Società

di Mario Adinolfi

La povera famiglia italiana

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Oggi apriamo il giornale con una foto straziante che è più esplicativa dei dati statistici che pure in questo articolo citeremo. Racconta una famiglia devastata dal dolore che va a seppellire una bambina neonata uccisa dall’incuria di uno Stato distratto, rimbalzata da tre ospedali siciliani e infine morta perché nessuno se ne è voluto occupare, se non quei genitori che ora la piangono disperati stringendo la bara bianca dell’innocente tra le braccia. Nella foto c’è lo Stato italiano, è l’Italia che lascia sola la famiglia, la isola, l’impoverisce, la sfotte quando numerosa sale sul palco del festival di Sanremo a parlare di Provvidenza e di Cristo, quando solo Cristo ormai presta orecchio e ascolto alle preghiere che si levano. Nella foto c’è l’immancabile smartphone a scattare impietoso l’istantanea del dolore ad uso spettacolare privato.

I dati sono impietosi, li fotografa l’Istat. Secondo il rapporto “Noi Italia” una famiglia su quattro vive una condizione di disagio economico (23,4%), sei milioni di persone vivono in una condizione di povertà assoluta, più di dieci milioni quelle in condizioni di povertà relativa. Una marea umana composta da mamme e da papà che non arrivano alla fine del mese, che non possono comprare un giocattolo ai loro figli, che mangiano a stento per non far mancare almeno lo stretto necessario alla prole. E’ un’Italia non raccontata, ignorata, la famiglia non fa notizia: deve morire una neonata uccisa dall’incuria e allora per ventiquattro ore qualche telegiornale se ne accorgerà, ma già il giorno dopo i funerali tutto resterà come prima.

Con interessante coincidenza di tempi, assieme al rapporto Istat sono arrivati anche i dati della Caritas europea sulla povertà nel nostro continente: 123 milioni di poveri (sempre uno su quattro, i dati si confermano anche a livello europeo). La fantomatica Strategia di Lisbona puntava a portare i poveri sotto quota 100 milioni entro il 2020, invece il risultato che c’è sullo sfondo è che i poveri aumenteranno. Chi pagherà il prezzo più salato? Ancora una volta, la famiglia: dove i genitori perdono il lavoro e i figli non lo trovano, portando la cellula primaria di organizzazione della società sulla soglia della disgregazione, del collasso. Secondo Caritas italiana il rischio povertà riguarda un italiano su tre.

Lasciateci dire che non vediamo sullo sfondo politiche pubbliche che abbiano a cuore il sostegno alla famiglia. La commissione Giustizia del Senato ieri ha concluso le audizioni degli esperti su un progetto di legge importante, noto come ddl Cirinnà. Pensate che sia un ddl per introdurre criteri di maggiore giustizia sociale, per combattere la povertà di mamme e papà nella quotidiana lotta per dare un futuro ai propri figli? No, la senatrice Monica Cirinnà è di sinistra, sì, ma non vede la povertà della famiglia italiana come una priorità. La sua priorità è varare una legge sulle unioni omosessuali legittimando il ricorso all’utero in affitto da parte di coppie omosessuali ricche attraverso la stepchild adoption, istituto giuridico scelto con un nome anglofono affinché non si capisca che serve ad un compagno di partito e di commissione della senatrice Cirinnà che si è andato a comprare un bambino negli Stati Uniti affittando un utero e ora pretende che la legge gli consenta di dichiararlo figlio di due uomini. Questa è la priorità della commissione Giustizia del Senato nel giorno in cui la giustizia sociale è calpestate con certificazione statistica e un quarto delle famiglie italiane in condizione di disagio economico. Loro pensano alle unioni gay. Come Ignazio Marino che toglieva il diritto alle famiglie numerose di inviare gratuitamente al nido il terzo figlio e contemporaneamente si faceva fotografare in fantamatrimoni omosessuali contra legem celebrati al Campidoglio. Ieri, peraltro, a Milano il prefetto Tronca ha avviato le procedure per la cancellazione delle trascrizioni farlocche dei matrimoni gay. Contro la legge non si opera, caro sindaco Pisapia. E la legge che consente il matrimonio gay, l’utero in affitto, la conseguenza compravendita di bambini in Italia ancora non c’è. Il popolo italiano non consente a vedere trasformati i bambini in oggetti da acquistare, perché le persone non sono cose. Le priorità sono altre. La politica si occupi del dolore dei papà e delle mamme, della loro fatica quotidiana. Ricostruisca una scala razionale di priorità. Prima il necessario, poi discutiamo del resto.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/02/2015
2805/2022
Sant'Emilio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Francesco lo chiede, noi non diserteremo

Eccoci, noi della Croce di certo non disertiamo. Di questo non possiamo essere accusati.

Leggi tutto

Politica

Francia: tutti i volti ed i programmi dei candidati presidenti

François Fillon, Jean-Luc Mélenchon, Emmanuel Macron, Marine Le Pen, Benoît Hamon: chi sono e che cosa propongono? Ecco una rassegna ragionata delle loro promesse elettorali su tematiche importanti e divisive quali immigrazione, istruzione, laicità, ecologia, sicurezza, orario di

Leggi tutto

Politica

Famiglia, la vaghezza di Paolo Gentiloni

Si barcamena tra l’omaggio formale alla cellula fondamentale del «tessuto della nostra società», nonché «principio costituzionale e fondamento della Repubblica», e vaghe allusioni alle forzature
governative sulla legge Cirinnà. Poi incensa a parole il ruolo decisivo del credito privato italiano nelresistere al debito pubblico ma avverte, come la Boschi su Avvenire: non ci saranno grandi regalie.

Leggi tutto

Politica

L’ALTERNATIVA POPOLARE CHIAMATA PDF

Un’articolata spiegazione sulla posizione del Popolo della Famiglia sul congresso di Verona, che anzi partendo dalla questione del WCF cerchi di dipanare le ragioni dell’ostilità ormai stagionata di quanti vorrebbero veder scomparire il PdF per appaltare con tutt’agio il mondo cattolico alla Lega.

Leggi tutto

Società

Al Campus bio-medico di Roma non si insegna l’#aborto, e l’AMICA insorge

Chiedono la sospensione dell’istituto come “ente formativo” i membri dell’Associazione degli abortisti: la colpa sarebbe la fedeltà al giuramento di Ippocrate. Il sistema bio-politico che appiattisce le differenze (ovvero l’uniformità che diviene controllo), sono un modo per dettare legge sul pensiero delle masse: per il gender riguarda le differenze fisiche che non devono essere valorizzate, nel caso dell’economia si tratta dell’eliminazione del merito… non è però l’uguaglianza, quella della quale la cultura ha bisogno, perché il rispetto non nasce dall’equiparare le differenze. Si tratta solo di una forma di controllo: eliminare la libertà educativa, che in questo caso riguarda il presupposto col quale effettuare interventi chirurgici ginecologici ma in altri può significare molto di più (si pensi ai corsi scolastici su bullismo o erotismo) è una forma di controllo.

Leggi tutto

Società

Necessitano cercatori sinceri

Nella misura in cui la sapienza divina vuole questo, come è importante che vi siano persone, nella Chiesa, in profonda ricerca del vero, libere da interessi personali, sempre più capaci di cogliere il buono dagli altri e di comprendere il loro graduale cammino. Come è bello quando Dio vuole che incontriamo chi vive il proprio percorso cercando di accogliere adeguatamente anche quello degli altri.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano