Politica

di Mario Adinolfi

Renzi perde, il PDF vince

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Si possono consegnare agli archivi le elezioni amministrative 2017 con un titolo su cui certamente possiamo essere tutti d’accordo: Matteo Renzi le ha perse. Il centrosinistra a trazione Pd, un Pd che si è dissanguato in scissioni e malumori per via delle manie assolutistiche del suoi leader, proprio non funziona. Perde clamorosamente la sfida di Genova consegnando la rossa Liguria nelle mani del centrodestra perdendo anche La Spezia, ma ancora più nettamente viene sconfitto il povero Tosi a Verona, a cui l’avvicinarsi a Renzi porta malissimo, visto che la fidanzata lasciata a rappresentarlo prende una scoppola da quindici punti di distacco da Sboarina. Il centrosinistra si lecca le ferite anche a Parma e a Piacenza, con sconfitte nettissime impensabili alla vigilia. La débacle si fa pesante persino in terra toscana, dove il trio Renzi-Boschi-Lotti consegna Pistoia al centrodestra (alle precedenti amministrative il centrosinistra aveva sfiorato il 60%), mentre in Lombardia il partito di Renzi deve consegnare ai rivali del centrodestra le fasce tricolori anche di Como e Lodi.

La riflessione renziana è stata già anticipata: sarà tutto relegato a “voto amministrativo locale” tenendo lontana la riflessione politica generale, che dice invece a sorpresa che ad essere in salute è il centrodestra (e che ora per Salvini e Meloni la strada “autonoma” da Berlusconi si fa in salita) mentre i grillini arrancano e il centrosinistra è sostanzialmente a pezzi, diviso in mille fazioni rissose che ovviamente in una legge elettorale a doppio turno con ballottaggio finiscono per danneggiarsi l’una con l’altra.

Ma. C’è un ma. La legge elettorale per le politiche non è un doppio turno con ballottaggio. Lo era l’Italicum, ma per una serie di ragioni costituzionalmente poco serie, è stato dichiarato incostituzionale, in realtà temendo che potessero approfittarsene i grillini. La legge elettorale per le politiche è un proporzionale puro con sbarramento al 3%. Questo vuol dire che i risultati delle amministrative 2017, se fossero quelle delle politiche 2018, consegnerebbero il Paese a un governo di coalizione centrodestra-centrosinistra a polarità opposta rispetto alle politiche 2013. Se infatti allora per pochi voti fu il Pd a dare le carte e ad esprimere il presidente del Consiglio, la crisi renziana di raccolta del consenso (alcuni candidati sindaco non l’hanno voluto in campagna elettorale perché convinti che facesse perdere voti) tramuterebbe l’arrogante Matteo in un portatore d’acqua per un governo a trazione berlusconiana che potrebbe puntare su un presidente del Consiglio a sorpresa. Quel Calenda ora ministro di Gentiloni? La Meloni? O addirittura un Gentiloni bis con l’attuale presidente del Consiglio totalmente de-renzizzato e reso autonomo nella leadership?

Vedremo. Di certo la tentazione di Renzi di andare subito al voto dopo queste amministrative si raffredderà, mentre Berlusconi capisce di essere ancora alla guida di una coalizione ammaccata, potenzialmente molto divisa, ma vincente.

Il Popolo della Famiglia come è noto guarda ai giochi tra le coalizioni con grande distacco. I nostri dirigenti hanno presentato le liste autonome in tutta Italia, valutando sempre le ipotesi di entrare in coalizione se fossero stati accettati i nostri punti programmatici e se il candidato sindaco altrui fosse coerente con i nostri principi, quindi nella stragrande maggioranza dei casi finendo per convenire che l’unica strada possibile fosse la presentazione di liste autonome del Popolo della Famiglia con un proprio candidato sindaco. Ci siamo spesi già in passato nel raccontare come sono andate per noi queste amministrative che chiudiamo con sedici eletti del Popolo della Famiglia. In coalizione abbiamo collaborato con un gran lavoro del coordinatore nazionale Nicola Di Matteo a eleggere al primo turno il sindaco di Avola, in Sicilia e abbiamo partecipato e vinto al ballottaggio di Riccione, per Renata Tosi sindaco.

Il caso di Riccione è particolarmente emblematico, perché la scelta di entrare in coalizione con Renata Tosi, coordinata da Mirko De Carli e Massimiliano Fiorin, è derivata proprio da una conoscenza del candidato sindaco, di grandissimo coraggio e spessore, assolutamente coerente con i nostri principi non negoziabili, che ha partecipato personalmente alle iniziative dello splendido gruppo del Popolo della Famiglia di Riccione che sono andato ad incontrare personalmente in campagna elettorale traendone la sensazione refrigerante di un gruppo di amici che si batteva con coraggio e senza secondi fini. Bene, il gruppo Pdf Riccione, nato davvero poche settimane prima del voto, non solo ha preso più voti di un partito blasonato e strutturato come Fratelli d’Italia, ma ora va al governo di una città nevralgica e anche simbolica per le nostre battaglie, dove evidentemente non a caso la serata con il segretario nazionale Gianfranco Amato e Povia l’11 maggio scorso è stata affollatissima. Con un gran lavoro sul territorio, abbiamo centrato il risultato.

Il Popolo della Famiglia insomma vince ancora: è al governo ora in tre città con popolazione superiore ai 15mila abitanti (Cordendons, Avola, Riccione), è presente con propri eletti nelle municipalità di importanti città (Verona, Bolzano, Ravenna, Faenza), ha consiglieri eletti in sei regioni: Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Sicilia. A ottobre vivremo la sfida per le municipali a Roma, per Ostia e il municipio VIII, dove abbiamo buone speranze di ottenere altri eletti. Poi nel 2018 la sfida delle elezioni politiche in cui però partiamo con un buon allenamento svolto alle amministrative 2016 e 2017.

Davvero complimenti alle migliaia di militanti del Popolo della Famiglia che in questi quindici mesi di vita, dall’assemblea costituente dell’11 marzo ad oggi, consentendoci di presentare le liste del Pdf in 35 comuni comprendenti tutte le città più importanti d’Italia, raccogliendo decine di migliaia di firme e poi di voti, hanno reso possibile il concretizzarsi di un’offerta politica che ribadisce la sua ambizione: rappresentare un popolo che vuole difendere i principi essenziali e quindi non negoziabili facendo ripartire la politica dai bisogni della famiglia naturale e farlo andando in Parlamento autonomamente e successivamente al governo del Paese per garantire che non sia fatto ulteriore male all’Italia. Questa è la promessa, questo faremo se tutti voi ci darete una ulteriore concreta mano, uscendo dalla lamentazione ed entrando in una dimensione di fattibilità progettuale. Insieme, questa lotta condurrà ad altri successi.

A noi la battaglia, a Dio la vittoria.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/06/2017
0403/2024
San Casimiro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Priorità è tornare a fare figli

L’Istat certifica inesorabilmente il lungo e strutturale declino demografico italiano. Nel 2015 sono stati iscritti all’anagrafe per nascita 485.780 bambini, quasi 17mila in meno rispetto al 2014, a conferma della tendenza alla diminuzione della natalità (-91mila nati sul 2008). E nei primi sei mesi del 2016 il trend continua inesorabile il volo in picchiata verso il basso: i nuovi nati sono diminuiti del 6%. Il triplo rispetto a un anno fa. Denatalità che ormai risulta sempre più trasversale: italiani e immigrati. I nati da coppie di genitori entrambi italiani scendono a 385.014 nel 2015 (oltre 95 mila in meno negli ultimi sette anni). Ma per il secondo anno consecutivo scende anche il numero di nati da coppie residenti in Italia con almeno un genitore straniero: sono quasi 101 mila nel 2015, pari al 20,7% del totale dei nati a livello medio nazionale (circa il 29% nel Nord e l’8% nel Mezzogiorno).

Leggi tutto

Storie

LETTERA A J-AX, “ITALIANO MEDIO”

Però ho qualcosa da dirti: non farti fregare, il conformismo è una malattia orrenda da cui non si guarisce facendo una battuta sulla mia obesità, uguale a milioni che mi sono state fatte per decenni. Trova in questa mia risposta un’occasione per una riflessione più complessa, caro Alessandro.

Leggi tutto

Storie

L’allenatore e il produttore tra la gogna e il banco

Guai in vista per i due abusatori, ma c’è chi si chiede se l’ipocrisia non grondi anche da altre parti. Si continuano a tutelare insufficientemente i minori

Leggi tutto

Chiesa

Il convegno di Siracusa raccontato da chi c’è stato

Oltre i soliti zelanti allarmismi di certo mondo reazionario si erge la parrhesía di Antonio Staglianò

Leggi tutto

Chiesa

C’è un solo modo di riformare davvero la Chiesa

Quando si parla di “disputa felice” bisogna avere il coraggio e la forza di confrontarsi con persone come mons. Agostino Marchetto. Armato “solo” di enorme competenza e di altrettanta umiltà, il famoso storico del “Magno Sinodo” che fu il Vaticano II ha offerto un contributo importante a una miscellanea di grido, sì, ma dalle numerose aporie. L’opera segna la strada per quanto ancora resta da fare in ordine all’assimilazione del Concilio. Ne parliamo con lui.

Leggi tutto

Politica

Cattolici: quantità e qualità

I due studi più recenti (Ipsos e Eurispes) concordano su un dato: si definiscono “cattolici” oltre il 70% degli italiani, per Ipsos sono il 74.4%, per Eurispes il 71.1%. Stiamo parlando di circa 45 milioni di persone, una enormità. E infatti se andiamo a cercare i dati sulla pratica religiosa, i cattolici praticanti, quelli che vanno alla messa domenicale sono molti di meno: circa un quarto degli italiani. Ipsos fa una interessante distinzione: l’11.2% lo definisce “cattolico impegnato”, cioè va a messa ed è attivo in parrocchia o nell’associazionismo; poi c’è un 15.8% di “assidui scarsamente impegnati” che dunque vanno a messa una o due volte al mese o anche tutte le settimane ma comunque non avvertono un coinvolgimento né nella dimensione ecclesiale né nell’associazionismo. Il rapporto Ipsos è del novembre 2017, dunque i dati sono recentissimi e sembrano fotografare una condizione di realtà. Volendo fare riferimento ai soli cattolici impegnati, stiamo parlando comunque di un popolo di poco inferiore ai sette milioni di italiani.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano