Società

di Lucia Scozzoli

Partito il processo a Cappato: perderà comunque il diritto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Ieri si è aperto davanti alla Corte d’Assise di Milano il processo a Marco Cappato per aiuto al suicidio nella vicenda del decesso di Fabiano Antoniani, detto Dj Fabo, avvenuta lo scorso 27 febbraio in una clinica svizzera. Marco Cappato, esponente dell’associazione Luca Coscioni, nonché portavoce delle istanze radicali a favore dell’eutanasia e del suicidio assistito, è stato incriminato in quanto ha messo in contatto Fabiano Antonioni con la clinica della “dolce morte” e poi ve lo ha accompagnato fisicamente.

Dj Fabo era un ragazzo 39enne diventato cieco e tetraplegico in seguito a un incidente stradale del 2014. I miglioramenti prospettati dalle possibili terapie non avrebbero restituito a Fabiano la vita di un tempo ed egli non voleva restare rinchiuso nell’inferno buio dell’immobilità. E così, oltre a maturare il proposito di usufruire dei servizi svizzeri di suicidio assistito, si è pure prestato all’associazione Luca Coscioni per fare da testimonial alla libertà di scelta del proprio destino di morte, girando per le iene un video in cui pure la fidanzata si univa al coro di chi invocava il diritto di farla finita in situazioni in cui la qualità della vita fosse troppo deteriorata.

I pm nella prima udienza hanno visionato il video delle iene, hanno disposto l’acquisizione su sollecitazione dei pm di una copia del codice penale svizzero, delle brochure della clinica Dignitas, della documentazione dei servizi forniti nella struttura di Zurigo e delle fotografie ritraenti la cliniche, materiale scaricabile da internet, nonché dei certificati medici del dottor Veneroni sulle dimissioni di dj Fabo dall’unità spinale dell’ospedale, dove era ricoverato dopo l’incidente stradale, e della storia clinica del paziente con l’indicazione delle terapie che assumeva e la posologia relativa ai farmaci.

Sono già state fissate le date delle prossime udienze, il 4 e il 13 dicembre, per ascoltare come testimoni il medico-anestesista Mario Riccio che seguì il caso Welby e la madre e la fidanzata di Antoniani.

I giornali e l’ansa hanno subito titolato con tentativi di sensazionalismo, a colpi di “video shock” per intendere il video del servizio delle iene, già visto da milioni di telespettatori, e “sono pronto alla prigione” con toni melodrammatici.

Fuori dal tribunale i radicali davano il via alla campagna #ConCappato per «sostenere simbolicamente sui social o più concretamente con una donazione sul sito concappato.associazionelucacoscioni.it la coraggiosa azione legale». Con loro c’erano pure i pastafariani a manifestare, segno che la situazione è grave ma continua a non essere seria.

Per lo meno è evidente che Cappato non nutre alcuna preoccupazione di natura legale: tanto ha fatto che finalmente è iniziata la sua passerella mediatica. Egli stesso si era autodenunciato dopo la morte di Antoniani, chiedendo poi anche il rito abbreviato all’incriminazione, “perché voglio che in Italia finalmente si possa discutere di come aiutare i malati a essere liberi di decidere fino alla fine, sia quando lottano per vivere, sia quando decidono di fermarsi. Il processo sarà un’occasione per discuterne ed è bene che sia il prima possibile”.

Naturalmente l’obiettivo è far approvare la legge sul testamento biologico ferma in senato, per iniziare a percorrere tutte le tappe che già abbiamo visto attraversare dai paesi del nord Europa, per l’approvazione dell’eutanasia, con tutte le sue varianti (prima solo malati terminali, poi anche malati di mente, o cronici, poi i vecchi, ora pure bambini e depressi) fino al suicidio assistito. L’importante è partire, fare una prima breccia nel diritto alla vita, mettere in discussione il principio fondante che la vita sia un bene supremo, il primo bene di ciascuno, superiore ad ogni altro diritto o pretesa. Lo scopo è diffondere il nuovo dogma della “qualità della vita”, espressione fumosa, mai definita nei suoi contenuti, che si presta ad essere appiccicata e stiracchiata all’uopo, in un meccanismo da finestra di Overton ormai consolidato, per sostituire la più semplice e inoppugnabile “vita”, in modo da manipolare l’opinione pubblica con il solito gioco di prestigio delle parole, spogliate del proprio significato primigenio, cerare bisogni che non ci sono e approvare legislazioni forzose per soddisfarli, mentre si ignorano i bisogni veri e sacrosanti, come il diritto alle cure e alle terapie per tutti i malati, anche quelli cronici, anche quelli senza prospettive di miglioramento, anche quelli terminali.

Si cerca di tenere alto il livello di sentimentalismo, di indurre al pietismo, per non far focalizzare il cuore vivo della questione, che è assai sottile e controversa.

Questo processo è un fallimento del diritto, comunque vada a finire: infatti Cappato è colpevole di istigazione al suicidio, ma non è il più colpevole, benché sia l’unico inquisito. Infatti una persona scaraventata nel buio e nella paralisi può evidentemente sopravvivere al dolore psicologico, prima ancora che fisico, solo attraverso l’amore, solo grazie allo sguardo di chi, attorno a lui, sappia trovare motivi nuovi e diversi per continuare a vivere, come fanno tantissimi malati in condizioni analoghe a Dj Fabo che ogni giorno combattono la propria battaglia difficile su questa terra sapendo comunque godere della gioia della vita. È un misto indecifrabile di sostegno psicologico e spirituale, ciò che effettivamente fa la differenza e che evidentemente in questa triste storia è mancato. Nessuno attorno a lui gli ha saputo fornire ragioni per vivere, in attesa che egli stesso avesse il tempo per ritrovarle da sé, nel difficile processo di ricerca di un nuovo equilibrio. La fidanzata che chiede la morte, accanto al suo letto, che si presta a leggere in tv la sua richiesta di morire, è l’emblema della resa: se nemmeno tu, che mi ami, che dici di amarmi, trovi un motivo perché io viva, perché dunque io devo vivere?

Eppure è inquisito solo Cappato, che ha fatto da autista fino in Svizzera e che ha fatto mercimonio del dolore privato di quest’uomo. D’altra parte uno non può essere accusato di non aver fornito un supporto che non aveva per se stesso: chi può darsi la forza che non ha? Si istiga al suicidio quando ci si inserisce in una debolezza psichica, quando si manipola, si opprime, si deprime a tal punto una personalità da spingerla a preferire la morte rispetto alla vita. Non è questo il caso, ovviamente: Fabiano era già in una condizione tra le più difficili immaginabili per un essere umano, nessuno si è accanito contro di lui per vessarlo di più, semplicemente non ha trovato gli appigli di cui aveva disperatamente bisogno per non sprofondare, ma non averglieli forniti non è una colpa penale. Però non è nemmeno un segno d’amore, un gesto grondante pietà, come si vorrebbe far credere: non cercare di fare desistere dal proposito di morte qualcuno, avendone la possibilità, è azione di cui vergognarsi, non certo di cui vantarsi in tv.

Cappato, invece, ha fornito la giustificazione morale alla resa e i mezzi materiali per metterla in atto, ma nessun becchino può convincere un uomo a morire prima, per quanto sia un abile venditore di bare. Insomma, la sua azione è stata umanamente spregevole, in quell’offerta di un finto aiuto che era poi solo la fine di ogni opportunità e futuro e soprattutto nello sfruttamento ignobile della sua situazione per la propaganda per i propri fini politici, ma che sia configurabile come reato penale di istigazione al suicidio è ancora tutto da vedere.

Di contro, se il processo dovesse assolvere Cappato, automaticamente si aprirebbe anche in Italia il mercato promozionale del turismo di morte verso le cliniche svizzere e potrebbero spuntare nuovi avvoltoi di fianco ai letti di persone sofferenti per alimentare il business dell’iniezione letale a costo altissimo per la vittima e bassissimo per la clinica. Serve qualcuno che, in qualche sede istituzionale autorevole, sia in grado di ribadire l’ovvio che ci stiamo smarrendo, e cioè che ammazzare qualcuno dietro compenso è azione da assassini sicari, non da caritatevoli samaritani, e che la vita è un bene primario da tutelare, senza attributi ulteriori. Per parlare di qualità della vita, serve la vita.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/11/2017
2905/2023
Santa Maria Maddalena de' Pazzi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Rapporto Antigone sulla vita dei detenuti

L’ultimo rapporto curato dall’Associazione che si occupa dei diritti dei detenuti evidenzia le condizioni di invivibilità in molti istituti di pena

Leggi tutto

Politica

SENZA CHIEDERE NEANCHE SCUSA

Ma quante volte ancora pensate di potervi fare prendere in giro? Dopo quattro legislature in cui fate lo stesso errore, davvero non vi è chiaro come funziona? Votate Alternativa per l’Italia che i principi non negoziabili non li negozia, che non ha leader con il cartellino del prezzo, che ha candidato persone la cui credibilità è cristallina, che ha presentato il programma di governo più sensato e attento ai bisogni immediatamente concreti delle famiglie italiane. Esempio concreto: al collegio senatoriale di Roma 1 Emma Bonino è sventrata da Carlo Calenda (non da voi che siete fiacchi e la faceste vincere nel 2018), la sconosciuta obbediente che è passata da Forza Italia a Ncd (i traditori di Lupi e compagnia, vedi sopra) a Fratelli d’Italia ha il seggio regalato. Votare Alternativa per l’Italia che in quel collegio candida chi vi scrive vi offrirà la sensazione che regala l’aria pura.

Leggi tutto

Società

Puglia - Consiglio Regionale boccia Ddl eutanasia

Il Consiglio regionale pugliese ha bocciato la proposta di legge per introdurre l’eutanasia. L’aula ha votato contro al primo articolo della proposta presentata dal consigliere regionale del Partito Democratico Fabiano Amati, facendo quindi decadere tutta la proposta.

Leggi tutto

Chiesa

Monsignor Paglia: cure palliative difendono l’umano

In occasione della Giornata nazionale della cure palliative, il presidente della Pontificia Accademia per la Vita ricorda l’importanza della terapia del dolore, divenuta un diritto del malato con la legge 38 del 2010.

Leggi tutto

Storie

Il pugile francese ed i figli dell’avversario

Stanno facendo discutere in Francia le dichiarazioni a L’Équipe del pugile – categoria pesi massimi – Martin Bakole, protagonista il 14 maggio 2022 di una clamorosa vittoria sul campione olimpico 2016, Tony Yoka

Leggi tutto

Storie

UNA SALA MEETING PER IL PROFESSORE DIEGO TERMINI

Finalmente a Ravanusa sono tornati gli eventi: quelli belli, quelli che ti fanno pensare, quelli che ti regalano davvero una storia che deve essere raccontata.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano