nugolo di “gender studies” assimilabili sotto l’etichetta di “pensiero gender” e dall’altra si cerca ossessivamente di farli entrare in ogni interstizio della società, partiamo dai fatti per capire come stanno le cose

Leggi tutto

Politica

Nomine Rai, c’è l’accordo politico

Si sbloccano le nomine in Rai. Dopo ore di discussione tra i partiti nomi prescelti sarebbero quelli di Monica Maggioni al Tg1, Gennaro Sangiuliano stabile al Tg2 e Simona Sala al Tg3.

Leggi tutto

Società

Accademia nazionale di medicina francese: attenti ai bambini

L’Accademia Nazionale di Medicina francese è uno dei più antichi e prestigiosi enti di ricerca medica in Europa. Fu fondata a Parigi nel 1820 e da allora esprime pareri autorevoli sui tanti aspetti della riflessione scientifica e medica, specie in ambito bioetico.

Leggi tutto

Storie

UK. Pedofilo seriale transgender sarà rinchiuso in un carcere femminile

In Inghilterra e negli altri paesi che hanno ormai pienamente accettato i principi dell’ideologia Gender, tra cui soprattutto quello dell’auto-identificazione di genere, le decisioni che finiscono per discriminare le donne sono ormai sempre più frequenti.

Leggi tutto

Società

Francesco lo chiede, noi non diserteremo

Eccoci, noi della Croce di certo non disertiamo. Di questo non possiamo essere accusati.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano