Politica

di Mario Adinolfi

Con pazienza e costanza

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Dei 5.797.000 italiani che potevano scegliere di votare ieri per il Popolo della Famiglia poco più di tre milioni hanno espresso un voto valido per le amministrative: decine di migliaia hanno scelto di dare quel voto ai candidati sindaco indicati dal Popolo della Famiglia, seminando speranza. Quasi ottomila romani avrebbero voluto me come sindaco e a me sembra un numero molto confortante, più di seimila hanno scelto Nicolò Mardegan a Milano, e altre migliaia sono stati con Mirko De Carli a Bologna, Vitantonio Colucci a Torino, Luigi Mercogliano a Napoli, Ada Addolorata Di Campi a Rimini, Claudio Iacono a Assisi, a Villorba Damiano Cattarin, Claudio Iaconoa Assisi, Raffaele Adinolfi a Salerno, Alberto Agus a Cagliari, Paolo Orrigoni a Varese, Gian Carlo Paracchini a Novara, Pasqualino Piunti a San Benedetto del Tronto, Ottavio Tesoriere a Crotone.

Siamo una forza che si colloca oltre l’uno per cento nazionale. Abbiamo svolto otto settimane di lavoro e abbiamo raggiunto questo risultato, con punte che superano il due per cento per le nostre liste a Novara e a Varese, oltre il 3.32% a Cordenons. Abbiamo animato la partecipazione di decine di migliaia di persone spesso provenienti dall’area dell’astensione. Abbiamo seminato e ora dobbiamo coltivare.

Proveranno a dissuaderci, ad attaccarci e ovviamente a irriderci. Copione consueto. Tutte le storie politiche recenti, penso alla Lega di Bossi e al M5S, sono passate attraverso questo rituale. Alle prime uscite si prende un consenso limitato. Se si insiste su un’idea forte e si ha capacità organizzativa, il consenso cresce. Il M5S concorreva a Roma alle amministrative 2011 e si fermò al 2 per cento. Nel 2013 contò di raggiungere il ballottaggio e fallì. Oggi ha il consenso al primo turno del 36% dei romani.

Le nostre idee sono fondamentali e attrattive, molto più del generico “tutti a casa” pentastellato. Occorrono ora pazienza e costanza. La semina è stata positiva, ora ci vedremo sabato 11 alle 15 a via Cavour 50a per l’assemblea nazionale, discuteremo di ballottaggi e prospettive. Soprattutto ci daremo da fare per costruire il Popolo della Famiglia in ogni comune italiano: siamo partiti da 15 grandi città, ora dobbiamo arrivare ovunque.

L’uno per cento nazionale deve diventare il tre per cento alle politiche. Per fermare le leggi terrificanti che il prossimo Parlamento potrebbe varare. E’ la missione di una vita, certamente varrà il nostro impegno nei prossimi nove mesi. Il primo passo è stato compiuto, con fatica e determinazione. Ora bisogna continuare e costruire anche negli angoli più remoti d’Italia il Popolo della Famiglia. Questo il compito che ci viene consegnato dalle decine di migliaia di persone che ci hanno dato fiducia, per la vita e per la famiglia, contro i falsi miti di progresso.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/06/2016
3009/2023
S. Girolamo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

Spiegare a Vauro ciò che non gli è chiaro

Il guaio grosso è che i genitori sostengono che l’ospedale menta sulle reali condizioni del bambino, quindi dalle cartelle cliniche non c’è da aspettarsi grandi novità: non ci vuole molto a ritoccare la misura della circonferenza cranica, ad esempio, per dimostrare che Charlie non è cresciuto negli ultimi mesi. *Marwa** *Bouchenafa tre mesi fa si è trovata in una situazione del tutto analoga a quella di Charlie: i dottori francesi volevano sospenderle la ventilazione e i genitori invece volevano mantenerla e, per il momento, è ancora viva grazie ad una decisione (sempre in bilico) dei giudici francesi. La sua famiglia, quando ha visto che aria tirava in ospedale, ha cominciato a presidiare la stanza e a filmare ogni giorno la piccola, a misurarla per conto proprio, cioè a radunare evidenze scientifiche sul suo stato di salute indipendenti dall’ospedale. E grazie a questo lavoro meticoloso sono riusciti a strappare ai giudici la sentenza favorevole.

Leggi tutto

Politica

Alcune puntualizzazioni sulla liceità della lettera di sostegno al Popolo della Famiglia

Dati i nervosismi tra non pochi detrattori del movimento politico sorto dalle ceneri dei Family Day, occorre ribadire alcune direttrici fondamentali

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il sesso

Papa Francesco ha detto la sua su un tema molto delicato: il sesso. Le nostre cadute spirituali, le nostre debolezze, ci portano a usare la sessualità al di fuori di questa strada tanto bella, dell’amore tra l’uomo e la donna. Ma sono cadute come tutti i peccati. La bugia, l’ira, la gola… sono peccati: peccati capitali

Leggi tutto

Società

Processo De Mari: chiuso il dibattimento

Il PM chiede la condanna a 1000 €, i difensori della dottoressa, che è anche contribuente, l’assoluzione con formula piena per aver esercitato critica politica sui contributi pubblici dell’UNAR, Regione Lazio e Comune di Roma. Il 28 giugno alle ore 9 verrà comunicato il nudo dispositivo.

Leggi tutto

Storie

Intervista alla mia maestra

Intervista alla mastra Angelamaria Vaccaro che ha esercitato la sua professione per 40 anni alle scuole elementari

Leggi tutto

Società

UN “RISCHIO” CHIAMATO FAMIGLIA CHE SI RIBELLA ALLA CULTURA DEL PROVVISORIO.

Il trionfo del precariato è riuscito ad invadere ogni campo, arrivando persino, con arguzia encomiabile, a minare la colonna portante della società e cioè la famiglia. Tutto in un silenzio tombale, senza che nemmeno ce ne accorgessimo. Il vertiginoso calo dei matrimoni, sia civili che religiosi, è l’esempio lampante di una mentalità che ha paura delle scelte definitive e vive alla giornata, sballottata qua e là dalle armi di distrazioni di massa dei social media.  Il timore di eventuali fallimenti sta facendo gonfiare a dismisura il numero delle convivenze, anche dove in apparenza le unioni sembrerebbero molto solide e a prova di qualunque crisi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano