{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} L’emergenza in Grecia: fra protezione civile e troika

Storie

di Mauro Rotellini - Giuseppe Brienza

L’emergenza in Grecia: fra protezione civile e troika

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Abbiamo detto che l’Europa non si è mossa per aiutare i cittadini greci colpiti dal disastro degli incendi? Non è vero. Lo ha fatto. Esiste infatti un’intera sezione dell’Unione europea che si occupa di protezione civile, in applicazione piena (in questo caso) del principio di sussidiarietà. Se uno Stato ha bisogno di aiuto, se non ce la fa a far fronte a un disastro, può chiedere ed ottenere aiuto all’Europa-Istituzione.

Addirittura il sistema europeo di protezione civile trova il suo fondamento nel Trattato di Lisbona che obbliga l’Ue a provvedere all’assistenza ed alla protezione delle vittime dei disastri naturali o provocati dall’uomo (compresi gli atti di terrorismo) ed a supportare e coordinare la protezione civile degli Stati membri. Un segno importante che certe tematiche sono state poste all’attenzione dei politici e dei tecnici di Bruxelles che sono normalmente accusati di essere lontani dai cittadini e sensibili solamente alle lusinghe delle lobbies (accusa che – intendiamoci – è pienamente fondata…). In questo caso, dobbiamo riconoscerlo, questi temi sono stati affrontati e ne è stata tentata una soluzione piuttosto efficace.

In particolare, il sistema di protezione civile europeo è intervenuto in molte aree ed in riferimento a non pochi episodi di crisi in tutto il mondo, così come un sistema istituzionale basato su Stati economicamente sviluppati e potenti sarebbe in effetti chiamato a fare. E, infatti, qualunque Stato nel mondo e perfino le Nazioni Unite ed altre agenzie internazionali possono chiedere la attivazione del sistema-Ue.

Dal 2010 al 2014, l’Unione ha risposto a oltre 80 emergenze in tutto il mondo, dal Giappone alla Siria, oltre che naturalmente nei casi in cui gli incendi boschivi si sono verificati negli Stati del sud Europa (Italia, Portogallo, Grecia etc.). Inoltre, la protezione civile europea ha soccorso le popolazioni in occasione delle inondazioni in Europa centrale e nei Balcani, dell’epidemia di ebola e durante il conflitto in Ucraina.

Per quanto riguarda specificamente la lotta contro gli incendi boschivi, il principio di sussidiarietà impone l’azione europea quando «le proporzioni di un incendio superano le capacità di uno Stato di domarlo». In tali casi, il sistema Ue di protezione civile «può essere attivato per provvedere ad una rapida ed efficace risposta» (cfr. il sito istituzionale dell’Unione europea, http://ec.europa.eu). Nel 2017 tale meccanismo è stato attivato 17 volte per questo motivo, con richieste di assistenza presentate dal Portogallo, dall’Italia, dal Montenegro, dalla Francia e dall’Albania. Il sistema, in tali occorrenze, pare abbia agevolato in maniera soddisfacente la cooperazione negli interventi di soccorso consentendone il coordinamento. L’azione si realizza attraverso l’invio sul territorio colpito di squadre di esperti nella valutazione e nella canalizzazione di risorse e materiali messe a disposizione dai vari Stati membri.

Un’analoga situazione in questi giorni si sta verificando in Svezia, dove è stata rilevata la presenza di almeno 60 diversi incendi che, velivoli dal Portogallo, elicotteri e canadair dalla Germania, Norvegia, Italia e Danimarca stanno cercando di sedare.

Come sempre le situazioni di emergenza fanno dare il meglio (o il peggio…) di sé stessi alle persone che vi sono coinvolte. Il meccanismo europeo di protezione civile è – forse – la parte migliore dell’acquis communautaire. Quando c’è un disastro fa bene l’Europa a non chiudere gli occhi e ad intervenire. Tuttavia non pochi commentatori hanno anche rilevato che le difficoltà economiche e, alla fine, organizzative dello Stato ellenico sono state provocate dalla “cura da cavallo” imposta dalla “troika” economica Fondo monetario internazionale-Banca centrale europea e Unione europea. Cura che ha fatto perdere mezzo milione di posti di lavoro pubblici ad un Paese che conta complessivamente una popolazione di 11 milioni di persone. L’ultimo taglio al ministero della Protezione civile greco, dal quale dipende il Corpo nazionale dei vigili del fuoco, è arrivato con il quattordicesimo pacchetto di austerità a primavera dell’anno scorso. L’area della sorveglianza antincendio, come ha riportato il Corriere della sera il 18 luglio scorso, ha perso in totale 34 milioni di euro di risorse, precedentemente distribuiti fra fondi per il personale e per i mezzi di soccorso.

Negli ultimi tempi, quindi, gli interventi della protezione civile greca sulle aree a rischio in funzione anti-incendio sono stati inevitabilmente sporadici, insufficienti, non coordinati. Carenza di mezzi, di personale e di piani di evacuazione: i risultati sono stati quelli che, purtroppo, abbiamo visto di recente, con decine di morti, interi quartieri della capitale distrutti e cittadini e turisti spaventati e atterriti. I tragici fatti di Atene, ha commentato giustamente il Corriere, evidenziano «la fragilità di un Paese che arriva prostrato a questo punto di svolta».

Dopo l’allarme lanciato nei giorni scorsi da Caritas Grecia, sulla difficile situazione in cui versa il Paese è intervenuto anche monsignor Sevastianos Rossolatos, arcivescovo di Atene e presidente della Conferenza episcopale ellenica. Il vescovo ha in particolare espresso la sua preoccupazione in vista della prossima uscita della Grecia dal “programma di salvataggio” finora imposto dalla troika, “uscita” fissata per il 20 agosto. Scriviamo tra virgolette perché, come avvertito da mons. Rossolatos, «usciremo dal memorandum ma le restrizioni rimarranno. Nel 2019, e forse anche nel 2020 subiremo altri tagli alle pensioni e aumenti ai contributi assicurativi. Non si parla di diminuzione di tasse e di agevolazioni. La situazione è grave e non vediamo nessuna luce sicura in fondo al tunnel» (cit. in Per la Grecia le sfide cominciano ora, in “L’Osservatore Romano”, 23-24 luglio 2018, p. 7).

Un dovere quindi per l’Europa quello di intervenire in Grecia. Un dovere innanzitutto etico, quello dell’aiuto cioè a persone che hanno incontrato sulla strada della propria vita una tragedia. Ma un dovere anche politico, quello di cercare di porre rimedio concreto ad una situazione non creata dall’Unione, ma che la Ue ha contribuito involontariamente ad aggravare affrontando una situazione di rischio default, ma con sistemi dei quali non c’è consenso unanime ed indiscusso fra gli operatori. Che i conti pubblici dello Stato greco registrino oggi dati più che confortanti non può bilanciare una situazione economico-reale complessiva di perdita del reddito di circa il 30%, di disoccupazione ad oltre il 20% e di debito pubblico in forte e costante aumento (fonte MAE: www.infomercatiesteri.it). La finanza non può quindi (e non deve!) dire l’ultima parola. Maastricht o non Maastricht.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

31/07/2018
0112/2022
Sant'Ansano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Unar, ecco perché i famosi libretti

Ora che tutta Italia ha visto dove va a parare l’oziosa tarantella del bullismo, degli atti omofobici e via dicendo, si può capire anche perché – da un lato – gli stessi interessati a vendere droga e
prostituzione si prodigassero tanto nell’assuefare i giovanissimi a un modello di sessualità rapace e consumistico; e si capisce pure – dall’altro – perché il Popolo della Famiglia si opponga al degrado

Leggi tutto

Società

Ospedali, quale destino nell’era postcristiana

La mutazione degli ospedali da luoghi di cura e di sostegno al malato in spazi fisici in cui si uccide la speranza è solo l’ultimo atto di una cultura che ha totalmente dimenticato le proprie radici cristiane. L’impressione è che l’operato dei medici britannici sia, in fondo, considerato legittimo da molti altri loro colleghi nel mondo. Al loro posto, in tanti avrebbero fatto lo stesso. Ci fa piacere che si siano mossi il Bambin Gesù di Roma e il Presbyterian Hospital di New York, ma è davvero triste costatare che non c’è stata una gara tra gli altri ospedali ad accogliere Charlie. Il caso è certo difficile, ma una risposta compatta delle strutture ospedaliere mondiali avrebbe forse fatto traballare ulteriormente i convincimenti dei medici del Gosh. Eppure, gli ospedali sono nati per alleviare le sofferenze. San Camillo de Lellis, di cui oggi facciamo memoria liturgica, fondò un Ordine religioso appositamente per aiutare gli ammalati. Volle che i suoi confratelli – come fece egli stesso – servissero i sofferenti «con quella carità e amorevolezza che sono solite avere le madri verso i propri figli infermi». Il fondatore dei Camilliani ha indicato dunque una precisa figura, la madre, come esempio per aiutare chi soffre: Connie che, senza alzare la voce, “grida” il suo amore e la sua speranza per il figlio, che gli resta accanto osservando ogni piccolo mutamento, è quel modello che chiunque sia avvicina ad un ammalato per curarlo dovrebbe coltivare dentro di sé, sperando di esserne sempre più degno. Ancora, Camillo de Lellis sentiva il cuore spezzarsi ogni volta che non poteva portare il soccorso che avrebbe voluto. È questo il sentire che ci rimandano oggi molte figure di medici? Camillo de Lellis – come l’altro grande sostegno degli ammalati, Giovanni di Dio, che voleva per gli infermi che assisteva condizioni igieniche migliori e cure specifiche – ci ha testimoniato che curare chi è sofferente è un compito altissimo da assolvere senza cercare la via più semplice. Grazie a lui, a Giovanni di Dio e ad altri cristiani, gli ospedali sono diventati nei secoli quei luoghi di speranza e di cura a cui fino all’altro ieri guardavano con fiducia.

Leggi tutto

Chiesa

Il convegno di Siracusa raccontato da chi c’è stato

Oltre i soliti zelanti allarmismi di certo mondo reazionario si erge la parrhesía di Antonio Staglianò

Leggi tutto

Chiesa

I diritti si fondano su una natura umana oggettiva

La Santa Sede ribadisce la ferma «persuasione che le eventuali controversie tra i popoli non debbono essere risolte con il ricorso alle armi; ma invece attraverso il negoziato». D’altra parte, proprio la continua produzione di armi sempre più avanzate e “perfezionate” e il protrarsi di numerosi focolai di conflitto – di quella che più volte ho chiamato “terza guerra mondiale a pezzi” – non può che farci ripetere con forza le parole del mio santo Predecessore: «Riesce quasi impossibile pensare che nell’era atomica la guerra possa essere utilizzata come strumento di giustizia. È lecito tuttavia sperare che gli uomini, incontrandosi e negoziando, abbiano a scoprire meglio i vincoli che li legano, provenienti dalla loro comune umanità e abbiano pure a scoprire che una fra le più profonde esigenze della loro comune umanità è che tra essi e tra i rispettivi popoli regni non il timore, ma l’amore: il quale tende ad esprimersi nella collaborazione leale, multiforme, apportatrice di molti beni».

Leggi tutto

Politica

I prossimi impegni

Già da domenica prossima però sempre a Roma torneremo a trovarci insieme per festeggiare il secondo compleanno del Popolo della Famiglia, visto che l’11 marzo del 2016 siamo nati, l’organizzazione della serata è in mano al nostro coordinatore nazionale Nicola Di Matteo. Passati i festeggiamenti c’è però davvero da mettersi subito all’opera per i prossimi traguardi. Stasera con Lanfranco Lincetto si riunisce il coordinamento regionale del Friuli Venezia Giulia, visto che per il 29 aprile sono previste lì come nel Molise le elezioni regionali e saremo protagonisti, come già riferiscono i giornali locali odierni. A proposito di giornali locali, sul Corriere della Sera edizione Verona oggi Filippo Grigoliniingaggia una perfetta polemica con Elton John e incassa una paginata di spazio, ottimo viatico per le amministrative di maggio in Veneto: si voterà a Treviso e a Vicenza, ma anche in altri importanti comuni della regione.

Leggi tutto

Storie

The shout of Ireland: “Let Them Live!”. Interview with Emily Faulkner

A group of American pro-lifers travelled from the US to lend their support to the anti-abortion referendum on the Eight Amendment

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano