Società

di Mario Adinolfi

La morte di Charlie punto di non ritorno

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Dobbiamo averlo chiaro in testa, il martirio di Charlie Gard è un punto di non ritorno delle politiche mortifere europee, caratterizzate anche da una inadeguata opposizione alla esplosione di norme e sentenze contro la vita e contro la famiglia. Ai genitori di Charlie non solo viene tolto il figlio, non solo viene ucciso soffocandolo staccando la macchina che gli consente di respirare, ma viene addirittura negato il diritto di farlo morire a casa e di farlo vedere prima della morte ad amici e familiari. Tutto questo accade senza sostanziale opposizione popolare, perché non si può considerare qualche strepitio su Facebook una reale opposizione ad un atto di crudeltà senza precedenti che è colossale perché fa precedente. Uccidono Charlie (uno, indifeso), per educare noi tutti al criterio che la soppressione del sofferente improduttivo è legittima se la cura del sofferente comporta costi eccessivi. Non è un fulmine a ciel sereno. Questa decisione dei medici inglesi, questa sentenza dei giudici inglesi, questa conferma ottenuta in sede europea arriva dopo anni di progetti “alla danese” Down Syndrome Free (cioè la soppressione prima della nascita di tutti i bambini danesi portatori di Trisomia 21, nell’ultimo anno ne sono nati solo 2 su oltre 1.800) o di vanterie “alla islandese”, popolo che da cinque anni non vede nascere più neanche un bambino Down, tutti uccisi nel ventre materno.

Contemporaneamente in Olanda, Belgio, Lussemburgo, Svizzera decine di migliaia di malati, depressi, affetti da Alzheimer, dementi, sofferenti di varia natura sono soppressi tramite eutanasia e suicidio assistito, anche a pagamento. Charlie Gard riceve le nostre estreme attenzioni, ma è punta di un iceberg composto da milioni e milioni di volti sconosciuti di addolorati e bambini non nati che negli ultimi dieci anni solo in Europa sono stati soppressi in nome di una società che vuole rimuovere la sofferenza e il sacrificio cancellando il fastidio estetico di doverli vedere, dunque uccidendoli. Non è un atto isolato, è un atto che apre una stagione ulteriore di morte contro cui, ripeto, l’unica efficace opposizione è la ribellione di una moltitudine nelle urne per prendere spazi decisionali dove le decisioni si formano, dove le leggi si fanno. E’ la lezione americana dove un presidente che non piaceva a molti (neanche a me) e che alcuni cattolici contestavano per la dubbia moralità e l’eccessivo istrionismo, ha però compiuti atti concreti conseguenti ai consensi ottenuti da milioni di cristiani: ha ad esempio nominato un giudice della Corte Suprema di sani principi cambiando gli equilibri del massimo organo giurisdizionale degli Stati Uniti e gli effetti si sono già visti. Da una vittoria politica derivano vittorie giurisprudenziali e si pone un argine alla marea montante delle leggi contro la vita e contro la famiglia.

Per impedire la morte di Charlie Gard non è stato fatto abbastanza, neanche i cristiani hanno fatto abbastanza. In Europa stanno riuscendo a costruire un’assuefazione alle politiche di morte che sta colpendo anche noi, che ci lascia attaccati a qualche attività on line che sembra salvarci la coscienza e invece la carica di un gravame ancora più evidente, perché è chiaro che siamo consapevoli del male che viene compiuto. Viene compiuto, lo ricordiamo, in una nazione governata non certo dalla sinistra, con il consenso sostanziale dell’esecutivo che non ha fermato questa sentenza di morte. Solo se gli oppositori delle politiche mortifere capiranno quel che è necessario fare per ribellarsi concretamente, assumendo la lezione americana come alternativa possibile al capo chinato e rassegnato che esprimiamo in Europa, sarà possibile risalire la china dal baratro infernale in cui l’uccisione barbara e senza pietà di Charlie Gard ci fa sprofondare.

Che questo piccolo martire ci faccia aprire gli occhi, in fretta.

Gli sia lieve la Terra, Dio accogli Charlie Gard e fallo splendere come merita.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

29/06/2017
3107/2021
Sant'Ignazio di Lojola

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Vaccini a scuola: obbligo per tutti i bambini (0-6)

Il Consiglio dei ministri ha varato venerdì scorso il temuto “decreto legge vaccini”. La mancanza di documentazione sulle vaccinazioni obbligatorie produrrà da parte dell’autorità scolastica sanzioni dalle 10 alle 30 volte maggiori di quelle esistenti. Pericoli per questo invasivo intervento del Governo sono avvertiti dalle famiglie, dalle associazioni dei consumatori e… dagli “home schooler”. L’impressione è che la dialettica venga esacerbata dal governo nella ricerca dello scontro frontale con il M5S. La solita impostazione manichea che non permette di approfondire e vagliare adeguatamente

Leggi tutto

Società

La distrazione di fondo che ci porta all’eutanasia

Gli istituti demoscopici presano un servizio spesso utilissimo, ma non di rado influenzano scientemente i propri risultati (anche semplicemente col modo di formulare le domande). Sul fine-vita – ormai ci martellano da anni e anni per inculcarci l’idea che sia meglio per tutti liberarsi dei malati e dei disabili (fanno passare Eluana Englaro per “una ragazza in coma”…) – i responsi sono tutti accesi ma decisamente contraddittori: il 60% degli italiani si dice contrario al suicidio assistito, ma sono anche di più quelli che si dicono favorevoli a una legge che regolamenti l’eutanasia. Com’è possibile?

Leggi tutto

Politica

IL PDF TRA NUOVI ELETTI E NUOVE GRANDI SFIDE

La nostra sfida per un progetto politico autonomo di ispirazione cristiana che cresce e va al governo delle comunità si sposta da qui a otto mesi alle elezioni nelle grandi città  del maggio 2021. Siamo un popolo, non ci faremo trovare impreparati. Dovremo affrontare due settimane dei ballottaggi importanti in cui saremo protagonisti grazie ai risultati ottenuti a Chieti (0,6%) ma soprattutto a Matera (3,5%) e Castrovillari (11,1%). Non solo, tra due settimane il Popolo della Famiglia torna in campo anche per il primo turno delle amministrative siciliane ad Agrigento, a Tremestieri ed a Mislimeri

Leggi tutto

Politica

In difesa dello studio Sullins

Sullins dimostra che i minori che vivono con coppie omosessuali hanno più problemi, ma il suo studio “non vale” perché Sullins è un prete…

Leggi tutto

Chiesa

L’altra faccia del convegno vaticano sull’eutanasia

E’ balzata alla ribalta dell’attenzione nazionale la notizia del WMA European Region Meeting on End-of-Life Questions che coinvolgerà una trentina di specialisti della materia in una due-giorni ospitata in Vaticano. L’evento non sembra studiato per far discutere, ma semmai per pura accademia

Leggi tutto

Politica

Anche solo il nostro esistere

Il Popolo della Famiglia va avanti: 355 cittadini hanno sottoscritto la mia candidatura a deputato del collegio Roma 1, abbiamo avuto la forza organizzativa per fare la raccolta in una settimana, siamo l’unica organizzazione cristianamente ispirata in grado di fare questo nel campo politico. Non ci è piaciuto il governo gialloverde, ancora meno ci è piaciuto il governo giallorosso che candida nel collegio addirittura il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, quello che ha irriso la famiglia con uno stanziamento di venti volte inferiore a quello necessario e promesso. Se i cattolici hanno un minimo di spina dorsale e coerenza, non possono votare per lui. A chi, come noi, non ha gradito neanche le inesistenti politiche di bilancio a favore della famiglia del governo precedente, noi offriamo un’alternativa.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano