Media

di Mario Adinolfi

La censura degli indegni

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Mentre il nostro segretario nazionale Gianfranco Amato e suo fratello Massimiliano piangevano la morte del loro papà, proprio nelle stesse ore di oggi delle persone indegne prendevano di nuovo di mira il profilo dello stesso Massimiliano per impedirgli per altri trenta giorni di postare su Facebook. Max ha fatto solo in tempo a scrivere un ricordo addolorato del papà Salvatore, poi per un mese ancora non potrà più scrivere e neanche rispondere ai tantissimi messaggi di affetto che gli sono arrivati via social. La censura agli Amato in un momento di così forte dolore personale, la censura ai tanti e ormai troppi dirigenti del Popolo della Famiglia è davvero una censura a un intero popolo. Siamo stati impegnati in questa settimana con una grande intensità sul territorio, questa è la nostra risposta. Al coordinamento lombardo presieduto proprio da Gianfranco Amato hanno fatto seguito la riunione di quello veneto con Filippo Grigolini e quello siciliano con il coordinatore nazionale Nicola Di Matteo. Io in meno di 48 ho incontrato a Nocera Inferiore i campani di Raffaele Adinolfi e i lucani di Marco Fasulo, gli abruzzesi di Simona Lupi a Teramo mentre non lontano Fabio Torriero era con Patrizio Alessandrini e si sono affacciati anche i marchigiani, poi la domenica l’ho trascorsa con l’infaticabile Mirko De Carli e gli amici emiliani, mentre dal Piemonte Alberto Cerruti di raccontava delle congratulazioni giunte al Pdf da un sacerdote coraggioso. Settimana prossima avremo la festa della Famiglia in Puglia grazie a Enzo Fortunato e io personalmente farò cinque tappe in tre giorni in Veneto: Zevio, Verona, Padova, Conegliano (Treviso) e Malo (Vicenza). Poche ore prima di sapere della morte del papà Massimiliano Amato con Emanuela Pongiluppi e altri coraggiosi volantinavano a Varese per far conoscere il Popolo della Famiglia.

Censurandoci da persone indegne quali siete, cari noti lobbisti, ci avete fatto prendere gusto allo stare per strada, sul territorio, a incontrare le persone. I giornali e le tv locali raccontano le nostri iniziative, persino Repubblica ha raccontato che è stato il Pdf con Mirko De Carli a prendere le difese del sacerdote bolognese che ha giustamente interrogato l’Italia sulle responsabilità di chi ha ucciso con l’aborto e sul paragone da fare con chi ha ucciso per logica mafiosa. Domani alle 9.45 la nostra campagna di comunicazione per far conoscere il Pdf continua da Canale 5, dove sarò ospite per parlare di temi analoghi. Non ci fermerete, non potete accanirvi su di noi persino nel momento del dolore e pensate che questo popolo non reagisca con tutta la determinazione di cui è capace e cioè mettendo ancora più impegno per vivere i valori in cui sono cresciuti Gianfranco e Massimiliano Amato grazie all’insegnamento del loro papà.

Non ci fermerete perché siete poca cosa, siete dei vili che si proteggono dietro ad un algoritmo per mettere un liberticida bavaglio alle idee che non gradite. Non ci fermerete perché siete pericolosi e pericolosamente blanditi, ma avete trovato in noi persone che non hanno paura. Abbiamo Dio con noi e da oggi anche Salvatore detto Arturo, papà e nonno buono, a fare il tifo per il Pdf da lassù.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/11/2017
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il quadro di un’occasione unica

Nel 2013 uscirono dal Parlamento deputati e senatori eletti da appena 5 liste: PdL, Pd, Lega Nord, Udc e Italia dei Valori. Il sistema sembrava aver trovato un suo equilibrio maggioritario, ma proprio le elezioni di quell’anno hanno introdotto, insieme allo tsunami M5S, anche una serie di fattori che hanno portato alla polverizzazione del quadro politico. In questo schema, alimentato dalla struttura proporzionale della prossima legge elettorale, si è ormai al tutti contro tutti e i tradizionali legami coalizionali perdono ogni senso. Per il PdF storica opportunità di essere decisivo

Leggi tutto

Media

DIALOGO FRANCO TRA IL PDF E AVVENIRE

Ci siamo confrontati con molte difficoltà, ma non con quella di determinare il nostro orizzonte programmatico: siamo ispirati dalla dottrina sociale della Chiesa e ad essa facciamo diretto riferimento. Questo non fa del Popolo della Famiglia un movimento confessionale. Chi legge la nostra quotidiana elaborazione di contenuti, anche attraverso il quotidiano La Croce, sa che ad essa collaborano personalità provenienti non solo dal mondo cattolico, ma anche evangelici, persino islamici, così come agnostici e non mancano gli atei. Certo, l’ossatura del gruppo dirigente del Popolo della Famiglia è composta da cattolici, che danno il segno caratteristico a questo movimento politico nato dopo il tradimento delle ragioni del Family Day operato attraverso il voto favorevole alla legge Cirinnà di moltissimi parlamentari sedicenti cattolici che pure al Family Day erano presenti.

Leggi tutto

Storie

Manuel Agnelli, Jax Fedez e le parole false

Fedez, compagno di merenda lautamente pagata da Sky Italia nei “live” di XFactor, seduto allo stesso banco di Agnelli si è illuminato e ha esultato quando ha sentito il cantante leader degli Afterhours insultare il mio nome. Già, perché lo stesso Fedez insieme a JAx, sempre leggendo in maniera imbarazzante un testo scritto da altri, nel corso della trasmissione le Iene qualche mese fa si era reso protagonista di un altro vergognoso insulto, con tanto di gestualità, rivolto a me come personificazione di tutte le famiglie che avevano partecipato ai Family Day.

Leggi tutto

Chiesa

La forza della parola dei vescovi toscani

La Conferenza episcopale della Toscana ha appena pubblicato La forza della parola. Lettera su comunicazione e formazione a 50 anni dalla morte di don Lorenzo Milani” (EDB, Bologna 2018, pp. 88, € 4,50) è un importante appello a non dimenticare il lascito del sacerdote fiorentino nell’ambito del percorso educativo. Qui il ricorso alla parola e alla ricchezza del linguaggio costituiscono appunto alcuni dei principali strumenti che rendono possibile l’espressione della cultura e della comunicazione umana.

Leggi tutto

Storie

Per Brizzi ora soltanto tre righe di cronaca e nessuna riabilitazione

Per fausto Brizzi caso archiviato ma nessuna riabilitazione. La vicenda umana e professionale del regista muove a commozione, e inoltre è immagine di un miserevole stato di cose.

Leggi tutto

Società

Vladimir Luxuria a Viareggio per un pomeriggio di ordinaria ideologia

Il noto uomo di spettacolo è intervenuto, lo scorso 20 novembre, a commentare davanti a dei liceali la pellicola “Boys don’t cry”, appena proiettata.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano