Media

di Mario Adinolfi

O capiamo o moriamo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Il 20 settembre esce il mio nuovo libro: “O capiamo o moriamo”. Ve lo dico con un po’ di anticipo perché è una creatura a cui tengo molto, il mio ritorno in libreria dopo “Voglio la mamma” che ormai ha quasi quattro anni e scrivere un libro con la cadenza dei mondiali di calcio era uno dei miei sogni da bambino che ha sempre pensato che avrebbe vissuto scrivendo. Si tratta di un libro che parla di vita, d’amore e di morte, partendo dalla lezione di due scrittori francesi atei, marxisti eppure lucidissimi: Michel Onfray e Michel Thomas, più noto con il suo pseudonimo, Michel Houellebecq. Ho scelto una tonalità da romanzo in un saggio, in cui cerco di far comprendere che quanto affermava il cardinale Biffi sull’Europa che se non sarà ricristianizzata sarà definitivamente islamizzata è totalmente vero. L’arma non sarà il terrorismo, ma la demografia che è scienza inesorabile come la matematica: se negli ultimi due anni sono morti seicentomila italiani più di quanti ne siano nati e gli islamici con il 7% della popolazione residente hanno fatto il 25% dei figli, la fine è scritta. Saremo la generazione responsabile della fine di una civiltà (lo scrive Onfray) e la Sharia “addolcita” che sostituirà gli ordinamenti giuridici fondati sulla radice giudaico-cristiana piacerà alle élites, come profetizzato in “Sottomissione” di Houellebecq, con il suo mix di poligamia legalizzata e autoritarismo. È chiaro che collaboreranno alla resa l’esplosione e la legalizzazione dei falsi miti di progresso: ideologia gender, aborto, eutanasia e cultura necrofila tipica dell’Europa del nostro tempo. L’alternativa, titanica missione, è essere cristiani per non soccombere. Ma Cristiani davvero, difensori di un’identità religiosa che è anche nazionale che sventoli il vessillo del nostro ordinamento giuridico bimillenario in faccia a quello dei barbari che vogliono avanzare e travolgerci. Onfray scrive spiegando che con la civiltà del “rock e dei fumetti, dell’aborto e del divorzio” non si sopravvive nel conflitto di civiltà incipiente “perché nessuno è disposto a morire per un iPhone”. In “O capiamo a moriamo” spiego che l’attacco sarà più subdolo e a tenaglia: scava sotto con la fragile libertà occidentale fondata sull’apericena e attacca da sopra con i numeri schiaccianti della demografia. Moriremo non per mano violenta ma carichi d’anni dovendo però ascoltare nei nostri ultimi istanti la nenia di un muezzin rilanciata dagli altoparlanti, mentre alla TV ci spiegheranno com’è bella la voce dei trans che si tagliano i coglioni da soli, metafora perfetta della nostra società destinata ad essere travolta perché ormai inneggiante agli eunuchi (il califfo Al Muqtadi già nel X secolo si vantava a Baghdad di possederne quattromila, tutti greci). Oppure capiremo e ci salveremo almeno l’anima. Ci si vede in libreria il 20 settembre 2017, se Dio vuole, con “O capiamo o moriamo”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/05/2017
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Un giudizio sulla legislatura

UN GIUDIZIO SULLA LEGISLATURA

Leggi tutto

Società

MARIO ADINOLFI intervistato dal mensile LGBT “PRIDE”

La rivista ha espresso il desiderio di rivolgere una lunga serie di domande al presidente del Popolo della Famiglia alla vigilia del test elettorale. Questo l’esito del colloquio, molto franco, firmato da Massimo Basili. Congratulazioni ad un mensile che per la prima volta ha espresso genuina curiosità intellettuale per scoprire le ragioni di un “nemico”. L’intervista è senza dubbio ben scritta, rispettosa e godibile.

Leggi tutto

Storie

MPS-Rossi, caso massonico

La trasmissione Le Iene riapre la vicenda del presunto suicidio di David Rossi, capo della Comunicazione del Monte dei Paschi di Siena, avvenuto nel 2013 e che sembra avere i tratti di un omicidio insabbiato. In
un’intervista esclusiva ricostruiamo il clima della Siena dell’epoca e indichiamo il vero centro di potere che governò MPS fino alla tragedia: la massoneria e le “relazioni finanziarie internazionali consolidate”.

Leggi tutto

Politica

Cento giorni dalle prossime elezioni

Se la campagna elettorale non è ufficialmente aperta, a poco più di tre mesi dalle elezioni, rombano ugualmente i motori delle formazioni in campo. Anche il Popolo della Famiglia lavora alacremente per aumentare, consolidare e conservare il consenso che dovrebbe permettergli di dare una rappresentanza politica al popolo del Family Day, tradito dai partiti che dovevano sostenerlo.

Leggi tutto

Società

La morte vince sulla giustizia?

Il processo a Marco Cappato si sta rivelando per la passerella di radicali che a suo tempo annunciammo. Fummo facili profeti: ieri il PM Tiziana Siciliano ha chiesto l’assoluzione per Marco Cappato, addirittura arrivando a dire che «oggi lo Stato è Marco Cappato», e torcendo nella sua arringa le parole di Primo Levi e di Thomas More. L’alternativa è rivedere direttamente l’art. 580.

Leggi tutto

Società

I brigatisti di via Fani, 40 anni dopo

Barbara Balzerani scrive garrula sui social: “Chi mi ospita oltreconfine per i fasti del quarantennale?”. Scrive proprio così, testuale. Ha 69 anni, non si è mai pentita né dissociata ed è libera da dodici anni. Era la compagna del capo delle Brigate Rosse, Mario Moretti, colui che prendeva ordini dai servizi segreti di mezzo mondo presso la finta scuola di lingue Hyperion di Parigi: Moretti è l’ideatore della strage e il principale responsabile dell’uccisione di Moro. Arrestato nel 1981, è in semilibertà dal 1997, ha avuto una figlia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano