Società

di Mario Adinolfi

No della Cassazione ai matrimoni gay

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

No al matrimonio e alle relative pubblicazioni per i gay: “La Costituzione e l’Europa non impongono al legislatore di estendere il vincolo del matrimonio alle persone dello stesso sesso”. Sentenza odierna della Corte di Cassazione. Leggiamola con attenzione perché è una sentenza fondamentale.

Secondo la Cassazione, che ha respinto il ricorso di una coppia gay che voleva sposarsi in Campidoglio e pubblicare le nozze, “la legittimità costituzionale e convenzionale della scelta del legislatore ordinario, in ordine alle forme ed ai modelli all’interno dei quali predisporre per le unioni tra persone dello stesso sesso uno statuto di diritti e doveri coerente con il rango costituzionale di tali relazioni, conduce ad escludere che l’assenza di una legge per le nozze omosessuali produca la violazione del canone antidiscriminatorio”. Insomma, se non c’è la legge sul matrimonio gay non si compie alcuna discriminazione.

Per la Cassazione, quel che occorre - e su questo i supremi giudici sollecitano “la necessità di un tempestivo intervento del legislatore” - è dare “riconoscimento”, in base all’articolo due della Costituzione che tutela i diritti umani dei singoli e della loro vita sociale e affettiva, a “un nucleo comune di diritti e doveri di assistenza e solidarietà propri delle relazioni affettive di coppia” e affermare la “riconducibilità” di “tali relazioni nell’alveo delle formazioni sociali dirette allo sviluppo, in forma primaria, della personalità umana”. Attenzione a questo passaggio. Come noi diciamo sempre vanno tutelati i diritti dei singoli. Un omosessuale deve ovviamente poter visitare il compagno in ospedale o in carcere, si può ragionare anche sulle questioni patrimoniali. Diritti ai singoli sì. Ma la famiglia che cresce i figli è un’altra cosa. Da oggi è parola di Cassazione.

Inoltre, i supremi giudici - per avvalorare la loro decisione, in linea con quanto già stabilito da altre sentenze della Consulta, da ultimo con la n. 170 del 2014 - passano in rassegna la Carta dei diritti fondamentali della Ue e osservano che “l’articolo 12, ancorché formalmente riferito all’unione matrimoniale eterosessuale, non esclude che gli Stati membri estendano il modello matrimoniale anche alle persone dello stesso sesso, ma nello stesso tempo non contiene alcun obbligo”. Gli Stati possono regolarsi con ampia autonomia sul tema delle nozze gay. Anche qui, parole chiarissime: non c’è nessun obbligo.

“Nell’art. 8 - prosegue ancora il verdetto - che sancisce il diritto alla vita privata e familiare, e’ senz’altro contenuto il diritto a vivere una relazione affettiva tra persone dello stesso sesso protetta dall’ordinamento, ma non necessariamente mediante l’opzione del matrimonio per tali unioni”. In che altra lingua bisogna scriverlo? Il matrimonio è un’altra cosa. E noi difenderemo fino all’ultima energia la Costituzione e le leggi della Repubblica italiana, a tutela della famiglia e dei suoi figli.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/02/2015
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Di questi “cattolici” non parlateci più

Il voto di fiducia voluto da Renzi e Alfano a favore delle legge sulle unioni civili omosessuali crea una base d’appoggio per i giudici che introdurranno “matrimonio” gay e diritti di filiazione

Leggi tutto

Politica

Volete o non volete cambiare il Paese?

Il Popolo della Famiglia lancia la proposta a tutti gli uomini e le donne “liberi e forti” d’Italia: ora impegnarsi in prima persona

Leggi tutto

Politica

Lettera al signor ministro

Lei è Ministro delle Pari Opportunità e poi dopo della Famiglia. Quindi per Lei le Pari Opportunità sono più importanti. Perfetto, allora, iniziamo con queste. Uomini e donne vivono la famiglia e il lavoro diversamente: spiace iniziare con la biologia, ma le mamme mettono ancora al mondo bambini e ne hanno bisogno (si pensi a quante donne, passati i trentacinque anni, chiedono di avere accesso alle tecniche di fecondazione assistita: circa 78 mila coppie nel 2017, ma ahinoi solo 13 mila bambini, nascono), i bambini poppano ancora da mamma e/o comunque hanno necessità di stare con questa più a lungo possibile. Inoltre i bambini maturano la loro parziale autonomia nei primi tre anni di vita, e durante questi tre anni (dalla nascita ai 36 mesi), si forma tutto il loro bagaglio psicologico che la Teoria dell’Attaccamento (cfr. 100.000 baci

Leggi tutto

Politica

La battaglia di resistenza

Tra 7 giorni Zan tenterà in Senato di far approvare il suo ddl liberticida. Dal 27 ottobre si combatterà dunque in Senato una battaglia di Resistenza e dopo le elezioni in cui il blocco di potere che garantisce i già garantiti è uscito rafforzato, tira una brutta aria. Anche per questo nessuna diserzione potrà essere tollerata.

Leggi tutto

Società

Cinesi perseguitati per la fede

Ll Cassazione dà ragione a marito e moglie in fuga sul diritto all’asilo. Accolto il ricorso della coppia dopo che il Tribunale di Perugia aveva rifiutato lo status di rifugiati

Leggi tutto

Politica

Mario Adinolfi per Margherita Ruffino ad Asti

“Leggo che il Pd e il centrosinistra che sostiene Paolo Crivelli si prepara a ‘celebrare’ la giornata della omotransfobia. Sono proprio curioso e chiedo: ma un candidato sindaco come Crivelli il 17 maggio che fa? Io il 17 maggio con il nostro candidato sindaco Margherita Ruffino ricordo i 50 anni dall’omicidio di Luigi Calabresi, colpevolmente dimenticato dalle istituzioni.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano