Società

di Giuseppe Brienza

Odissea di un altro convegno a Milano

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Se qualcuno ricorda, nell’articolo Omomania: Pisapia contro un nuovo 17 gennaio, pubblicato su “La Croce” il 13 maggio (p. 3), segnalammo che, a fronte della “censura” del sindaco di Milano, gli organizzatori del convegno “La Famiglia: il fondamento della società”, che avrebbe dovuto avere luogo il 23 maggio a Palazzo Marino, stavano provando «a proporne lo spostamento in Piazza Scala sotto gli uffici di Pisapia e Baruffi. Vedremo come andrà a finire». Maurizio Baruffi è il capo di gabinetto del sindaco Pisapia e, con provvedimento a sua firma, l’autorizzazione ad usufruire delle sale del Municipio è stata all’ultimo momento negata. Ecco, comunque, com’è andata a finire la storia: anche per Piazza Scala non è stato possibile e, per l’iniziativa, si è dovuto “ripiegare” per la provincia. Il convegno, a questo punto ribattezzato con lo stesso identico titolo di quello tenuto a Milano il 17 gennaio (cui partecipò in mezzo alle accuse di “omofobia” il nostro direttore, assieme a Massimo Introvigne, Costanza Miriano ed altri), “Difendere la famiglia per difendere la comunità”, avrà luogo giovedì 28 maggio nella Sala consiliare di Seriate (Bergamo), sempre (per fortuna) con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura Identità e Autonomia della Regione Lombardia.

I relatori non sono rimasti quelli originariamente previsti perché, oltre al responsabile di Alleanza Cattolica-Lombardia e conduttore di Radio Maria Marco Invernizzi (moderatore) ed il neuropsichiatra Massimo Gandolfini, presidente dell’associazione “Vita è”, interverranno il giovane avvocato Gabriele Borgoni e Don Edoardo Algeri, Direttore dell’Ufficio Pastorale della Famiglia della Diocesi di Bergamo. Questo piccolo “box” informativo è dovuto loro perché, ci sembra giusto, dare risalto e valorizzare persone che, oltre che ben orientate, hanno il coraggio di andare “contro i falsi miti di Progresso” dovendo subire l’inaccettabile ostracismo che abbiamo documentato. Eppoi è sempre vero il detto “Oggi a loro, domani a noi”...

E aggiungiamo: come può essere possibile “difendere la famiglia” se chi guida le nostre comunità locali non lo vuole? Pensiamoci Domenica 31 quando parteciperemo alle elezioni locali. Non tutti i Sindaci sono uguali. Per esempio a fronte di un Pisapia che “rema contro”, abbiamo un Sindaco di Seriate come Cristian Vezzoli che, oltre ad ospitare un utile “sequel” sul tema cruciale “Difendere la famiglia per difendere la comunità” (ce ne auguriamo ce ne potranno essere tanti altri in futuro), ne farà anche la relazione introduttiva. Per ulteriori informazioni sul convegno di Seriate del 28 maggio: www.comunitambrosiana.org; [email protected] - Tel. 349/50.07.708.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/05/2015
2805/2022
Sant'Emilio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Matrimonio, 30 casi di discriminazioni

Se difendi la famiglia naturale e l’istituto delle nozze uomo-donna vieni discriminato, un rapporto raccoglie trenta clamorosi casi

Leggi tutto

Politica

I traguardi e gli obiettivi

Conclusa questa fase e la necessaria pausa estiva, a settembre una nuova assemblea nazionale di tutti gli iscritti al Popolo della Famiglia determinerà le decisioni che riguarderanno il traguardo elettorale del marzo 2018, quando superando lo sbarramento del 3% grazie al fatto che si potrà votare Pdf non in 35 comuni ma in tutti gli oltre ottomila comuni d’Italia, i “quattro gatti” (come sprezzantemente alcuni ci definivano) già trasformatisi in centomila gatti nei citati 35 comuni, diventeranno almeno un milione di gatti in tutta Italia. Chi ha paura del fatto che il Popolo della Famiglia raggiunga il suo obiettivo e possa con decine di parlamentari bloccare davvero ogni ulteriore legge contro la vita e contro la famiglia naturale, proponendo invece la straordinaria rivoluzione del reddito di maternità, del quoziente familiare, del diritto universale a nascere e ad essere curati, contrapposto al terribile nichilismo mortifero dei falsi diritti all’aborto e all’eutanasia? Perché considerare un male il Pdf, battersi con tutte le forze contro di esso, se si dice di condividerne le stesse ragioni ideali? Mistero misterioso. O forse neanche tanto, le miserie umane di chi si era promesso a questo o a quel partito con addosso la maglietta del Family Day appartengono all’inevitabile. Rafforzano la nostra determinazione, sappiamo di dover combattere censure e danni procurati di ogni tipo, così chi si mette in battaglia al nostro fianco arriva preparato e ben presto si corazza. E rivolge ai cecchini del fuoco amico la domanda fatidica: ci sparate addosso per conto di chi, l’alternativa al Popolo della Famiglia qual è, una legislatura come quella appena passata? La proposta unitaria rimane per noi sul tavolo: ritroviamoci tutti nel Popolo della Famiglia, che ha porte aperte e finestre spalancate, ha memoria utilmente corta se serve e non serba rancore. Uniti potremmo davvero strappare l’Italia alla cultura di morte che la ghermisce. Tutti iscritti al Pdf, facciamo la storia, come è scritto sulla nostra tessera 2017. Facciamola insieme, si può sul serio.
Noi comunque proseguiamo per la nostra strada, pregando e agendo. Che lo sguardo benevolo di Maria Vergine protegga tutti noi, che Dio benedica l’Italia, che Dio benedica il Popolo della Famiglia.

Leggi tutto

Politica

E la ripresa valoriale?

Niente per le famiglie numerose, nessuna politica per la natalità, nessun sostegno all’impresa di famiglia, nessuna politica per i giovani che vogliono metter su famiglia, niente sulla libertà scolastica e sulla possibilità di far scegliere ai papà e alle mamme la scuola dove mandare i propri figli: il “contratto di governo” di Lega e Movimento 5 Stelle si annuncia come uno scriteriato prospetto per varare (in deficit) il reddito di cittadinanza e la flat tax.

Leggi tutto

Politica

VALUTAZIONI POLITICHE SU VERONA

Finalmente si può parlare del Congresso di Verona potendo commentare le parole effettivamente pronunciate, lasciando da parte i sentito dire, ed è un bel sollievo: basta dietrologie e spazio alla valutazioni su quanto si è affermato.  Il Popolo della Famiglia come si sa non partecipa al Congresso di Verona proprio per il legame evidente e troppo stretto che si è voluto creare con un governo la cui azione è giudicata molto negativamente

Leggi tutto

Società

Non è un paese per bambini. Né per madri.

Alle madri è chiaramente impedito portare la propria visione della vita nei luoghi pubblici: di fatto la figura della madre è resa invisibile da mode (quella ecologista che vede l’avere figli come una violenza contro il pianeta, ad esempio), opinioni sbagliate (se hai più di due figli sei una povera idiota costretta al focolare, sei una che non conosce l’azione degli anticoncezionali, sei un’egoista) e proposte economiche imbarazzanti (i figli che dopo i 14 anni non valgono nulla, per il Ministero della Famiglia del paese).

Leggi tutto

Politica

DIRITTI SOCIALI vs I FALSI DIRITTI CIVILI

Eccoci qua, ennesima domenica elettorale per il Popolo della Famiglia, che cade nell’anniversario del nostro incontro del 17 ottobre 2018 con Papa Francesco in San Pietro: urne aperte a Torino per cercare l’impresa di dare alla città il primo sindaco non di sinistra da quando esiste l’elezione diretta, siamo schierati anche a Spoleto e a San Benedetto del Tronto con analoga aspettativa.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano