Politica

di Mario Adinolfi

In estrema sintesi

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

​La tornata amministrativa 2017 va in archivio facendo segnare una importante e indubbia avanzata del Popolo della Famiglia. Avevamo tre eletti, ora ne abbiamo sedici; governavamo in coalizione un solo comune, ora ne governiamo tre; avevamo raggiunto al massimo il 3,3%, ora abbiamo superato il 14% in due comuni; a Verona grazie a Filippo Grigolini raccogliamo lo stesso numero di voti di Forza Italia, mentre abbiamo battuto i competitors naturali di Fratelli d’Italia in Comuni importanti come Verona, Crema, Conegliano, Riccione; sempre a Riccione siamo stati determinanti scegliendo Renata Tosi, donna cattolica coraggiosa, fin dal primo turno, visto che ha vinto il ballottaggio con il 51.4% e il Popolo della Famiglia ha preso l’1.7%. La sfida del 3% nazionale è a portata di mano e sbaglia chi torna a riproporre lo schema vecchio delle candidature di bandiera del Family Day all’interno dei partiti del centrodestra, è lo schema che ci ha portato al disastro attuale. Bisogna prenderne atto: Forza Italia ha dato libertà di voto sull’eutanasia e si è astenuta sulla legge su gender e omofobia in Umbria; leghisti importanti come Zaia sono addirittura apertamente a favore dell’eutanasia e insieme a Fratelli d’Italia propongono la legalizzazione della prostituzione; il divorzio breve è stato votato da tutti i gruppi politici con appena 11 voti contrari al Senato, mentre alla Camera sull’eutanasia i contrari sono stati 37.
Affidarsi al centrodestra i cui eletti sono stati determinanti anche per l’approvazione della legge Cirinnà è un suicidio, più che mai in una prossima legislatura che si annuncia di larghe intese con il Pd per via del sistema elettorale proporzionale. Occorre condizionare un governo di tal fatta con un soggetto politico autonomo che possa togliere la fiducia in caso di approvazione di ulteriori leggi contro la famiglia naturale e contro la vita. Quel soggetto politico si chiama Popolo della Famiglia e ha dimostrato di avere la forza per poter superare lo sbarramento per l’ingresso in Parlamento e con decine di eletti svolgere il ruolo per cui è nato dopo la sconfitta politica dei Family Day causata proprio dal tradimento di coloro ai quali, eletti nel centrodestra, era stata affidata la rappresentanza di quel popolo. Errare è umano. Perseverare, si sa.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

26/06/2017
2006/2021
Ss. Giovanni Fisher e Tommaso Moro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

IL PASSO DECISIVO DEL TEATRO ELISEO

Il Popolo della Famiglia, senza essere un soggetto politico confessionale ma davvero aperto al contributo di tutte le persone di ogni fede e di buona volontà, dice basta alla stagione della delega ad altri e si presenterà a tutti gli appuntamenti elettorali prossimi venturi chiedendo il consenso sul proprio simbolo quale soggetto politico autonomo, con le radici affondate nelle ragioni della grande mobilitazione popolare del Family Day, tradita dai politici dei partiti tradizionali che pure dicevano di volerne rappresentare le istanze. Preso atto del tradimento, la risposta è la nascita e la diffusione sempre più massiccia su tutto il territorio nazionale del Popolo della Famiglia, che dal teatro Eliseo esce con una missione da compiere: raggiungere il milione di voti che darebbero rappresentanza parlamentare in tutti e due i rami del Parlamento al Pdf, oltre che in Comuni e Regioni. L’obiettivo è andare al governo del Paese. Come ha detto sempre Amato, in prospettiva essere una forza non del 3% ma del 30% ed oltre. Il passo decisivo, il primo passo, è stato avviato al teatro Eliseo di Roma. Chi c’era ha sentito soffiare un vento che faceva capire di essere presenti ad un avvenimento di portata storica.

Leggi tutto

Media

Franco Di Mare offende i cattolici polacchi a spese pubbliche

Tra i tanti denigratori degli innumerevoli polacchi che hanno voluto pacificamente circondare la loro nazione con la loro preghiera abbiamo dovuto
annoverare anche il popolare conduttore di UnoMattina, che si è prodotto in lunghissimi minuti di propaganda di regime laicista e radical chic

Leggi tutto

Chiesa

L’altra faccia del convegno vaticano sull’eutanasia

E’ balzata alla ribalta dell’attenzione nazionale la notizia del WMA European Region Meeting on End-of-Life Questions che coinvolgerà una trentina di specialisti della materia in una due-giorni ospitata in Vaticano. L’evento non sembra studiato per far discutere, ma semmai per pura accademia

Leggi tutto

Chiesa

A 25 anni dal primo duro anatema alla mafia

Oggi la Chiesa agrigentina fa memoria del giubileo dalla visita di San Giovanni Paolo II. Arrivò e rimase nella Valle dei Templi l’8 e il 9 maggio 1993. Tutti ricordano monsignor Marini che tradisce una tensione stellare, alle spalle del roccioso pontefice slavo: oggi tutti i vescovi siciliani si ritroveranno alle 18:00 per una celebrazione eucaristica al Tempio della Concordia.

Leggi tutto

Media

In risposta ad un direttore del web

Il direttore di questo quotidiano è stato strumentalizzato (una volta di più) per una polemica acchiappaclic a mezzo di “character assassination”: il direttore di The Post Internazionale si è scusato per l’episodio, che però risulta eloquente nell’esprimere la crisi dell’informazione digitale. O il culto per la verità torna ad essere il sistema immunitario dei media o le fake news li strozzeranno tutti.

Leggi tutto

Politica

Dieci obiezioni confutate sul Popolo della Famiglia

Gianfranco Amato ribatte alle obiezioni giunte da più parti sulla decisione del Popolo della Famiglia di competere alle prossime elezioni amministrative

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano