Chiesa

di Claudia Cirami

Giacomo Morandi, nuovo segretario della CDF

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Giacomo Morandi è il nuovo Segretario della Congregazione per la Dottrina della Fede. Succede a Luis Ladaria, che è andato a ricoprire l’incarico di Prefetto della stessa Congregazione. Un passaggio di consegne interno, come era avvenuto nel caso di Ladaria. Papa Francesco dà di nuovo fiducia al sacerdote e docente che volle alla Congregazione nel 2015 come Sotto-Segretario. Questo sembra un segno di stima per il lavoro svolto finora: sappiamo che nulla con Francesco è davvero scontato. Il caso del Card. Gerhard Mueller, che non è stato riconfermato come Prefetto allo scadere del mandato, andando contro una prassi ormai consolidata, mostra che il Santo Padre non si muove sempre secondo schemi prestabiliti. È vero che per la carica più alta non ha scelto alcuni nomi che circolavano alla vigilia e si è limitato alla promozione di Ladaria, ma, anche senza voler fare dietrologia, è possibile vedere una precisa volontà in certe scelte piuttosto che scontate promozioni.

Chi è il nuovo Segretario? Giacomo Morandi proviene dall’Arcidiocesi di Modena-Nonantola, e a Modena è nato nel 1965. Era stato ordinato presbitero nel 1990. Il suo curriculum di studi è di tutto rispetto. Morandi ha conseguito due licenze: una in Scienze Bibliche al Pontifico Istituto Biblico di Roma, l’altra in Teologia dell’evangelizzazione (Missiologia) all’Università Gregoriana. Nella stessa sede, sempre in Teologia dell’evangelizzazione, ha conseguito anche il Dottorato, nel 2008. Tra gli incarichi pastorali ottemperati nella diocesi di Modena è stato anche Direttore dell’Ufficio Servizio Biblico Diocesano, Vicario pastorale per la Catechesi, l’Evangelizzazione e la Cultura, e, infine, Vicario Generale. Proprio la sua diocesi di provenienza ha espresso – nelle parole del Vescovo Erio Castellucci – gioia per il nuovo incarico: «Come diocesi siamo onorati della scelta di papa Francesco, che riconosce in uno dei nostri sacerdoti le qualità e i doni per portare avanti un servizio così delicato e complesso alla Chiesa universale». Per lungo tempo Morandi ha esercitato come docente, insegnando Sacra Scrittura sia presso lo Studio teologico Interdiocesano di Reggio Emilia-Modena-Parma-Carpi sia presso l’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Modena. Inoltre ha insegnato Esegesi Patristica all’Atelier di Teologia card. T. Spidlìk al Centro Aletti di Roma. Ha poi curato introduzioni e note al Libro dell’Esodo e dei Numeri nella Nuova Traduzione della Bibbia CEI. Tra le sue pubblicazioni, ricordiamo “Bellezza. Luogo teologico di Evangelizzazione”, delle Edizioni Paoline. Due anni fa, definì la sua chiamata alla CDF come un cambiamento radicale. Ma chissà che questo “cambiamento” un giorno non lo porti fino al gradino più alto della stessa Congregazione.

Il curriculum ad orientamento prevalentemente “biblico” di Morandi potrebbe apparire insolito per l’incarico che dovrà svolgere. La Congregazione per la Dottrina per la Fede è infatti messa a custodia del Depositum Fidei e questo indurrebbe a pensare che al suo interno debbano essere chiamati uomini dal curriculum a base prevalentemente dogmatica come quello di Ladaria. Ma nel profilo stesso della Congregazione per la Dottrina della Fede leggiamo che «Il Prefetto, in ragione del suo ufficio, è anche Presidente della Pontificia Commissione Biblica e della Commissione Teologica Internazionale, le quali hanno le rispettive sedi e segreterie nel Dicastero. L’attività di entrambe le Commissioni è quindi intimamente collegata a quella della Congregazione, con la quale collaborano». C’è dunque una correlazione fondamentale tra Sacra Scrittura e Teologia per salvaguardare la fede cattolica dalle deviazioni dottrinali. Anche nel Motu Proprio Integrae Servandae di Paolo VI, del 1965, che modificò sia il nome che il regolamento dell’ex Sant’Uffizio, al n.9 leggiamo che la Congregazione per la Dottrina della Fede: «Tiene opportune relazioni con la Pontificia Commissione per gli studi biblici». Così quello che sembrava insolito, in realtà, appare perfettamente inquadrabile nei rapporti tra Scrittura e Teologia.

Quali saranno i compiti che attendono Morandi? Cosa farà? Chiaramente conosce bene il meccanismo della CDF, dato che vi lavora già da due anni. Sempre sul sito della Santa Sede è possibile approfondire il tipo di lavoro che lo attende e che mostra la delicatezza del suo incarico: «Il Segretario […] è il più stretto collaboratore del Prefetto, che coadiuva nella gestione generale del Dicastero, prepara gli affari che debbono essere sottoposti alle Sessioni ordinaria e plenaria, designa i consultori per lo studio delle questioni più importanti e delicate e ne presiede le riunioni, distribuisce il lavoro tra i vari funzionari e ne segue l’attività, avvalendosi nell’esercizio di queste funzioni dell’opera del Sottosegretario (carica di più recente istituzione), dal quale può essere supplito in caso di assenza o impedimento». La figura del Segretario è, dunque, di una certa rilevanza.

Pochi giorni fa Papa Francesco ha poi nominato un altro membro alla Congregazione più importante: il cardinale Giuseppe Versaldi, già Prefetto della Congregazione per l’Educazione cattolica, il cui curriculum di studi è prevalentemente legato al diritto canonico (che ha studiato alla Gregoriana dove è stato anche insegnante). Si delinea dunque, pian piano, il nuovo volto della Congregazione per la Dottrina per la Fede. Ma cosa si attende da questa il Santo Padre? Francesco ha indicato il 29 Gennaio del 2016, proprio ai partecipanti della Plenaria della Congregazione, la direzione da intraprendere: in quell’occasione, il Santo Padre ha parlato di «impegno collegiale» che sappiamo essere un punto che sta molto a cuore a Francesco: «La vostra Congregazione – ha detto il Papa – valorizza molto il contributo dei Consultori e dei Commissari, che vorrei ringraziare per il loro lavoro prezioso e umile; e vi incoraggio a proseguire nella vostra prassi di trattare le questioni nel Congresso settimanale e quelle più importanti nella Sessione Ordinaria o Plenaria. Occorre promuovere, a tutti i livelli della vita ecclesiale, la giusta sinodalità». Con parole simili si era espresso anche nel 2014: «Sono certo che quanto più la collegialità sarà un tratto effettivo del nostro operare, tanto più risplenderà davanti al mondo la luce della nostra fede». Si nasconde in queste parole la decisione di non confermare Mueller? Sui media diversi commentatori hanno scritto ipotizzando che la scelta fosse da attribuire alle divergenze di pensiero tra i due sul modo di affrontare certe questioni. Può darsi. Ma è anche probabile che l’ex Prefetto non incarnasse iconicamente, con i continui interventi riportati dai media, quella linea che il Papa predilige: minor protagonismo dei singoli e più testimonianza di collaborazione. Con questo non si può certo dire che il Card. Mueller amasse “navigare in solitaria” ma è chiaro che, negli ultimi tempi, era emerso visibilmente più lui nel suo ruolo di Prefetto che il lavoro della Congregazione. Ovviamente si rimane sempre nel campo delle ipotesi, ma le parole del Papa sembrano suggerire una precisa richiesta alla Congregazione.

Insieme alla carica di Segretario, il Papa ha elevato Giacomo Morandi alla dignità di Arcivescovo, scegliendo la sede di Cerveteri. Sempre nel sito dell’Arcidiocesi modenese, il Vescovo Castelluci ha comunicato che l’ordinazione episcopale avverrà proprio nel duomo di Modena, forse sul finire di Settembre, anche se ancora la data non è stata fissata. Quando, due anni fa, era andato a Roma, Morandi – intervistato da Nostro Tempo – aveva espresso sentimenti di gratitudine ma anche di «fatica del distacco» da una diocesi amata e di una «certa apprensione» per il nuovo compito. Si può ragionevolmente suppore che una certa apprensione ci sia anche ora, ma Modena adesso, seppure sempre cara, è più lontana, mentre Roma sembra ormai indubbiamente più “casa sua”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/07/2017
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cassero, il delirio continua: “La Chiesa inquina con la sua ortodossia”

Replica delirante e unitaria di tutte le associazioni LGBT a difesa della vergognosa iniziativa blasfema del circolo gay di Bologna

Leggi tutto

Chiesa

Pubblicate le Annotazioni di Kiko

Ha avuto un seguito ideale “Il Kerigma. Nelle baracche coi poveri”, col quale Francisco Argüello, meglio noto come Kiko, si mostrava avviato all’età dei
bilanci complessivi e delle memorie: Cantagalli ha da poco dato alle stampe “Annotazioni”. In questo volume, composto di 506 frammenti «da sorseggiare
con calma», si trova “il giornale dell’anima” del fondatore del Cammino Neocatecumenale. E di tanto in tanto, sullo sfondo, compaiono fatti noti e ignoti
dalla tua santità sopra il mio essere peccatore. – scrive nel 1998 – Il tuo amore appare sopra di me e mi distrugge, mi annienta , mi crocifigge. Signore, abbi pietà di me!»
(n.300). Spesso, come molti mistici, tra i quali mi viene in mente la stessa Madre Teresa di Calcutta, le parole di Kiko mostrano il tormento della “notte oscura”, del sentirsi come abbandonati ed infinitamente lontani dall’Amato, uno spasimo che si trasforma a volte in poesia «C’è un amore che fa dolere il cuore, c’è un dolore che è pieno d’amore…È l’assenza. (…) Siamo nel deserto abbracciati a Te, Signore e in Te a tutti fino all’infinito. Assenza di Dio» (n.353). Rincorre quest’uomo che molto, moltissimo ha realizzato, in un paradosso tutto cristiano, la “santa umiltà di Cristo”. Che non è finta modestia, un atteggiarsi ipocrita, ma è essenzialmente obbedienza alla Volontà di Dio, accettazione delle ingiustizie e delle calunnie perché «Tutto ciò in cui c’è Dio è umile» (n.5) e perché «Sali a Dio scendendo i gradini dell’umiltà» (n.9), fino a contemplare in essa la bellezza di Dio «Perché la bellezza è umile? Che mistero! Perché l’umiltà è bellissima? Ti ho visto Signore. Sì, Tu eri in quella donna abbandonata nel corridoio di un ospedale. Ti vidi nella strada buttato tra cartoni e spazzatura. Oh, santa umiltà di Cristo, chi ti potrà trovare! Ti trovai e mi toccasti il cuore, e non fui più lo stesso (…).» (n.473).
E veramente la vita di questo pittore di succe s s o , destinato alla gloria del mondo, ad una carriera da artista, è stata rivoluzionata in modo sorprendente dall’incontro con Cristo, trasformandosi in zelo per l’evangelizzazione e per l’annuncio dell’amore di Dio all’umanità sofferente «Benedetto sia il tuo nome, Signore. Benedette la tua tenerezza e misericordia. [Il Signore] viene ad incendiare la terra. Il mio spirito arde, brucia in Te, Dio mio. Geme il mio cuore vedendo ovunque il tuo nome vilipeso e l’uomo sfruttato, colpito, ingannato in una società che vuole crocefiggerti di nuovo. Superstizione, magia,
idolatria. Si assassina il pudore nei giovani. Aborto, omosessualità, sesso libero. Tutto ciò che è santo viene insultato e presentato

Leggi tutto

Chiesa

Santità, venga a trovarci a Hiroshima

Il Giappone invita Papa Francesco a un viaggio apostolico. Più correttamente, è il governatore della città celebre per il bombardamento americano che l’ha squarciata con una bomba nucleare ad aver invitato il Pontefice. La speranza è che il viaggio possa «convogliare l’attenzione del mondo e aprire un dibattito a livello globale per l’eliminazione delle armi nuclari»

Leggi tutto

Politica

Le nuove parole d’ordine della Francia

Onestà, rettitudine e coraggio sembrano essere le nuove direttrici della Repubblica francese. Questo almeno stando al discorso di inizio legislatura tenuto dal presidente del consiglio Édouard Philippe: un Paese fondato sulla classicità romana, molto più che sul giacobinismo. Copertine che non cambiano la sostanza, a ben vedere: o la fondazione di una res publica si regge sullo scavo di un’etica condivisa oppure chi è più forte vince. E basta

Leggi tutto

Chiesa

C’è un solo modo di riformare davvero la Chiesa

Quando si parla di “disputa felice” bisogna avere il coraggio e la forza di confrontarsi con persone come mons. Agostino Marchetto. Armato “solo” di enorme competenza e di altrettanta umiltà, il famoso storico del “Magno Sinodo” che fu il Vaticano II ha offerto un contributo importante a una miscellanea di grido, sì, ma dalle numerose aporie. L’opera segna la strada per quanto ancora resta da fare in ordine all’assimilazione del Concilio. Ne parliamo con lui.

Leggi tutto

Politica

Se non mentendo

Stanchi di leggere ricostruzioni fantasiose dei fatti recenti riguardanti il PdF, una volta e per tutte per i pochi interessati li narriamo per come sono avvenuti, in termini oggettivi non contestabili.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano