Politica

di Mario Adinolfi

Il Popolo si è ricordato

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

C’erano una volta Alessandro Natta o Achille Occhetto che si dimettevano dopo un’elezioni finita male. Per la verità lo fecero anche Walter Veltroni e Massimo D’Alema, entrambi dopo una tornata amministrativa, mentre a Pierluigi Bersani furono fatali le elezioni politiche del 2013. Ma insomma, è tradizione delle leadership post-comuniste post-1989 di lasciare campo libero dopo una sconfitta considerata troppo evidente da poter essere ignorata. Matteo Renzi però è adamantino: a Roma stava al 41% nel 2014, nel 2016 ha consegnato la città alla Raggi, ieri ha visto il Pd nel municipio Roma X scendere sotto il 14%, sorte analoga in Sicilia, regione graziosamente consegnata al centrodestra così come già era accaduto con la Liguria, che si aggiungono a Lombardia e Veneto. L’elenco delle città perse in due anni poi è infinito: Torino, Genova, Venezia, la rossissima Livorno oltre ovviamente alla già citata Capitale. Ma il più divertente di tutti è Angelino Alfano, che di solito riesce a salvarsi non presentando il simbolo alle amministrative, stavolta nella sua Sicilia dopo cinque anni seduto in ministeri chiave come Interni ed Esteri non poteva esimersi. Ca-po-la-vo-ro: manco il quorum è riuscito a centrare, disfatta totale nonostante la vagonata di ministri e sottosegretari avuti in cinque anni. Ora lo abbandonano tutti, povero Angelino, i suoi fedelissimi tornano tutti sotto il padrone Silvio che riaccoglie tutti ma non lui, il reprobo traditore (gli altri non è che hanno tradito di meno, ma tant’è). Alfano si consoli: i suoi lo lasciano, i compagni di partito-merende di Renzi lo vorrebbero accoltellare, tipo congiurati brutali. Il caro vecchio stile degli uomini d’apparato comunista, che dopo una sconfitta si dimettevano, resta comunque una lezione di leadership davanti a questi due ragazzotti arroganti. Renzi e Alfano, avete visto che il popolo si è ricordato?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/11/2017
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Perchè entrare nel PDF è come aiutarne la diffusione

L’idea di incentrare la battaglia a partire dalla difesa della famiglia, prima struttura organizzativa e società naturale, è rivoluzionaria ma, al tempo stesso, è sempre stata considerata importantissima dalla dottrina cattolica, basti ricordare San Giovanni Paolo II per il quale la famiglia rappresenta il prisma da cui interpretare e articolare tutti gli interventi nella società umana.

Leggi tutto

Politica

La bimba down che tolse le parole alla Merkel

Una diciottenne come tante altre, ma che a differenza di tante altre ha un cromosoma “maggiorato”, ha inchiodato la cancelliera tedesca all’ineludibile confronto con la realtà: la legge permette l’aborto dei bambini down anche in stadio avanzato della gestazione, e balzando oltre tutte le ipocrisie e i convenevoli Natalie ha chiesto alla politica: «Perché? Io voglio vivere!»

Leggi tutto

Politica

IL MONDO SA DEL PATTO GIÀ SCRITTO

La conferma viene pure dal “Wall Street Journal”. Traspare già dal titolo del pezzo di Simon Nixon: I poteri forti in Italia puntano alla grande coalizione. Scrive, infatti, Nixon che le «Italian elite» hanno deciso di optare su una «grand centrist coalition between the Democratic Party and Forza Italia, most likely under the leadership of current Prime Minister Paolo Gentiloni». Grande Inciucio con un probabile Gentiloni bis.

Leggi tutto

Società

Come in Inghilterra si finisce in carcere curando i propri malati

Qualcosa c’è nel sistema giuridico inglese di profondamente corrotto, dal punto di vista morale, dalla radice, tanto che i casi eclatanti che emergono sono solo i frutti di anni di avvelenamento e non possono essere dunque affrontati nella loro specificità, bensì inglobati in un giudizio più ampio, che dovrebbe spaventarci assai.

Leggi tutto

Politica

La supercazzola chiamata PD

La Storia del PD dalla sua fondazione ad oggi. Dieci anni di sopravvivenza sono pure troppi

Leggi tutto

Politica

DOCUMENTO FINALE DELL’ASSEMBLEA NAZIONALE DEL PDF

È stata ribadita l’appartenenza al solco del popolarismo italiano ed europeo, è stata data indicazione di dieci obiettivi precisi come progetto programmatico del PdF, è stato confermato l’orizzonte di forza politica autonoma di governo alternativa a Pd e M5S, con la priorità di crescere per numero di eletti nelle amministrazioni locali anche stringendo intese con altre forze sempre salvaguardando identità e visibilità del simbolo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano