Politica

di Mario Adinolfi

Cosa succede il 5 Dicembre

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Sarà bene cominciare a spiegare gli scenari possibili del giorno dopo. Sceglierete come votare anche in base a questo. Dunque: se vince il sì Renzi attenderà la sentenza della Corte costituzionale sull’Italicum prevista a febbraio, varerà la legge elettorale per il Senato (uno dei motivi per cui noi del Popolo della Famiglia votiamo no è che non ci spiegano chi saranno i senatori e come saranno scelti, essendo certo che comunque ci è stato tolto il diritto di votarli direttamente), poi condurrà l’Italia ad elezioni anticipate nel giugno 2017. Ha già fatto l’errore di far scorrere il tempo dopo la vittoria alle europee del 2014 e i suoi annibaliani ozi hanno prodotto un recupero dei grillini che poi nel 2016 alle amministrative hanno vinto 18 ballottaggi su 19 contro il Pd. Dunque, sei mesi e si vota. Se vince il no Renzi salirà al Quirinale per dimettersi, i suoi nemici del Pd tenteranno di tenerlo ferito e incatenato a Palazzo Chigi, lui rifiuterà e nascerà un governo Franceschini o chi per lui con il mandato di varare una nuova legge elettorale organica per Camera e Senato, probabilmente con il premio di maggioranza di coalizione al posto del premio alla lista. Le elezioni si terranno dunque nel febbraio 2018, otto mesi dopo le elezioni anticipate che rappresentano lo scenario probabile post vittoria del sì. Se Renzi vince il referendum poi vince pure le elezioni e il Pd che dominerebbe la sola Camera che concede la fiducia potrebbe far varare tante pessime leggi già annunciate da Scalfarotto e Cirinnà. Se Renzi perde il referendum resta il bicameralismo perfetto, il governo sarà probabilmente di grande coalizione e quelle leggi hanno meno probabilità di essere approvate. La Costituzione di De Gasperi e Togliatti è migliore di quella di Boschi e Verdini. Ora, comunque, sapete qualcosa in più e il 4 dicembre decidete voi.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

25/11/2016
1706/2021
San Ranieri

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La supercazzola chiamata PD

La Storia del PD dalla sua fondazione ad oggi. Dieci anni di sopravvivenza sono pure troppi

Leggi tutto

Società

ALTRO CHE DDL ZAN: LA LEZIONE DELLA ROWLING

La scrittrice ha sottolineato: “Mi sono allontanato da Twitter per alcuni mesi prima e dopo aver condiviso il mio sostegno per Maya, perché sapevo che non fosse fatto bene alla mia salute mentale. Sono ritornata da solo perché volevo condividere gratis un libro per bambini durante il l ‘’ ogni donna è coinvolta in questo dibattito in - TERF “.La sigla TERF è un termine coniato dagli attivisti Lgbt che significa femminista radicale trans-esclusivo e comprende molte diverse tipologie di persone come una madre che ha paura suo figlio voglia cambiare sesso per sfuggire al bullismo omofobico e una signora anziana che ha ammesso di non usare più fare acquisti da Marks & Spencer perché hanno permesso a un uomo che si identifica come donna di accedere ai camerini destinati alle donne, e molti altri esempi.

Leggi tutto

Politica

L’Irlanda e il vizio di dire bugie

Dopo il referendum irlandese sembra che approvare il ddl Cirinnà sia “inevitabile”, Renzi ne annuncia il voto tra luglio e settembre. Ma una battaglia di verità è possibile

Leggi tutto

Politica

Il quadro di un’occasione unica

Nel 2013 uscirono dal Parlamento deputati e senatori eletti da appena 5 liste: PdL, Pd, Lega Nord, Udc e Italia dei Valori. Il sistema sembrava aver trovato un suo equilibrio maggioritario, ma proprio le elezioni di quell’anno hanno introdotto, insieme allo tsunami M5S, anche una serie di fattori che hanno portato alla polverizzazione del quadro politico. In questo schema, alimentato dalla struttura proporzionale della prossima legge elettorale, si è ormai al tutti contro tutti e i tradizionali legami coalizionali perdono ogni senso. Per il PdF storica opportunità di essere decisivo

Leggi tutto

Società

News sulla Violenza Ostetrica: parla la Relatrice Speciale delle Nazioni Unite (parte prima)

Il motivo principale presupposto dei maltrattamenti è la diseducazione dilagante generale. Se ognuno di noi si recasse in diversi reparti di diversi nosocomi pubblici - e anche privati - di modo tale da poter osservare, come potrebbe fare una mosca, il trattamento che viene riservato a ogni singolo paziente durante le ore del giorno e della notte e in diverse circostanze, non rimarrebbe stupito nel constatare che in ogni turno, composto da diversi operatori sanitari (medici, infermieri, ostetriche, ausiliari) vi è chi possiede tatto - e quindi comunica in una certa maniera sia coi colleghi e i sottoposti, sia coi pazienti - e chi pare proprio mostri una condotta sbagliata - con colleghi, sottoposti e/o pazienti

Leggi tutto

Chiesa

Se il PDF trova la sponda della Chiesa

Questo è semplicemente avere chiara una verità che abbiamo ricevuto e che a nostra volta dobbiamo trasmettere, una verità che non possiamo tacere, una verità che sola basta a salvarci e che ci fa autenticamente liberi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano