Politica

di Mario Adinolfi

AGNESE E LO STERMINIO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Ho visto Agnese Renzi correre a Pontassieve in un evento a favore dei bimbi con sindrome di Down e mi viene da ricordare agli amici del Pd che la loro cultura abortista, la continua minaccia di cancellare il diritto all’obiezione di coscienza per i medici, i loro eletti alla Silvio Viale che si fanno i poster elettorali inneggiando alla RU486, sono corresponsabili dello sterminio nazista dei bimbi con sindrome di Down in Europa: su 100 concepiti, 92 vengono abortiti. Il Copenhagen Post scrive orgoglioso che “la Danimarca sarà il primo paese a non avere neanche un singolo cittadino affetto da sindrome di Down” grazie al progetto governativo Down Syndrome Free 2020, realizzato grazie ad una nuova formula di diagnosi prenatale non invasiva (si chiama NIPT) che da una goccia di sangue della donna incinta rileva il rischio di nascita di un bimbo con Trisomia 21. Bene, con questa “innovazione” e con una campagna abortista martellante, degli oltre 1.800 bambini con sindrome di Down concepiti in Danimarca ne sono nati 38 (il 2%), di cui solamente 2 per preciso volere dei loro genitori, gli altri 36 vengono descritti come “errori medici di valutazione”. Cioè sono nati per grazia di Dio. Al Copenhagen Post non farà piacere sapere però che nella corsa nazista allo sterminio la Danimarca è stata surclassata dall’Islanda, dove l’aborto per i bambini con diagnosi prenatale che fa emergere la Trisomia 21 riguarda il 100% dei casi e “da cinque anni non nascono i Down”. Evviva. Inutile ricordare che la Danimarca è il primo paese europeo ad aver legalizzato le unioni civili gay (1989) e come in Islanda vengono consentite formazioni familiari derivanti da utero in affitto: il bambino, insomma, è per quegli ordinamenti giuridici una “cosa” acquistabile appartenente agli acquirenti. In una visione antropologica e giuridica di questo tipo ovviamente la “cosa” fallata va eliminata. E qui non regge neanche la consueta opzione lacrimevole per cui i bimbi Down verrebbero eliminati “per il loro bene” secondo il mantra logicamente folle che supporta da anni la cultura nichilista, eutanasica e dell’aborto “terapeutico”. No, perché una inchiesta recente svolta da NBC News (dunque da una realtà laica, indipendente, nota worldwide) certifica che il 99% dei Down si dichiara “felice della propria vita”, il 96% anche del proprio “aspetto estetico”. Ma nella società del botox e dell’acido ialuronico, dei diktat dell’apparenza con modelli obbligatori imposti dall’industria della pubblicità e del porno, noi “normali” non vogliamo ammettere la verità: vogliamo lo sterminio dei bimbi Down perché disturbano la nostra vista. Stiamo procedendo a eliminare dalla faccia della terra un preciso gruppo di persone, perché il loro aspetto estetico non ci piace. Se non è nazismo questo, spiegatemi cosa lo è. E quando un video ha cominciato a circolare per sostenere la nascita dei bimbi Down, televisioni pubbliche come quella francese ne hanno vietato la trasmissione perché “potrebbe turbare le donne”, cioè farle riflettere sulla decisione di abortire, visto che anche la Francia dell’égalité governata dal presidente socialista amico di Renzi ha deciso che i Down sono meno uguali degli altri e devono morire in grembo, perché sono brutti e rappresentano un costo per il welfare. Agnese, correre con una maglietta caruccia è un bel gesto, ma contro i nazisti silenziosi del nostro tempo l’unica arma è provare a far circolare la verità e a testimoniarla perché oggi chi legge questo testo non può più dire di non sapere che i campi di sterminio sono aperti e attivi e contro questa roba non basta una maratonina per lavarsi la coscienza.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/05/2017
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Aborto, lo scandalo innominabile

L’orrore di Planned Parenthood, con i nuovi video ora anche sottotiolati in italiano, dei bambini venduti a pezzi è un tabù dell’informazione italiana

Leggi tutto

Chiesa

GRILLO E AVVENIRE, ADINOLFI (PDF): M5S È OPPOSTO ALLA CHIESA

Ma cosa hanno in comune la Chiesa ed il Movimento Cinque Stelle. Divergenze di opinioni in corso.

Leggi tutto

Storie

Manuel Agnelli, Jax Fedez e le parole false

Fedez, compagno di merenda lautamente pagata da Sky Italia nei “live” di XFactor, seduto allo stesso banco di Agnelli si è illuminato e ha esultato quando ha sentito il cantante leader degli Afterhours insultare il mio nome. Già, perché lo stesso Fedez insieme a JAx, sempre leggendo in maniera imbarazzante un testo scritto da altri, nel corso della trasmissione le Iene qualche mese fa si era reso protagonista di un altro vergognoso insulto, con tanto di gestualità, rivolto a me come personificazione di tutte le famiglie che avevano partecipato ai Family Day.

Leggi tutto

Politica

Viale Mazzini: i vertici Rai sotto pressione

I baci gay, Luxuria “maestra” e Bertolucci senza censure in prima serata sono solo antipasti: il nuovo corso a guida gialloverde prepara per La Grande Storia documentari celebrativi dell’anniversario del primo Gay Pride. La presenza dei cattolici è così rarefatta da risultare ormai tecnicamente irrilevante (e non rilevabile). Non saranno le petizioni online a far cambiare le cose.

Leggi tutto

Politica

La vittoria disonorata degli anticasta

Cosa è successo in questi dieci anni? Che il sistema politico si è affidato a ogni formula possibile: governo di centrodestra, tecnico di unità nazionale, centrodestra-centrosinistra, nuovocentrodestra-Pd, gialloverde, giallorosso. Qualsiasi formula ha ripetuto lo schema del tentare di massimizzare dalla posizione di potere il proprio consenso politico, allo stesso tempo annullando completamente qualsiasi procedura democratica interna ai partiti. Insomma, i vittoriosi anticasta di quel 2007 ribollente in pochissimi anni si sono fatti casta loro stessi

Leggi tutto

Chiesa

Aborto e referendum, il vescovo di San Marino: ogni uomo ha diritto a vivere

In vista del referendum di domenica 26 settembre sulla depenalizzazione dell’aborto, il vescovo della diocesi sollecita la società a interrogarsi sui suoi valori fondanti e sul diritto alla vita.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano