Politica

di Mario Adinolfi

Crediamo solo in Dio

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Scorrere le notizie anche solo delle ultime quarantotto ore italiane fa letteralmente impressione. Le aperture di giornali e telegiornali sono sull’ennesima inchiesta di corruzione, tra orologi preziosi da oltre diecimila euro regalati a figli di ministri e vero e proprio terremoto politico conseguente. Maurizio Lupi è innocente? Non c’è tempo per scoprirlo, i tempi della politica sono feroci, l’assalto delle opposizioni non dà tregua. Di sicuro il ministro per le Infrastrutture è stato malaccorto, alcuni toni a difesa dei burocrati potenti di cui si contornava sono andati oltre le righe, ora la sua sorte politica pare segnata. Certo, è anche un’altra puntata dello scontro infinito tra magistratura e politica, certo la frase del presidente dell’Anm sui “magistrati schiaffeggiati e i corrotti accarezzati” è stato gettare benzina su un fuoco pericoloso. Ma il panorama complessivo che emerge dalle classi dirigenti del Paese è disperante.

A chi puoi credere? Alla politica no, non è tutto un covo di malaffare, ma le sacche di corruzione sono evidenti ed estese. Ti muovi dalle parte del ceto imprenditoriale e trovi il presidente di Federacciai indagato per mazzette milionarie date in Congo per ottenere appalti per le aperture di case da gioco. Pensi che a questo punto un ddl anticorruzione farà bene, ma scopri che subirà l’ennesimo stop perché prima c’è da sistemare il discusso e discutibile decreto sulle banche popolari. Speri che almeno dove ci sono state tragedie come il terremoto la solidarietà verso le popolazioni ferite abbia generato un sussulto etico e invece, sempre ieri, arresto dell’ennesimo imprenditore che a L’Aquila era attivo nella ricostruzione e anche nei contatti con la camorra. Scendi ancora più a Sud, in Sicilia, e ti ritrovi dei campioni della legalità come il governatore Crocetta e l’ex pm Ingroia indagati per abuso d’ufficio in un caso sospetto di assunzioni.

Insomma, il tour delle prime pagine dei giornali è davvero disperante. Da Milano a Palermo, una lunga scia di inchieste e malaffare, senza che neanche ci sia chi si sorprenda più di tanto. Prendiamo le cronache come una calamità quotidiana a cui abbiamo fatto il callo. Domani ci saranno altre notizie sempre più tristi e magari scopriremo che il primo pensiero di un signore come Nichi Vendola, dopo quarant’anni di politica attiva, sarà quello di “sposare” il suo compagno Ed e trovare il modo di diventare padre, ovviamente con una pratica di utero in affitto perché due omosessuali l’utero non ce l’hanno e per “avere” un figlio devono locare quello di una donna in stato di bisogno. Ovviamente sia il “matrimonio” omosessuale che la pratica dell’utero in affitto sono assolutamente illegali in Italia, ma è talmente chiaro che all’illegalità nessuno fa più caso che giustamente il governatore pugliese non si è posto il problema.

Ci rimproverano di essere bigotti ma, davvero, a chi vuoi credere in questo scenario desolante dove l’etica pubblica è una virtù che evidentemente non compare tra le priorità delle classi dirigenti italiane? Non c’è da rimanere sorpresi se i recenti sondaggi indicano in Papa Francesco la personalità in cui gli italiani ripongono maggiormente fiducia: l’88% per cento degli italiani si fida di lui. Davvero, a chi vuoi credere?

Serve una rinnovata Preghiera per l’Italia, c’è bisogno di riscoprire una spinta etica che conduca il Paese fuori dalle secche morali in cui è andato a ficcarsi. Non è un lavoro che possiamo compiere da soli, è illusorio immaginare che un colpo di reni basti. Credere in Dio, quello ci resta, affidare questo splendido territorio devastato dall’incuria e dalla corruzione all’intercessione della Beata Vergine, con il cuore pieno di una qualche speranza. Questo facciamo ogni giorno in redazione. Scriviamo, sperando. Sperando che serva, come serve una preghiera.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/03/2015
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Chiesa

Una enciclica “francescana” da non leggere su Repubblica

“Laudato si” di Papa Francesco è un testo complesso, davvero superficiale la lettura che ne offre Vito Mancuso sulle pagine del quotidiano fondato da Eugenio Scalfari

Leggi tutto

Politica

Lo scrittore, la politica ed i quattrini

Questo progetto si chiama “Rapsodia – scrittori nelle scuole” e per il 2016/2017 prevede l’incontro con Giacomo Mazzariol, giovanissimo autore di Castelfranco Veneto, che ha scritto un libro commovente sul fratello down. Il progetto, come accordo tra la scuola e le case editrici, prevede che gli autori vengano a titolo gratuito, ma in cambio almeno l’80% degli studenti presenti deve aver acquistato il libro.

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa ringrazia per don Milani

Il vero motivo del viaggio a Barbiana, dalle parole stesse del Pontefice, è quello di dare finalmente una risposta alla richiesta di don Milani al suo vescovo, cui chiedeva «un qualsiasi atto solenne», perché altrimenti il suo apostolato sarebbe «apparso come un fatto privato». Sì, concede il Papa, dal Cardinale Silvano Piovanelli in poi, gli arcivescovi di Firenze hanno dato riconoscimento a don Lorenzo ma, ieri, lui lo ha fatto come vescovo di Roma e, questo, «non cancella le amarezze che hanno accompagnato la vita di don Milani – non si tratta di cancellare la storia o di negarla, bensì di comprenderne circostanze e umanità in gioco –, ma dice che la Chiesa riconosce in quella vita un modo esemplare di servire il Vangelo, i poveri e la Chiesa stessa».

Leggi tutto

Politica

Dieci faq per i militanti del Popolo della Famiglia

Ora che le liste sono state consegnate e accolte in tutti i 97 collegi del Paese, comincia la parte più faticosa in vista del 4 marzo: la vera e propria campagna elettorale, con i dibattiti televisivi in par condicio e le discussioni in ogni angolo della nazione, fin dal fruttivendolo e dal barbiere. Per essere incisivo un piccolo movimento politico deve anzitutto uscire dall’anonimato in cui perlopiù vaga il suo simbolo. Oltre a questo, c’è tutta una ridda di questioni più o meno ricorsive che per comodità vengono qui compendiate in un decalogo. Evitare di dissipare tempo ed energie è il motto.

Leggi tutto

Politica

Politica degli annunci e politica dei fatti

Il populismo considera la politica come “mero annuncio”, come vellicazione della pancia, eccitazione degli umori popolari dal basso. Per gli studiosi, i politici e i leader populisti “sono gli annunci che creano i fatti e fanno opinione e da qui la loro rappresentazione politica

Leggi tutto

Politica

Don Minzoni e il tema del metodo

La questione del “concordare in sostanza ma non condividere il metodo” ha infiammato la diatriba infra-cattolica, nei giorni scorsi, a partire dalla presa di distanza del cardinale Parolin rispetto al WCF di Verona. Un vero e proprio “magistero di metodo”, per l’azione politica, si trova nella grande e lunga vicenda popolare italiana, che ha costruito uno stile umile e moderato, ma insieme radicale

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano