Politica

di Mario Adinolfi

In estrema sintesi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

​La tornata amministrativa 2017 va in archivio facendo segnare una importante e indubbia avanzata del Popolo della Famiglia. Avevamo tre eletti, ora ne abbiamo sedici; governavamo in coalizione un solo comune, ora ne governiamo tre; avevamo raggiunto al massimo il 3,3%, ora abbiamo superato il 14% in due comuni; a Verona grazie a Filippo Grigolini raccogliamo lo stesso numero di voti di Forza Italia, mentre abbiamo battuto i competitors naturali di Fratelli d’Italia in Comuni importanti come Verona, Crema, Conegliano, Riccione; sempre a Riccione siamo stati determinanti scegliendo Renata Tosi, donna cattolica coraggiosa, fin dal primo turno, visto che ha vinto il ballottaggio con il 51.4% e il Popolo della Famiglia ha preso l’1.7%. La sfida del 3% nazionale è a portata di mano e sbaglia chi torna a riproporre lo schema vecchio delle candidature di bandiera del Family Day all’interno dei partiti del centrodestra, è lo schema che ci ha portato al disastro attuale. Bisogna prenderne atto: Forza Italia ha dato libertà di voto sull’eutanasia e si è astenuta sulla legge su gender e omofobia in Umbria; leghisti importanti come Zaia sono addirittura apertamente a favore dell’eutanasia e insieme a Fratelli d’Italia propongono la legalizzazione della prostituzione; il divorzio breve è stato votato da tutti i gruppi politici con appena 11 voti contrari al Senato, mentre alla Camera sull’eutanasia i contrari sono stati 37.
Affidarsi al centrodestra i cui eletti sono stati determinanti anche per l’approvazione della legge Cirinnà è un suicidio, più che mai in una prossima legislatura che si annuncia di larghe intese con il Pd per via del sistema elettorale proporzionale. Occorre condizionare un governo di tal fatta con un soggetto politico autonomo che possa togliere la fiducia in caso di approvazione di ulteriori leggi contro la famiglia naturale e contro la vita. Quel soggetto politico si chiama Popolo della Famiglia e ha dimostrato di avere la forza per poter superare lo sbarramento per l’ingresso in Parlamento e con decine di eletti svolgere il ruolo per cui è nato dopo la sconfitta politica dei Family Day causata proprio dal tradimento di coloro ai quali, eletti nel centrodestra, era stata affidata la rappresentanza di quel popolo. Errare è umano. Perseverare, si sa.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/06/2017
0102/2023
San Severo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il vento cambia anche in Romania

L’“Unione per la salvezza della Romania”, guidata dal 46enne Nicosur Dan, debutta alle urne raccogliendo una sonante percentuale di voti del 9,3%. Il messaggio del nuovo movimento, fondato solo 6 mesi fa, è “onestà e competenza”. Quindi cambiamento sì, ma anti-politica no. Un insegnamento anche per le prossime politiche italiane

Leggi tutto

Società

Se un single adotta una down

La notizia impazza sulle pagine dei giornali come prodromica dell’annunciata e formidabile riforma Boschi sulle adozioni (nella quale, comunque, potranno continuare ad adottare «anche le
famiglie tradizionali» – sic!). La sola crudele certezza, invece, è che abbiamo costruito un sostrato sociale in cui otto coppie possono abbandonare una neonata solo perché affetta da trisomia 21

Leggi tutto

Politica

Unioni civili sempre più come i matrimoni

Ora arrivano i permessi e le vacanze pagate: ulteriori e logici sviluppi dell’applicazione della legge della vergogna

Leggi tutto

Chiesa

Il profilo del politico che vuole il Vaticano

Due interventi ravvicinati, nei giorni immediatamente successivi al varo del “Biotestamento” danno un sensibile segnale dalla Chiesa

Leggi tutto

Politica

La Francia dopo gli Stati Generali della bioetica

Si è conclusa col mese di aprile una lunga fase di aggiornamento sui progressi delle tecniche mediche e di dibattito (oltre 280 eventi in tutto) sui possibili ritocchi all’ordinamento giuridico.

Leggi tutto

Chiesa

I #Vescovi italiani guardano al Paese reale

Scuola ed educazione, lavoro e povertà, sicurezza e migranti: sono solo alcuni dei temi (secolari) toccati dal documento finale prodotto dalla Conferenza Episcopale Italiana al termine della riunione autunnale del Consiglio Permanente. Per il resto si è toccata, fra le altre, la questione squisitamente liturgica della diffusione dell’ultima edizione del Messale Romano.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano