Storie

di Raffaele Dicembrino

La confessione triste e postuma di George Michael

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Una confessione totalmente inattesa giunge dalla memorie di George Michael che prima di morire, parlando della sua vita l’ha definita “ un’intera perdita di tempo”.

Un’intera perdita di tempo, a maggior ragione dopo essersi sentito “preso di mira da Dio” che in un breve periodo di tempo gli ha tolto l’amore della sua vita (il designer brasiliano Anselmo Feleppa, morto a causa dell’Aids nel 1993) e l’adorata mamma Lesley (scomparsa nel 1997 per un cancro).

Proprio l’incapacità di superare la perdita di Anselmo è uno dei tempi principali di «Freedom», l’inedito documentario a cui la popstar stava lavorando giusto 48 ore prima di morire all’improvviso lo scorso Natale, all’età di 53 anni, e che verrà trasmesso il prossimo 16 ottobre da Channel 4 e in Italia il 21 ottobre da SkyArte .

“Anche adesso dopo 23 anni mi viene da piangere, lui è stato il mio salvatore”, racconta il cantante nel film di 90 minuti da lui stesso prodotto insieme con David Austion e ideato come un’autobiografia visiva che, partendo dagli anni felici con gli Wham!, mette insieme interviste, filmati d’archivio, video casalinghi e testimonianze famose (tra queste Liam Gallagher, Kate Moss).

“Questa è la storia di come fama e tragedia sono intervenute”, spiega Michael all’inizio di «Freedom», dove ha volutamente tagliato ogni riferimento al compagno di lunga data Kenny Gross e a Fadi Fawaz, che è stato con la star negli ultimi anni per dedicare buona parte del lavoro a Feleppa e all’effetto catastrofico che la sua morte ha avuto sull’ex Wham!.

“Con Anselmo è stata la prima volta in cui ho amato realmente qualcuno in modo disinteressato, mi è bastato vederlo per capire subito che era cambiato tutto” (i due s’incontrarono in Brasile nel 1991, mentre George si esibiva al Rock in Rio Festival).

Fu proprio il compagno che lo aiutò ad accettare la sua omosessualità. “È molto difficile essere orgogliosi della propria sessualità quando non ti porta alcuna gioia, ma una volta che è associata alla gioia e all’amore, è facile essere orgogliosi di quello che sei. La prima volta che credi davvero che qualcuno ti ami, è un momento meraviglioso e sono stati sei mesi meravigliosi”.

Poco tempo dopo infatti essersi innamorato di Anselmo, l’uomo ha iniziato a stare male e ha così deciso di sottoporsi al test per l’HIV. “Ricordo che ho guardato verso il cielo e ho urlato non osare farmi questo!. Ero terrorizzato all’idea di perderlo, era il mio salvatore e mi aveva cambiato la vita. Ero al pranzo di Natale a casa mia in Inghilterra, con tutta la mia famiglia riunita, in attesa di sapere se il mio compagno, di cui nessuno dei presenti sapeva nulla, fosse malato terminale e quindi se lo fossi potenzialmente anche io. Quando me lo ha confessato ero devastato e l’ho presa molto, molto male”.

Anselmo morì nel marzo del 1993 a causa di un’emorragia cerebrale e per lui Michael scrisse «Jesus to a Child», inclusa nell’album Older del 1996, il primo realizzato per la Virgin.

“Per sei mesi le cose sono andate bene, poi ho scoperto che mia mamma aveva un cancro all’ultimo stadio. La sua morte mi ha schiacciato a livello spirituale, perché è stata una perdita terribile, un dolore immenso. È stato il periodo più oscuro e spaventoso della mia vita e non ho più provato quel tipo di depressione”.

“Spero che le persone pensino a me come a qualcuno che aveva una sua integrità e che mi ricordino così, ma è molto improbabile. Penso sia stata tutta una perdita di tempo e di energie», confessa il cantante nelle scene finali di “Freedom”.

La signora Lesley morì nel febbraio del 1997 e ora George riposa accanto a lei, nel cimitero di Highgate.

Lo scorso 25 dicembre, il corpo dell’ex Wham e protagonista del pop inglese degli anni 80 e 90, fu trovato senza vita nella sua camera da letto dal compagno. Il motivo della morte, fu per cause naturali, come stabilì l’autopsia sul corpo del cantante.

Niente droga o alcol, alla origini della morte di George Michael c’è una malattia cardiaca. A stroncarlo è stata una cardiomiopatia dilatativa con miocardite e steatosi epatica.

Voci vicine al cantante davano per certa un’overdose. L’amico di famiglia e collaboratore Andros Georgiou, ad esempio, aveva rivelato alla Bbc che il cantante britannico aveva iniziato ad assumere “droghe pesanti” negli ultimi anni. “Credo che George abbia preso una grande quantità di sostanze” aveva affermato Andros, “mescolate poi con anti-depressivi e altri farmaci con cui si curava e con alcol. Il suo cuore, semplicemente, ha smesso di battere”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/10/2017
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La famiglia è bella anche quando è “brutta”

Spesso si sente l’argomento per cui chi difende la famiglia senza averne alle spalle (o averne costruita) una solida e coerente sarebbe un ipocrita o un opportunista. Se guardiamo alle statistiche, c’erano in piazza migliaia di figli di genitori divorziati (come l’autrice), difficilmente sospettabili di chissà quali secondi fini: la realtà è che questi, come i divorziati, comprendono il valore di ciò che hanno perso e questo è per loro uno stimolo a tutelare gli altri dai propri errori. O dal male che si è subito

Leggi tutto

Politica

Istruzioni per le liste del PDF

Il prossimo 11 giugno si voterà in oltre 1.000 comuni italiani per la tradizionale tornata amministrativa di primavera. Il Popolo della Famiglia si presenta con il proprio simbolo e chiede a tutte le donne e agli uomini di buona volontà di organizzare una presenza capillare sul territorio che sarà propedeutica alle politiche che si terranno tra pochi mesi. Azione fondamentale per il radicamento sul territorio è la campagna di tesseramento, così come il reperimento di candidati e sottoscrittori delle liste che vorranno misurarsi con il consenso elettorale sulla base della piattaforma politica PdF

Leggi tutto

Società

Hanno ucciso Charlie Gard

Il caso Charlie Gard è un punto di non ritorno, ma anche un punto di partenza se vogliamo rendere efficace la difesa di un diritto alla vita che altrimenti sarà sempre più circoscritto al campo opinabile dei “sani e produttivi”. Ma ci sarà occasione per parlare e scrivere di questo. Oggi non possiamo che pregare Dio di accogliere questo bambino innocente ucciso da mani che sapevano quel che facevano e che Maria gli canti materna la ninna nanna, facendolo dormire libero, ora che sicuramente libero è.

Leggi tutto

Politica

CODICE DI CAMALDOLI: STATO E FAMIGLIA

La Costituzione repubblicana deve moltissimo al Codice di Camaldoli e la sua riscoperta serve a tornare alle radici e alle ragioni di un tempo in cui un soggetto politico autonomo di ispirazione cristiana riusciva a essere sostanzialmente egemone, perché partiva da uno studio analitico delle esigenze del Paese, fornendo risposte chiarissime anche quando queste risposte dovevano essere necessariamente complesse.

Leggi tutto

Società

10 figli e molte famiglie guardano a Raffaella

È un’appassionata sostenitrice del ruolo del Consulente Familiare, è stata per sei anni presidente dell’Associazione Nazionale Famiglie Numerose e sa di cosa parla, avendo messo al mondo dieci figli. «Tutte le famiglie numerose vivono una sorta di riprovazione sociale – dice – e mancano sia riforme fiscali che incentivino la prolificità sia un giusto riconoscimento della maternità»

Leggi tutto

Politica

La Chiesa che si immischia

Nel 1982 il papa diceva ai confratelli convenuti da tutti i paesi europei, parlando del rapporto tra le Chiese locali e l’Europa: Il cristianesimo può scoprire nell’avventura dello spirito europeo le tentazioni, le infedeltà ed i rischi che sono propri dell’uomo nel suo rapporto essenziale con Dio in Cristo. Ancor più profondamente, possiamo affermare che queste prove, queste tentazioni e questo esito del dramma europeo non solo interpellano il Cristianesimo e la Chiesa dal di fuori come una difficoltà o un ostacolo esterno da superare nell’opera di evangelizzazione, ma in un senso vero sono interiori al Cristianesimo e alla Chiesa.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano