Società

di Lucia Scozzoli

La morte vince sulla giustizia?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

La procura di Milano, anzi precisamente il pm Tiziana Siciliano ha chiesto l’assoluzione per Marco Cappato, alla sbarra con l’accusa di istigazione al suicidio di Fabiano Antoniani. «Mi rifiuto di essere l’avvocato dell’accusa - ha affermato nella requisitoria - io rappresento lo Stato e lo Stato è anche Marco Cappato».

Non si è stupito nessuno: la Siciliano aveva già chiesto l’archiviazione a maggio scorso, affermando che «le pratiche di suicidio assistito non costituiscono una violazione del diritto alla vita quando siano connesse a situazioni oggettivamente valutabili di malattia terminale o gravida di sofferenze o ritenuta intollerabile e/o indegna dal malato stesso», ma il GIP l’aveva respinta. Ora ci riprova, palesandosi apertamente a favore delle idee radicali e chiedendo di assolvere Cappato o di inviare addirittura gli atti del processo alla Corte Costituzionale per sollevare una questione di illegittimità sull’articolo 580 che prevede il reato di aiuto al suicidio.

Era esattamente quello che voleva Cappato: scardinare completamente l’idea che istigare al suicidio sia reato. In fondo, se la vita è un bene nella disponibilità della persona fino all’estrema conseguenza della morte, nessuno deve permettersi di fermare chi voglia suicidarsi e soprattutto la proposta di terminare prima del tempo la propria vita deve essere resa legale, lecita, possibile. Già Cappato si frega le mani, immaginandosi un fiorire di cliniche per la dolce morte, il lieve trapasso, l’allegra dipartita. Il business della morte, propinata soprattutto agli scarti della società, ai deboli, ai malati, ai depressi, alle persone sole, agli anziani. Il prezzo non sarà mai un problema: chi sta a lesinare per l’ultima spesa della sua vita?

Magari Cappato potrebbe pure proporre il reato di ostacolo al suicidio, giacché c’è: chiunque provi a frapporsi tra la sacra volontà della persona che vuole morire e lo scheletro con la falce in mano deve essere punito. L’idolo del libero arbitrio è issato su un dorato piedistallo di finta pietà.

Con il diritto alla vita, in tribunale è stato ieri sacrificato anche il diritto alla giustizia: un pm che si rifiuta di formulare un’accusa dopo che era stata respinta la richiesta di archiviazione dal GIP ha dell’incredibile.

Dopo l’udienza camerale, il GIP Luigi Gargiulo aveva addirittura imposto l’imputazione coatta di aiuto al suicidio, per avere accompagnato Antonioni alla clinica Svizzera, ma soprattutto per aver rafforzato il suo proposito al suicidio. E anche in questa occasione, Cappato aveva esultato, affermando: «Se dovesse arrivare una assoluzione che definisce irrilevanti le mie azioni, mentre sono stati determinanti, vi dico che preferirei una condanna. Quella motivazione paradossalmente aprirebbe la strada a qualcosa che nessuno può volere: si accetterebbe che solo chi è in grado di raggiungere la Svizzera può essere libero di scegliere. Se Fabiano fosse stato residente a Catania, non sarebbe potuto andare in Svizzera e nemmeno se non avesse avuto 12mila euro a sua disposizione».

Insomma, tutto si sta svolgendo come ha desiderato l’esponente radicale. Infatti le dichiarazioni della collega della Siciliano, Sara Arduini, sono passate sotto silenzio: «Cappato non ha avuto alcun ruolo nella fase esecutiva del suicidio assistito di Fabiano Antoniani e non ha nemmeno rafforzato la sua volontà di morire».

Non è quello che afferma Cappato e non è quello che auspica la Siciliano: questi puntano ad una modifica del codice penale per eliminare del tutto il reato di istigazione al suicidio, non vogliono affatto negare che l’istigazione ci sia stata.

La Siciliano, senza vergogna, ha chiuso la requisitoria citando Tommaso Moro «che per le sue idee, simili a quelle di Fabiani e di Cappato, venne giustiziato, 500 anni fa, per poi essere beatificato nel 1935. Speriamo che non si voglia far lo stesso per Cappato».

Povero Tommaso Moro! Si sarà rivoltato nella tomba a sentirsi citato tanto a sproposito! Forse la Siciliano ha fatto una ricerca su google un po’ troppo rapida ed è capitata su qualche passo di “Utopia”, che però – lo diciamo per la pm che fa la finta acculturata – è una finzione: l’isola in cui è ambientato il racconto si chiama Raphael Hythlodaeus, che significa “fornitore di sciocchezze”. E se è vero che Raffaele riporta l’eutanasia utopica, poi in un altro passo rifiuta il suicidio affermando: «Dio ci ha negato il diritto di prendere non solo la vita di un altro, ma anche la nostra».

Se alla Siciliano piace tanto l’utopia di Moro, in essa egli auspicava anche l’abolizione della proprietà privata: chissà se ne sarebbe altrettanto contenta. E pure l’assegnazione di cariche pubbliche solo alle persone religiose, perché gli atei sarebbero rozzi e volgari, tendenti all’immoralità.

Dire poi che Moro fu giustiziato per questo passaggio è a metà tra l’ignoranza abissale e la malafede senza vergogna.

Chissà poi perché mai la Siciliano abbia sentito la necessità di infilarci una citazione di Moro, anzi lo sappiamo perché: per chiamare in causa la Chiesa in un modo qualunque e sostenere implicitamente che essa, se già non è d’accordo con l’eutanasia, potrebbe comunque diventarlo. Francamente mi pare che il mondo sia cambiato assai negli ultimi 500 anni e si sia evoluto parecchio in termini di umanità, rifuggendo la guerra (almeno a parole), parlando di uguali diritti per tutti, indipendentemente da ceto sociale, sesso, religione, pensiero, razza, eccetera, cose che nel 1500 neanche si sognavano.

Forse che la Siciliano sogni un ritorno al medioevo? E dire che accusano sempre i cattolici, di essere medievali.

L’avevamo predetto, che questo processo sarebbe stata una passerella dei radicali, una loro vittoria mediatica e culturale, indipendentemente dalle decisioni del giudice: una grande farsa, per condurre gli italiani in tempi rapidi ad ambientarsi all’idea che l’eutanasia sia non solo il male minore, ma un’auspicabile destino per tutti.

Viva la morìa! Lo grideremo come monatti, scolando il fiasco sulla via, tra allegri festeggiamenti, mentre condurremo l’ennesimo malato all’esecuzione del destino che ha liberamente scelto, costretto dal dolore, dall’invito della società a levarsi di mezzo e dal coro di incitamento di chi lucrerà sulla sua dipartita.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/01/2018
0202/2023
Presentazione del Signore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Charles: cent’anni di vita nascosta a Nazaret

Esattamente un secolo fa moriva fratel Carlo di Gesù (al secolo Charles de Foucauld). Figura romanzesca di splendido don Chisciotte cristiano, abbandonò la vita agiata del viscontino d’Alzazia per rifugiarsi nel Sahara e in Palestina e ancora nello Hoggar. “La vita nascosta di Gesù” fu il suo ideale, l’ultimo dèmone fu la frustrazione, morì per mano di uno da lui nutrito

Leggi tutto

Storie

LETTERA A J-AX, “ITALIANO MEDIO”

Però ho qualcosa da dirti: non farti fregare, il conformismo è una malattia orrenda da cui non si guarisce facendo una battuta sulla mia obesità, uguale a milioni che mi sono state fatte per decenni. Trova in questa mia risposta un’occasione per una riflessione più complessa, caro Alessandro.

Leggi tutto

Società

L’infamia della giornata mondiale sull’aborto

Cos’è il “partial birth abortion”, la nuova frontiera dell’aborto “libero” che viene richiesta dalla giornata mondiale dell’aborto del 28 settembre? Semplice, è la possibilità per la donna di prendere la decisione di abortire sino alle ultime settimane di gravidanza. Ad oggi le varie legislazioni nazionali permettono l’interruzione volontaria di gravidanza fino al quinto mese in genere, l’Italia è più restrittiva e si ferma al terzo mese, anche se con il trucco dell’aborto “terapeutico” si finisce molto più in là. L’interpretazione della sentenza della Corte Suprema americana consegna però uno scenario infame secondo cui il nascituro non avrebbe diritti e sarebbe parte del corpo della donna che potrebbe farne quello che vuole fino al momento della nascita. In base a questa interpretazione la pratica dell’aborto a nascita parziale prevede l’induzione del parto anche al nono mese di gravidanza, un parto che viene indotto in posizione podalica stando attenti a mantenere la testa del nascituro all’interno del grembo della donna che non riesco a definire materno, per poi introdurre uno speciale forcipe e schiacciare la testa del bimbo per provocarne la morte completando poi il parto con l’espulsione del corpicino ormai senza vita.

Leggi tutto

Politica

Sette buone ragioni per andare a firmare la proposta del PdF

Il conservatore guarda indietro per andare avanti» (Prezzolini). Ecco perché tornare alla famiglia

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia all’alba del neo-bipolarismo

Dopo aver perso contro Salvini per averlo attaccato dal fronte piddino, ora la Chiesa sembra soppesare l’opportunità di provare a influenzarlo (e potrebbe essere un ulteriore errore). Peccato, perché il momento sarebbe propizio per la nascita di un vero nuovo bipolarismo: i fattori paiono esserci.

Leggi tutto

Società

Guardando “The Affair”

..... mentre guardavo The Affair in questi anni mi chiedevo se “un cambiamento del cambiamento” non fosse ormai alle porte. Avendo sperimentato io sulla mia pelle tutto quello che la serie televisiva raccontava ed avendone accertato l’estremo realismo nella descrizione psicologica del concatenarsi delle varie decisioni caotiche, mi sono davvero interrogato se dagli Stati Uniti non stia arrivando finalmente un vento opposto rispetto a quello libertario che da mezzo secolo ha devastato le nostre vite

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano