Politica

di Gianfranco Amato

Gli errori-orrori della Fedeli

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Impareggiabile Valeria Fedeli! Anche lei è caduta nella più banale delle trappole per i parvenu culturali della politica: la finta laurea. Oscar Giannino docet! Credo si tratti di una questione psicologica. Una sorta di complesso di inferiorità che porta alcuni politici insicuri a fingersi dottori.

Beh, occorre dire che non è un bel viatico per un neoministro della Repubblica apparire complessato. Appare un singolare scherzo del destino cinico e baro – o della giustizia divina per chi crede – il fatto che a scoprire e rivelare lo scoop sul mancato titolo di studio sia stato proprio Mario Adinolfi, che oltre ad essere un giornalista è anche il presidente e fondatore, insieme al sottoscritto, del movimento politico Il Popolo della Famiglia, nonché, sempre insieme al sottoscritto, il Nemico Numero Uno della neoministra dell’Istruzione. Il duo Amato-Adinolfi è sempre stato nel mirino delle invettive della Fedeli fin dai bei tempi dei due Family Day di Piazza San Giovanni e del Circo Massimo. Ma, purtroppo per Valeria, Adinolfi è un vero giornalista. Uno di quelli che fiuta come un segugio la notizia. Che intuisce, scava, verifica, non molla la preda. Che riesce ancora ad appassionarsi alla verità storica dei fatti, e che ha il coraggio di denunciarla. Nulla a che vedere con la massa di pennivendoli prezzolati di regime che oggi osano ancora farsi definire giornalisti. Ovvero, la stragrande parte di coloro che rappresentano quella categoria professionale.

E da buon segugio, Mario Adinolfi ha intuito che la notizia poteva non fermarsi alla finta laurea. Ha inseguito la preda. Ha controllato, esaminato, accertato fino a scoprire che alla povera Valeria manca pure il diploma di maturità. E così è emerso che Valeria Fedeli soffre di un doppio complesso di inferiorità: laurea e diploma. E sì, abbiamo un ministro dell’Istruzione con la terza media. La cosa, però, si potrebbe vedere anche sotto un’angolatura positiva. Potrebbe essere, infatti, un primato capace di distinguerci, una volta tanto, dagli altri paesi europei.

È vero che per fare il ministro non è necessario essere in possesso di un titolo di laurea. Per fare il ministro nel governicchio Gentiloni, poi, credo sarebbe sufficiente anche la licenza elementare. Però, resta il fatto che un ministro ha mentito. E no, non si possono raccontare clamorose bugie ai cittadini. Nei Paesi cosiddetti civili, molto spesso additati dalla stessa Fedeli come esempio da imitare, ai politici basta una piccola frottola per lasciarci le penne. Quando la balla è grossolana, pacchiana e facilmente accertabile, per un politico di quelle parti, poi, è la fine. Da noi no. Valeria sarà graziata dalla benevola e acquiescente opinione pubblica italiana, orami abituata a ben altre panzane. Si, uno dei danni collaterali della infausta esperienza renziana, recentemente neufragata, è stata proprio quella di aver manipolato la mente degli italiani sulla percezione della menzogna.

Dopo tutte le incredibili frottole, fandonie, fole, e bugie di Super Matteo, l’italiano medio si è completamente assuefatto alle balle. Siamo ormai alla quinta fase della Finestra di Overton.

E in questo contesto la frottola della Fedeli appare come un’innocente mezza verità.

C’è però chi ancora tenta di resistere a questo processo di manipolazione overtoniano e che sente il dovere di segnalarlo all’opinione pubblica. Grazie Mario.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/12/2016
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Contro i cattonichilisti. Invettiva

Prese in giro e soprusi, per i cattolici, nel governo Gentiloni (anche a prescindere dalla Fedeli). Per contro il quotidiano dei vescovi nicchia, fa l’occhiolino, si disp(r)one al potere. E getta strali di cristiano disprezzo e misericordia pagana su chi ha la schiena dritta

Leggi tutto

Società

News sulla Violenza Ostetrica: parla la Relatrice Speciale delle Nazioni Unite (parte prima)

Il motivo principale presupposto dei maltrattamenti è la diseducazione dilagante generale. Se ognuno di noi si recasse in diversi reparti di diversi nosocomi pubblici - e anche privati - di modo tale da poter osservare, come potrebbe fare una mosca, il trattamento che viene riservato a ogni singolo paziente durante le ore del giorno e della notte e in diverse circostanze, non rimarrebbe stupito nel constatare che in ogni turno, composto da diversi operatori sanitari (medici, infermieri, ostetriche, ausiliari) vi è chi possiede tatto - e quindi comunica in una certa maniera sia coi colleghi e i sottoposti, sia coi pazienti - e chi pare proprio mostri una condotta sbagliata - con colleghi, sottoposti e/o pazienti

Leggi tutto

Politica

AMMINISTRATIVE: ADINOLFI (PDF), “PAR CONDICIO VIOLATA IN TV”

E ci risiamo. L’articolo 2 comma 2 del regolamento dell’Autorità Garante per la Comunicazione garantisce in queste amministrative spazi uguali nell’informazione nazionale radiofonica e televisiva tra i partiti presenti in Parlamento e quelli in grado di presentare il simbolo almeno presso “un quarto dell’elettorato chiamato al voto”. Il simbolo del Popolo della Famiglia è presente in tutta Italia ed è letteralmente azzerato dalla comunicazione radiotelevisiva, compresa quella della Rai che è servizio pubblico. Oggi ho chiesto all’Agcom un intervento urgente di ripristino della par condicio. Fabiola Cenciotti deve avere gli stessi spazi di Raggi, Gualtieri e Calenda che sono gli unici citati sempre come candidati sindaco di Roma e non è giusto, non è legale. Anche per questo il 3 e 4 ottobre sorprendili votando Popolo della Famiglia.

Leggi tutto

Politica

LA RAGIONE PRINCIPALE

Dai che la ciccia è arrivata lo stesso. Dopo tanti pianti per la bocciatura del ddl Zan, arriva firmato il 9 novembre il decreto che assegna milioni a pioggia all’arcipelago Lgbt

Leggi tutto

Chiesa

Olanda. Cattolici olandesi, “ci manca la presenza fisica alle celebrazioni”.

Al sondaggio hanno risposto circa 2.000 membri della Chiesa cattolica, protestante, vetero cattolica e della Chiesa della Moravia.

Leggi tutto

Politica

Adinolfi: “Per l’Ucraina servirebbe un Aldo Moro”

“Mai come in questi giorni noi del Popolo della Famiglia non dimentichiamo. Beati gli operatori di pace, oggi serve un Aldo Moro e le gravi carenze dell’attuale classe dirigente italiana che non è cresciuta nel suo solco si ripercuotono sulla triste fase che il Paese e l’Europa stanno vivendo. Si torni presto alla lezione di Moro, che mai avrebbe armato una parte belligerante nel corso di una guerra ma si sarebbe frapposto per farla cessare, garantendo così un ruolo decisivo all’Italia nello scacchiere internazionale”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano