Politica

di Mario Adinolfi

DA GENTILONI SU FAMIGLIA SOLO PAROLE VUOTE

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Mario Adinolfi, presidente del Popolo della Famiglia, interviene nel dibattito aperto da Avvenire sulla prossima Conferenza nazionale sulla Famiglia voluta dal governo per settembre: “Bene ha fatto il quotidiano della Conferenza episcopale italiana a ascoltare la voce dei movimenti cattolici che ripongono grande attesa nella Conferenza del 28 e 29 settembre prossimi a Roma. La verità è che da Paolo Gentiloni, che dalle dimissioni di Enrico Costa è anche formalmente il ministro della Famiglia, sono arrivate solo parole vuote e la Conferenza di settembre è una gigantesca presa in giro. Questo è il governo in cui Maria Elena Boschi declina al plurale la parola ‘famiglia’, disconoscendo il dettato costituzionale dell’articolo 29 che definisce la famiglia come ‘società naturale fondata sul matrimonio’. La maggioranza è la stessa del divorzio breve e delle unioni gay, delle leggi contro la famiglia naturale. Ora si faranno sfilare a Roma le associazioni, si assesterà quale pacca sulla spalla e magari arriverà una mancetta in legge di bilancio. Alla famiglia servono invece tre cose: il ripristino del significato pieno dell’articolo 29 della Costituzione; una riforma fiscale che riconosca il quoziente familiare come base dell’imponibile; il reddito di maternità per le donne che decidono di lavorare nella crescita dei figli e nella cura della famiglia. Il resto è pura chiacchiera e Gentiloni potrebbe pure cancellare la Conferenza di Roma se deve essere solo un momento di pre-campagna elettorale. Ai movimenti cattolici diciamo: attenti alla strumentalizzazione governativa, è sempre dietro l’angolo”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/08/2017
0502/2023
Sant'Agata

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Odissea di un altro convegno a Milano

Non c’è pace per un convegno milanese sulla famiglia, che viene spostato di sala negata in sala negata. Alla fine si terrà nella sala consiliare di Seriate, vicino Bergamo.

Leggi tutto

Politica

In risposta alle #obiezioni sul partito politico

In risposta disorientamento dell’italiano cattolico medio dopo il naufragio del centrodestra berlusconiano – trauma che lo lascia se possibile più orfano della stessa Mani pulite – richiede un intervento di rinforzo sostanziale delle ragioni dell’impegno politico. A strapparlo allora dalla tentazione di infilare la testa sotto al Non expedit torna la (quasi intonsa) lezione di Augusto del Noce: i rischi ci sono e non appaiono pochi, ma sembra che la via sia obbligata

Leggi tutto

Politica

Le polemiche inutili

Chi ha spacciato dati diversi non ha calcolato i voti ottenuti da tutte le 19 liste, ha compiuto errori banali come conteggiare le percentuali sui votanti e non sui voti validi, ha voluto deliberatamente chiudere gli occhi su dati che hanno del miracoloso, preferendo sviluppare le odiose polemiche inutili di soggetti che possono sfogarsi solo su Facebook o sui blog. Chi ha osato criticare il fatto che calcolassimo la percentuale solo considerando i comuni in cui ci siamo presentati, poi, ha toccato vette in cui la polemica inutile sconfina nel delirio da rabbia incipiente.
E veniamo alla questione politica. Perché siamo noi il quarto polo? Semplice: perché noi ci siamo. Sa dirmi l’augusto collega dell’Espresso quanti voti in una città chiave come Verona ha preso Alternativa Popolare di Alfano e Lupi o Energie per l’Italia di Stefano Parisi? Mi dice ad Avola o a Conegliano quanti consensi ha raccolto Idea di Quagliariello e Roccella? Siamo il quarto polo per assenza di competitori. Siamo tanti, prendiamo molti voti e pazientemente sopportiamo le polemiche inutili. Meno riusciamo a sopportare la fabbrica di veleni di cui è sempre capace l’Espresso, che quando il Circo Massimo lo riempiamo noi scrive che la capienza è trentamila, quando lo riempie Sergio Cofferati sono tre milioni.

Leggi tutto

Politica

In politica pazienti come i contadini: il seme del PDF è germogliato

Il Segretario nazionale del Popolo della Famiglia racconta la propria riflessione mentre si consolidava il positivo risultato elettorale di Ostia: «Mi è capitato tra le mani uno scritto di don Giussani che spiega che il fare non deve avere limiti di tempo preventivati e qualsiasi gesto impegna tutta la persona come tale. Occorre una pazienza di sviluppo lunga come la pazienza del Signore»

Leggi tutto

Storie

L’Ungheria del dopo voto raccontata da chi la conosce vermente

Un lettore marito di una donna ungherese racconta dal suo privilegiato punto di vista sui magiari l’elezione di domenica

Leggi tutto

Società

L’allattamento materno

Da anni il fermento a favore dell’allattamento materno, anche dal punto di vista dell’approvazione di leggi che lo tutelino dall’aggressività del marketing (cfr il Codice per la commercializzazione dei sostituti del Latte Materno, e D.M. n° 82/2009 e successivo D. Leg. n° 84/2011), è attivo anche grazie alle mamme che - non senza difficoltà essendo in molte a essere figlie di donne che non le hanno allattate - si muovono incessantemente per sensibilizzare, sostenersi a vicenda e denunciare malefatte di operatori sanitari (farmacisti, medici, ostetriche) che interferiscono intenzionalmente o meno con l’andamento naturale della maternità.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano