Chiesa

di Mario Adinolfi

Papa Francesco ai laici: “Ora tocca a voi”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il 18 aprile scorso questo giornale rivolse un “appello ai vescovi italiani” proprio in previsione dell’Assemblea generale della Conferenza episcopale italiana che si è aperta ieri a Roma alla presenza e con un discorso di Papa Francesco. In quell’articolo chiedevamo in sostanza una mobilitazione dei cattolici innescata dai vescovi, sul modello di quella che fermò i Dico il 12 maggio del 2007 con l’incontro di piazza San Giovanni passato alla storia come “Family Day”. Cinquecentomila italiani si ritrovarono in quella occasione, su input della Cei, per rispondere a una legge che minacciava il diritto di famiglia. E quella legge venne ritirata dal governo proponente, di fatto proprio per la pressione visibilmente e trasversalmente esercitata da piazza San Giovanni.

Oggi le minacce normative sono ben più pesanti: il divorzio breve è già diventato legge dello Stato, la Corte costituzionale ha demolito la legge 40 con l’ultima di 33 sentenze che consente anche la diagnosi preimpianto e avvia la strada alla selezione eugenetica di stampo nazista, il ddl Cirinnà devasta quel che resta dell’istituto matrimoniale, lo rende equiparabile all’unione gay e legittima persino la pratica dell’utero in affitto, nel ddl di riforma della scuola è stato piazzato un emendamento velenoso che renderà obbligatorio il corso di “parità di genere” e dunque inserirà la propaganda gender negli orari scolastici di tutti gli istituti di ogni ordine e grado. L’offensiva è colossale e pensare a quel che venne messo in campo per stoppare i Dico, che erano acqua fresca rispetto a tutto questo, fa insieme sorridere e piangere. Sono passati appena otto anni, non ottanta, da quella battaglia di piazza. Eppure il quadro sembra cambiato drammaticamente, anche rispetto alle energie da mettere in campo per rispondere alla visione antropologica di chi vuole trasformare le persone in cose e mettere a rischio i diritti dei più deboli, dai bambini nati e nascituri agli anziani malati da abbattere con la legge infame dell’eutanasia, altro progetto approdato sui banchi di questo strano Parlamento.

Papa Francesco aprendo ieri i lavori dell’Assemblea generale della Cei ha per certi versi risposto direttamente al nostro appello: “La sensibilità ecclesiale e pastorale si concretizza anche nel rinforzare l’indispensabile ruolo di laici disposti ad assumersi le responsabilità che a loro competono. In realtà, i laici che hanno una formazione cristiana autentica, non dovrebbero aver bisogno del Vescovo-pilota, o del monsignore-pilota o di un input clericale per assumersi le proprie responsabilità a tutti i livelli, da quello politico a quello sociale, da quello economico a quello legislativo! Hanno invece tutti la necessità del Vescovo Pastore!”.

La “risposta” del Papa al nostro appello è dunque insieme un no e un sì. No ad una mobilitazione indetta direttamente dall’episcopato italiano o da esso stimolata, vescovi e monsignori pilota non si vedranno. Forse ce n’era bisogno per la gravità e la peculiarità della condizione italiana, ma siamo figli obbedienti e prendiamo atto che questa è la volontà del Pontefice. Ci interessa invece il suo sì e il suo invito e sprone: dobbiamo assumerci le nostre responsabilità di laici. Caro Papa, lo faremo.

Qui lo abbiamo scritto proprio nel numero che poi verrà ricordato come l’ultimo numero cartaceo di questo quotidiano, almeno per un po’. I costi esorbitanti di stampa e distribuzione insieme alla percezione che la diffusione digitale dei nostri contenuti fosse la più efficace, ci ha fatto optare per trasformare La Croce in un quotidiano che vivrà almeno in questa fase esclusivamente sulla Rete. L’abbiamo trascurata un po’ per concentrare tutte le energie e le risorse sul “foglio di carta”, ma ci siamo resi conto che così saremmo stati condannati a sparire, avendo peraltro rifiutato l’accesso a qualsiasi finanziamento pubblico. E noi invece abbiamo ancora molto da dire. E, lo ricordavo, nell’ultimo numero cartaceo lo abbiamo scritto: serve una mobilitazione unitaria di tutte le realtà che pure sul territorio si stanno muovendo. Si chiama “responsabilità dei laici” e dobbiamo assumercela in pieno. Rapidamente, perché il tempo stringe. E le ferite che stanno per essere inferte al tessuto sociale e alla famiglia per via legislativa sono mortali. Sarebbe inutile gridare dopo. Occorre muoversi prima. Cioè ora.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/05/2015
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Chiesa

Sacerdoti oggi

Vi sembrerà impossibile, lo so. Anche a me oggi, a 45 anni, fa ancora lo stesso effetto. A volte mi sveglio di notte da incubi spaventosi e mi domando: ma è stato tutto vero o me lo sono inventato io? Durante l’esperienza del liceo e poi dell’università ci ho provato a staccarmi. Per fortuna allora non esistevano i cellulari. Ma vi posso assicurare che la sua presenza era totalizzante anche a distanza. Non esagero se vi dico che ci sono state settimane e mesi nelle quali mi arrivano non meno di trenta telefonate al giorno tutte sue. Ero suo e non era immaginabile che io prendessi il volo per sempre. Mi controllava. Durante la fase della tesi di laurea ho iniziato a soffrire di attacchi di panico. Quest’anno festeggio i 22 anni di convivenza con questa brutta bestia che ti schianta il cuore e il fisico. La vita è sempre stata una vista passata a scappare. A fare non-scelte. Compresa quella di entrare in seminario dopo la laurea in filosofia. E ne ero convinto in un certo senso, ero convinto di avere la vocazione. In realtà non era così: scappavo ancora una volta dal mostro. A venticinque anni che cosa potevo fare nella vita? Non ero capace di fare niente. E allora perché non entrare in seminario? Il prete sapevo farlo, figuriamoci, con tutta l’esperienza di anni e anni passata a fare ogni cosa in parrocchia ed in oratorio! E poi, forse, se fossi diventato prete avrei finalmente avuto la scusa giusta per allontanarmi dal mostro. Il Vescovo mi avrebbe spedito a chilometri di distanza dal prete-mostro e allora la mia prigione sarebbe finita. In seminario ci sono restato 9 mesi. Il periodo più importante e decisivo per la mia vita. Decisivo per affrontare di petto per la prima volta chi ero davvero e che cosa volevo davvero diventare.

Leggi tutto

Chiesa

Beatificazione di padre Tiburcio Arnaiz Munoz

Tiburcio Arnaiz Muñoz nacque a Valladolid, in Spagna, l’11 agosto 1865. I suoi genitori, Ezequiel e Romualda, di professione tessitori, lo portarono al fonte battesimale della parrocchia di Sant’Andrea due giorni dopo la nascita, nel giorno in cui si ricorda appunto san Tiburzio. Ad appena cinque anni, rimase orfano di padre. Sua madre, allora, cercò in ogni modo di mantenere sia lui che l’altra figlia, Gregoria, che aveva sette anni in più. Anni dopo, lui raccontò che da piccolo, una notte, ebbe un incubo: sognò di cadere all’inferno. Impaurito, chiamò sua madre, ma lei non lo sentì. Sempre più terrorizzato, invocò la Madonna Addolorata, che gli apparve dicendo: «Non cadi all’inferno né mai vi cadrai» e lo coprì col suo manto.

Leggi tutto

Chiesa

Ecce Quaresima

La parola “Quaresima” deriva dal termine anglosassone “Lencten”, che significa primavera. Nella maggior parte delle lingue romanze, slave e celtiche viene tuttavia usato un derivato della parola latina
“quadragesima”, che si riferisce al “40°” giorno prima della Pasqua.

Leggi tutto

Chiesa

Il Sinodo in ascolto dei fedeli

La Segreteria generale vaticana diffonde il Documento preparatorio e il Vademecum per orientare il cammino del Sinodo sulla sinodalità, che sarà aperto il 9-10 ottobre

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: aborto e eutanasia e l’abitudine a uccidere

Il Papa: l’aborto è omicidio, la Chiesa sia vicina e compassionevole non politica A questo grido, il Papa aggiunge quello delle tante “vittime della cultura dello scarto”: “C’è lo scarto dei bambini che non vogliamo ricevere, con quella legge dell’aborto che li manda al mittente e li uccide direttamente. E oggi questo è diventato un modo ‘normale’, una abitudine che è bruttissima, è proprio un omicidio”,

Leggi tutto

Chiesa

Vaticano: arrivato l’albero di Natale

È arrivato all’alba a Roma l’albero di Natale che dal 10 dicembre illuminerà piazza San Pietro. È un maestoso abete rosso di 113 anni, alto 28 metri per un peso di 80 quintali

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano