Politica

di Mario Adinolfi

Grideranno i ragazzi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Ennesima paginata regalata da Repubblica a Monica Cirinnà che tratteggia il suo programma per la legislatura che verrà: “matrimonio egualitario”, adozioni gay e utero in affitto libero. Roba da far accapponare la pelle per la brutalità delle considerazioni. L’utero in affitto deve essere sempre libero se è compiuto “su base volontaria”. Certo, la ragazza indiana sedicenne non protesta, se prova a farlo viene ammazzata dal racket che gestisce le cliniche e a sporcarsi le mani di sangue sono altre ragazze delle cliniche stesse, talmente povere che per loro questo business è vita. E la donna della working class americana impoverita che ha venduto i figli a Nichi Vendola e a Sergio Lo Giudice, politici comunisti che c’hanno fatto una testa tanta sui ricchi che non devono sfruttare i poveri, compie quel gesto di disfarsi del bimbo partorito “su base volontaria” o perché è in stato di bisogno e su quelli stato di bisogno fanno leva gli acquirenti?

Maria Novella De Luca, giornalista embedded sempre prona ai diktat del movimento Lgbt, non fa queste domande alla Cirinnà che ottiene la paginata senza rilievi o critiche, è tutto un osanna. La poverina ha rotto con Renzi e ora cerca una via per essere ricandidata di forza, pronta a fare la “martire arcobaleno” se il ducetto di Rignano la depennasse dai candidati Pd alle prossime elezioni. E così sulla pelle dei bambini venduti ecco il catalogo del programma politico prossimo venturo.

Per fortuna questo delirio durerà pochi anni. Poi questi bambini rubati con la forza del denaro alle loro mamme cresceranno e si faranno ragazzi. E allora saranno loro, grideranno i ragazzi: “Come ti sei permesso vecchio ipocrita che facevi pure il comunista di privarmi con il tuo lurido denaro del diritto ad avere mia madre?”.

Grideranno i ragazzi, Vendola avrà settant’anni e si farà qualche domanda, quelle finali, quelle che servono, quelle che oggi non ha ancora il coraggio di farsi perché pensa solo a sé, come la Cirinnà, come Lo Giudice, come queste classi dirigenti indegne ed egoiste che possono essere solo sconfitte perché hanno perso ogni tratta di umanità e di ragionevolezza.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/06/2017
0310/2022
S. Maria Giuseppa Rossello

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

I principali orientamenti ecclesiali

Talora si può dialogare sui problemi senza cercarne le radici profonde

Leggi tutto

Politica

Lettera aperta a Giuliano Amato

Mario Adinolfi e la lettera a Giuliano Amato sull’eutanasia

Leggi tutto

Politica

Nuoro - PDF - “L’identità di genere non esiste. Giovani vittime”.

Il Popolo della Famiglia Sardegna è intervenuto sulla vicenda dell’Istituto superiore Ciusa di Nuoro, che di recente ha introdotto la ‘carriera alias’ nel proprio regolamento di istituto, per permettere agli studenti e alle studentesse che hanno intrapreso un percorso di transizione di genere di cambiare il nome sui documenti scolastici

Leggi tutto

Politica

Riccione, Campisi dal Popolo della Famiglia alla Lega

Dopo quasi cinque anni di impegno attivo nel Popolo della Famiglia di Riccione Luca Campisi lascia il movimento fondato da Mario Adinolfi per entrare in Lega.

Leggi tutto

Politica

Perché voterò NO, o non voterò, i 5 referendum sulla “Giustizia Giusta”

Un breve contenuto per La Croce, basato su quanto espresso dal Centro Studi Rosario Livatino.

Leggi tutto

Politica

M’INNAMORO DEGLI IRREGOLARI

La prima regola di questa politica, figlia di una comunicazione falsata per addomesticare il libero pensiero del cittadino, è apparire quello che non si è: mettersi in giacca e cravatta tutti i giorni senza averlo mai fatto per una vita intera, cercare approvazione da “quelli che contano” mentre per anni li perculavi al bar sotto casa e immaginare di avere potere sapendo benissimo di non poter mai ottenere la libertà di esercitarlo con piena autonomia di pensiero. Questa categoria di classe dirigente, che potremmo catalogare come i cosiddetti “colletti bianchi” (farlocchi), domina nei partiti tradizionali grazie al consenso consapevole e strumentale di leader che la cercano come le pepite d’oro per scongiurare ogni possibile dissidio interno.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano