Storie

di Giuseppe Brienza

A tu per tu con Serafino Ferrino

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Articolo tratto dalla versione per abbonati, sostieni LA CROCE

abbonandoti qui : http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

In una delle tante aperture pro-Lgbt volte a favorire e accompagnare la “legge della vergogna” (n. 76/2016), sulle Unioni civili omosessuali, l’anno scorso “la Repubblica” ha anche titolato così: «Niente sposi gay a Favria, Comune di 5.200 abitanti in provincia di Torino. Il sindaco Serafino Ferrino si rifiuta di celebrare il matrimonio di due ragazzi». Diciamolo di nuovo al giornalista del quotidiano diretto da Mario Calabresi: quello che stigmatizza come un “rifiuto” è in realtà l’espressione di un diritto, quello all’obiezione di coscienza, il cui libero esercizio non può essere impedito da nessuno Stato democratico. Oltretutto, come ebbe a scrivere il direttore di questo giornale, «attualmente due ragazzi in Italia non possono contrarre matrimonio, non sono “sposi”. A giugno [2016] è stata approvata una brutta legge grazie alla quale due ragazzi possono unirsi civilmente come “formazione sociale particolare” ex articolo 2 della Costituzione. Cancellato il riferimento all’articolo 29 della Costituzione, quello che definisce e riconosce la famiglia “come società naturale fondata sul matrimonio”, che è un’altra cosa. Questo non lo dice “La Croce quotidiano”, il Popolo della Famiglia o i cattivoni omofobi. Lo dice la legge che Cirinnà e compari hanno approvato. La prima resistenza passa dal linguaggio e dalla conoscenza della tecnica melliflua dei sostenitori dei falsi miti di progresso» (Mario Adinolfi, Viva l’Italia che resiste, in “La Croce quotidiano”, 27 settembre 2016, p. 1).

Al prof. Ferrino, classe 1948, ex insegnante di educazione tecnica e vice-preside a Favria, con tutta probabilità, quell’obiezione a trascrivere le Unioni civili gay nel suo Comune gli ha “meritato” una brutale aggressione con 15 giorni di prognosi riservata. Sì, perché l’attuale presidente del Circolo territoriale del Popolo della Famiglia “Ivrea- Canavese” (Ferrino è cessato dal suo ultimo mandato amministrativo nel giugno 2017), il 28 luglio scorso è stato vittima di un pestaggio premeditato e ben organizzato. È lecito supporre che si sia voluto intimorire un uomo di 69 anni attraverso la violenza fisica, supponendo di fiaccarne il prosieguo dell’attività civico-politica e la coerente testimonianza cristiana. Come ulteriore forma d’espressione di tutto il nostro apprezzamento e stima nei suoi confronti, abbiamo rivolto all’ex sindaco di Favria un’intervista esclusiva. Ci auguriamo che possa avere la più ampia diffusione e, questo, sia per ripagarlo almeno in parte dell’ingiustificato silenzio riservatogli dai grandi media (figuriamoci se l’aggressione fosse stata perpetrata nei confronti di un esponente Lgbt!) sia per tenere alta l’attenzione dell’opinione pubblica sulla sua vicenda, così da incoraggiare anche una collaborazione al lavoro investigativo delle Forze dell’ordine, che possa portare in breve all’identificazione dei responsabili del vile gesto.

D. Prof. Ferrino, innanzitutto come sono attualmente le sue condizioni psico-fisiche?

R. Devo dire che fisicamente ora sto bene ma, seppure sono passati quasi due mesi dall’aggressione, sono ancora sotto choc dal punto di vista psicologico per l’accaduto. Non riesco per esempio a uscire di casa senza guardarmi con un po’ di preoccupazione attorno. Ma in definitiva sono fiducioso e grato alla Provvidenza che, per puro miracolo, mi ha preservato dal pestaggio in quanto non ne sono rimasti danni permanenti. Dolore ne ho provato molto ma, dopo 15 giorni di prognosi riservata e una Tac alla testa, le mie condizioni fisiche sembrano completamente ristabilite. Proprio nel momento in cui l’energumeno cercava di trarmi a sé per colpirmi dal finestrino della mia automobile, con un gesto apparentemente casuale ho chiuso la sicura dello sportello della mia automobile, e questo mi ha salvato la vita! Infatti, il delinquente non ha potuto farmi uscire dal veicolo per pestarmi con maggiore violenza e, chissà, con quale esito.

D. Ci può spiegare come sono andati i fatti in quella terribile mattina del 28 luglio?

R. Stavo ritornando con la mia automobile da una delle passeggiate mattutine che faccio per tenermi in forma. Mentre mi accosto al cancello del residence nel quale abito un uomo alto e robusto con un cappello in testa mi chiede di aiutarlo per far ripartire con i cavetti della batteria la sua vettura, che dice essere parcheggiata a pochi metri da dove ero. Naturalmente mi ha fatto allontanare dal cancello dove ero per sfuggire alla telecamera che l’avrebbe filmato durante il compimento della sua azione di violenza. Arrivato nella piazzetta che è vicino alla mia casa, dal finestrino abbassato il delinquente mia ha iniziato a sferrare una serie di pugni violentissimi, stando ben attento a non rispondere nulla alle mie grida del “perché? Perché stai facendo questo?”. Dal fatto che, una volta attirata l’attenzione delle mie urla si è affacciata una vicina di casa dalla finestra e l’aggressore prima di andare via ha preso le chiavi della mia automobile per gettarle lontano da me, ho capito che il pestaggio era stato commissionato a un professionista.

D. Vuole dire che l’hanno piantonata ed hanno pagato un gorilla per pestarla?

R. Credo proprio di sì. Consideri anche che, da quanto hanno riferito persone che abitano vicino, alcuni loschi ceffi erano stati una settimana prima del vile gesto a fare un sopralluogo, verificando luoghi e vie di fuga. Hanno quindi studiato i miei movimenti che, purtroppo, sono sempre troppo regolari e abitudinari e, il fatto che l’aggressore sia fuggito a piedi, mi fa anche comprendere che possa esserci stato con lui un “palo” ad attenderlo di lì a poco distante con una vettura.

D. A cosa attribuisce l’aggressione?

R. Guardi, in 37 anni di mandati politico-amministrativi, 15 da sindaco, 5 da vice-sindaco e 17 all’opposizione, ho sicuramente “scontentato” qualcuno ma, in tutti i casi, le proteste e, talvolta, le minacce, sono state dirette e sono finite lì. Eppure avrò negato licenze o intaccato interessi economici anche rilevanti. Ma solo ora che sono cessato da ogni carica e competenza istituzionale mi trovo a subire questo agguato. Non posso non pensare che sia stato commissionato da quegli stessi ambienti Lgbt che, da una parte, invocano “tolleranza” e “libertà” (in realtà intesa come libertinaggio) ma, dall’altra, sono spesso prepotenti e violenti.

D. La stampa nazionale l’ha cercata di trasformare persino da vittima in colpevole, dipingendola come “il sindaco anti-gay”, come ha titolato un importante quotidiano. Ma lei si è mai espresso contro le persone omosessuali?

R. Ma quando mai! Non ho mai avuto niente contro le persone omosessuali. Mi oppongo, questo sì, al “matrimonio” gay. Mi lasci dire, gli esponenti Lgbt sono una piccolissima minoranza fra tutte quelle persone che hanno tendenze omosessuali e che, spessissimo, sono uomini e donne del tutto per bene.

D. Quindi i delinquenti che l’hanno picchiata e l’hanno fatta codardamente picchiare [ricordo che il prof. Ferrino compirà settant’anni il prossimo 5 febbraio] non hanno sortito in lei nessun effetto!

R. Non bisogna farsi intimidire, assolutamente! Le dico pure che sono felicissimo di aver potuto prestare la mia persona per contribuire, nel mio piccolo, a una grande battaglia di civiltà com’è quella per la difesa della famiglia naturale fondata sul matrimonio.

D. Ricordiamo anche le sue tante “Veglie” con le Sentinelle in Piedi e, in particolare, quella del 18 dicembre 2016 che abbiamo riportato anche da questo giornale (cfr. G. Brienza, #Sentinelle: sindaco e parroco ritti in piazza, in “La Croce quotidiano”, 20 dicembre 2016, p. 5), tenuta a zero gradi centigradi a Rivarolo Canavese…

R. Sono sempre pronto a scendere in piazza quando si tratta di manifestare contro i falsi miti del Progresso. Nel caso delle meritorie battaglie delle Sentinelle in Piedi, di quella “legge Scalfarotto” che imbavaglierebbe tutti noi. Il DDL sulla c.d. “omofobia”, non dimentichiamolo, è ancora lì, approvato alla Camera dei deputati nel 2013 coi voti di Pd, Scelta Civica e del governatore della Lega Giancarlo Galan, oltre che alla benevola astensione di Sel e M5S. Ritornando alla Veglia del Natale 2016, ricordo in particolare con grande soddisfazione l’appoggio che ricevette l’iniziativa da parte del parroco locale. Il pastore della vicina chiesa dove abbiamo manifestato, infatti, pregò per i manifestanti, i loro cari e per tutte le famiglie italiane, prestando a noi “veglianti” il megafono e, addirittura, affiggendo la locandina delle Sentinelle nella bacheca degli avvisi parrocchiali.

***

Salutiamo quindi Serafino Ferrino, benemerito sindaco e piemontese che, per fortuna insieme ad altri primi cittadini, ha fatto il suo dovere astenendosi dal “celebrare” la carnevalata dell’unione civile tra due uomini, tralasciando anche di firmare una delega a tale incresciosa funzione. Da uomo di Stato e Cattolico coerente, lo ha fatto per motivi di serietà e di coscienza e, unico movimento politico a farlo pubblicamente, il Popolo della Famiglia lo ha ringraziato e sostenuto per la sua testimonianza, per la sua tranquilla fermezza, per la sua dignità.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/09/2017
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Crediamo solo in Dio

La corruzione diffusa nell’intreccio tra politica, burocrazia e impresa; la guerra continua tra magistrature e altre istituzioni; il decadimento etico complessivo diffuso. A chi si può credere in Italia?

Leggi tutto

Politica

Un giudizio sulla legislatura

UN GIUDIZIO SULLA LEGISLATURA

Leggi tutto

Politica

I traguardi e gli obiettivi

Conclusa questa fase e la necessaria pausa estiva, a settembre una nuova assemblea nazionale di tutti gli iscritti al Popolo della Famiglia determinerà le decisioni che riguarderanno il traguardo elettorale del marzo 2018, quando superando lo sbarramento del 3% grazie al fatto che si potrà votare Pdf non in 35 comuni ma in tutti gli oltre ottomila comuni d’Italia, i “quattro gatti” (come sprezzantemente alcuni ci definivano) già trasformatisi in centomila gatti nei citati 35 comuni, diventeranno almeno un milione di gatti in tutta Italia. Chi ha paura del fatto che il Popolo della Famiglia raggiunga il suo obiettivo e possa con decine di parlamentari bloccare davvero ogni ulteriore legge contro la vita e contro la famiglia naturale, proponendo invece la straordinaria rivoluzione del reddito di maternità, del quoziente familiare, del diritto universale a nascere e ad essere curati, contrapposto al terribile nichilismo mortifero dei falsi diritti all’aborto e all’eutanasia? Perché considerare un male il Pdf, battersi con tutte le forze contro di esso, se si dice di condividerne le stesse ragioni ideali? Mistero misterioso. O forse neanche tanto, le miserie umane di chi si era promesso a questo o a quel partito con addosso la maglietta del Family Day appartengono all’inevitabile. Rafforzano la nostra determinazione, sappiamo di dover combattere censure e danni procurati di ogni tipo, così chi si mette in battaglia al nostro fianco arriva preparato e ben presto si corazza. E rivolge ai cecchini del fuoco amico la domanda fatidica: ci sparate addosso per conto di chi, l’alternativa al Popolo della Famiglia qual è, una legislatura come quella appena passata? La proposta unitaria rimane per noi sul tavolo: ritroviamoci tutti nel Popolo della Famiglia, che ha porte aperte e finestre spalancate, ha memoria utilmente corta se serve e non serba rancore. Uniti potremmo davvero strappare l’Italia alla cultura di morte che la ghermisce. Tutti iscritti al Pdf, facciamo la storia, come è scritto sulla nostra tessera 2017. Facciamola insieme, si può sul serio.
Noi comunque proseguiamo per la nostra strada, pregando e agendo. Che lo sguardo benevolo di Maria Vergine protegga tutti noi, che Dio benedica l’Italia, che Dio benedica il Popolo della Famiglia.

Leggi tutto

Politica

Cosa fare per non perdere ancora

Siamo destinati a continuare a perdere se continueremo a ripetere lo stesso errore, cioè quello di affidare la rappresentanza politica dei cattolici che credono nei principi non negoziabili all’ambiguità di una coalizione che semplicemente non coltiva i nostri stessi valori e li baratta come fossero merce sull’altare della politica politicante. Nel 2013 i cattolici di questa fatta hanno in massima parte votato per Berlusconi, per Alfano e per la Lega. Ora o si prende atto che Berlusconi in Pascale, per sua stessa ammissione, crede che i valori omosessualisti siano “una battaglia per i diritti di tutti” e infatti manda Renata Polverini a sfilare ai Gay Pride; che la nuova versione degli alfanoidi alleati di Berlusconi, cioè Maurizio Lupi e l’ineffabile ex ministro della Famiglia Enrico Costa a cui si aggregheranno quelli di Idea e lo straordinario Capezzone più Stefano Parisi nella mitologica costruenda “quarta gamba” del centrodestra, nasce già con l’obiettivo di dare i voti necessari al permanere degli attuali equilibri di governo; che la Lega in Veneto con Zaia (sostenitore della legge sul “fine vita”) stanzia i fondi per la “rettifica del sesso” cioè per i trans, con Maroni annuncia il baratto tra legge sull’omofobia e legge sull’autonomia, con Salvini annuncia come “primo provvedimento in consiglio dei ministri” la legalizzazione della prostituzione, come richiesto da un grande sostenitore del leader del Carroccio, il trans turco Efe Bal; che quest’ultima proposta è sostenuta con grande forza da Fratelli d’Italia e da Giorgia Meloni, che si candida a completare un ventennio da parlamentare, ma nei precedenti quindici anni in cui è stata per cinque anni eletta voluta dal suo padre politico Gianfranco Fini, per cinque anni vicepresidente della Camera, per cinque anni addirittura ministro, non si ricorda una sola proposta che fosse una sul diritto alla vita o sulla famiglia; o si prende atto che fare nel 2018 le stesse scelte politiche del 2013 equivale ad esporsi agli stessi rischi, perché sostenere un centrodestra strutturalmente ambiguo sui principi significa far entrare in Parlamento centinaia di deputati e senatori disposti al compromesso sulle leggi di principio, o davvero non si capisce nulla di politica. E sorge allora il sospetto che a qualcuno piacciano i vecchi equilibri in cui si perde sempre, pur di salvaguardare alcune stantie rendite di posizione.

Leggi tutto

Società

La famiglia, sola barriera contro la mercificazione dell’uomo

Non solo la natalità biologica, ma pure la genitorialità adottiva è in caduta libera. Vediamo perché...........................

Leggi tutto

Politica

La scelta di essere mamma

Gregory Pincus (pillola) era un uomo, Robert Edwards (PMA), Patrick Steptoe (PMA), Julius From (preservativo), tutti uomini. Quindi, tornando al convegno sulla fertilità, non trovo granché strano che siano uomini, i medici che sono stati invitati. E non mi si dica che di donne scienziate non ne esistono poiché obbligate al focolare, perché  Marie Curie e Irène Joliot-Curie, Rita Levi Montalcini, Rosalind Franklin, Dorothy Crawfoot Hodgkin, Francoise Barré-Sinoussi, sono tutte donne (alcune anche madri). Le donne, all’interno del mondo della fertilità, esistono, ma alcune si distinguono non certo per grande spirito femminile, o meglio, fanno parte di tutte quelle donne che credono di sostenere le donne attraverso la promozione dell’aborto volontario (che, per inciso, uccide anche le donne nel grembo materno, quindi
non è certo campanilismo femminista): parliamo di Faye Alyce Wattleton o Margaret Louise Higgins Sanger, ‘mamme’ di Plannet Parenthood, ente non proprio sano e a favore della salute pubblica. Per contro noi possediamo Flora Gualdani e Paola Bonzi (e tantissime altre volontarie e ostetriche che si muovono nel silenzio e nel nascondimento), che difendono la vita del bambino sapendo che la donna che riesce a non abortire, poi ringrazierà dell’essere divenuta madre.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano