Politica

di Mario Adinolfi

I risultati del Popolo della Famiglia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Su 5.797.000 elettori aventi diritto al voto che potenzialmente avrebbero potuto esprimere il consenso al Popolo della Famiglia, si sono recati alle urne 3.390.000 elettori che hanno espresso poco più di tre milioni di voti validi. Questi i consensi espressi ai candidati sindaco indicati dal Pdf, quando mancano ancora 545 sezioni da scrutinare al dato definitivo ufficiale:

Mario Adinolfi (Roma) 7.791
Nicolò Mardegan (Milano) 6.018
Mirko De Carli (Bologna) 2.076
Vitantonio Colucci (Torino) 2.032
Luigi Mercogliano (Napoli) 1.489
Raffaele Adinolfi (Salerno) 1.304
Ada Addolorata Di Campi (Rimini) 1.044
Gian Carlo Paracchini (Novara) 977
Alberto Agus (Cagliari) 945
Claudio Iacono (Assisi) 254
Damiano Cattarin (Villorba) 153

In coalizione abbiamo votato Paolo Orrigoni a Varese (16.374 voti al sindaco, 634 alla lista Pdf), Pasqualino Piunti a San Benedetto del Tronto (6.343 voti al sindaco, 149 alla lista Pdf), Ottavio Tesoriere a Crotone (1.098 voti al sindaco, 64 alla lista Pdf), Andrea Delle Vedove a Cordenons (272 voti alla lista, 2.853 voti al sindaco). Complessivamente ai sindaci indicati dal Pdf sono stati assegnati dunque oltre 50mila voti. I risultati di lista dicono: Cordenons 3.32%, Novara 2.16%, Varese 1.92%, Villorba 1.79%, Rimini 1.58%, Assisi 1.49%, Salerno 1.32%, Bologna 1.23%, Milano 1.15, Cagliari 1.15%, San Benedetto del Tronto 0.84%, Roma 0.62%, Torino 0.55%, Napoli 0.37%, Crotone 0.24%. Con Orrigoni, Piunti e Delle Vedove abbiamo avuto accesso ai ballottaggi che si terranno domenica 19 giugno. Il dato nazionale ponderato del Popolo della Famiglia alle elezioni amministrative è dell’1.04%, passibile di correzioni derivanti dal completamento dello scrutinio e dalla considerazione dei risultati delle liste nei municipi, nelle zone, nei quartieri.

Sabato 11 giugno si terrà alle ore 15 al Centro Congressi Cavour di via Cavour 50a l’assemblea nazionale del Popolo della Famiglia con all’ordine del giorno le decisioni da assumere sui ballottaggi e la strutturazione del movimento sul territorio in vista delle probabili elezioni politiche del 2017. Possono partecipare all’assemblea tutti i militanti e simpatizzanti anche non tesserati, ma il diritto di voto è riservato agli iscritti. Ci si iscrive al Popolo della Famiglia con le seguenti modalità: la tessera da socio ordinario ha il costo di 50 euro annuali e viene inviata a casa al versamento della quota al conto intestato a POPOLO DELLA FAMIGLIA il cui Iban è: IT88M 01030 03241 000000 354618 nella causale scrivete nome e cognome dell’iscritto, poi inviate una email a [email protected] per segnalare l’avvenuto versamento della quota di iscrizione (è un conto Monte Paschi Siena agenzia Roma, via della Pigna). Oltre ai soci ordinari è possibile essere soci sostenitori versando la quota di 500 euro o con donazione superiore. Ci si può iscrivere anche inviando un vaglia postale o un assegno, sempre intestati a POPOLO DELLA FAMIGLIA, alla sede sociale di piazza del Gesù 47 00186 Roma. Ai soci sostenitori sarà regalato un abbonamento annuale al quotidiano La Croce.

L’assemblea nazionale dell’11 giugno si concluderà entro le 18.30 per permettere a tutti di rientrare nelle proprie sedi senza spese di pernottamento a Roma. Il Centro Congressi Cavour è situato a 500 metri di distanza della stazione Termini.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/06/2016
2306/2024
San Giuseppe Cafasso

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

L’unico voto utile

L’unico voto utile alle prossime elezioni amministrative del 5 giugno è quello dato al Popolo della Famiglia, se si intende fermare l’onda nera delle leggi contro la vita e contro la società varate dal Parlamento. Chi è stato al Family Day non può che votare Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Politica

In estrema sintesi

La sfida del 3% nazionale è a portata di mano e sbaglia chi torna a riproporre lo schema vecchio delle candidature di bandiera del Family Day all’interno dei partiti del centrodestra, è lo schema che ci ha portato al disastro attuale. Bisogna prenderne atto: Forza Italia ha dato libertà di voto sull’eutanasia e si è astenuta sulla legge su gender e omofobia in Umbria; leghisti importanti come Zaia sono addirittura apertamente a favore dell’eutanasia e insieme a Fratelli d’Italia propongono la legalizzazione della prostituzione; il divorzio breve è stato votato da tutti i gruppi politici con appena 11 voti contrari al Senato, mentre alla Camera sull’eutanasia i contrari sono stati 37.

Leggi tutto

Politica

Lo scontro pre-elettorale nell’era del web 2.0

Come era ampiamente preventivato, l’enorme sforzo organizzativo messo in opera dal Popolo della Famiglia lede gli interessi di quanti contavano di millantare (inesistenti) diritti sulla “quota cattolica” dell’elettorato italiano. I sistemi sono sempre i soliti, collaudati a più non posso nei regimi totalitari del XX secolo. Mano a mano che gli anni passano, però, osserviamo l’incidenza delle nuove tecniche di comunicazione – le politiche 2018 non fanno eccezione..

Leggi tutto

Storie

101 VERBI - COSE FATTE E SUGGERIMENTI

Ringraziare è anche condividere e allora vai con i 101 diversi verbi che pensavo di far diventare un nuovo libro e che invece voglio regalare a voi che mi seguite sui social, alla fine per farvi i fatti miei e allora che siano raccontate le cose fatte, in una vita che è stata anche devastata e devastante, ma ha corso al ritmo serrato di una opera rock. Nessuno si è annoiato.

Leggi tutto

Politica

Perchè siamo popolari europei

Il 17 ottobre 2018 Papa Francesco ricevette sul sagrato di Piazza San Pietro una delegazione del Popolo della Famiglia – con tanto di striscioni e bandiere –, fatto inusuale per un movimento politico.
Il precedente meno remoto si colloca nel 2006, quando Benedetto XVI incontrò in Vaticano dei rappresentanti del Partito Popolare Europeo. E non a caso gli interlocutori della Chiesa sono quelli.

Leggi tutto

Società

Giuseppe Noia ginecologo contro l’aborto

Giuseppe Noia nasce a Terranova da Sibari il 14 Gennaio 1951.
Nel 1975 si laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.
Nel 1980 consegue la specializzazione in Ginecologia e Ostetricia e nel 1988 quella in Urologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.
E’ docente di Medicina dell’Età Prenatale presso la facoltà di Medicina e Chirurgia, Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia, Scuola di Specializzazione in Genetica e diploma di laurea di Ostetricia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. E’ docente dei corsi di Perfezionamento e dei Master in Bioetica presso il Pontificio Consiglio per gli studi sulla famiglia Istituto Giovanni Paolo II.
E’ Presidente dell’Associazione Italiana Ginecologi Ostetrici Cattolici (AIGOC).

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano