Politica

di Mario Adinolfi

Forza Orban

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Vedendo le tarantolate manifestazioni di protesta contro Orban a Milano che incontra Salvini, mi vengono in mente un paio di osservazioni, per la Boldrini come per i manifestanti e per lo stesso Salvini. Orban non è un fascista e uno xenofobo, è un leader del Partito popolare europeo. Le radici del Ppe sono quelle degasperiane e sturziane, il Ppi nacque cento anni fa e fu il primo Partito popolare a essere fondato in Europa. Orban è il premier ungherese da vent’anni: i magiari lo votano perché in questi venti anni ha continuato ad avere successi clamorosi sul fronte economico, le persone in Ungheria vivono meglio grazie a Orban. Il Pil nell’ultimo anno è cresciuto del 4.2% (nel mondo occidentale è una crescita paragonabile solo a quella dell’America di un altro cattivone, Donald Trump) dunque il triplo dell’Italia, la disoccupazione è al 3.8% dunque un terzo dell’Italia, il rapporto debito-Pil è al 73% (Italia al 130%) dunque ha implementato le riforme economiche senza scassare i conti dello Stato e questo anche perché Orban, da scaltro leader del Ppe, è il maggiore fruitore di fondi Ue (34.3 miliardi dal 2014). Al centro della rinascita ungherese c’è l’investimento statale sulla famiglia naturale (4.8% del Pil contro una media Ocse del 2.5%) e così la nazione magiara è tra le poche in Europa dove crescono ogni anno matrimoni e nascite, mentre in Italia collassano. Orban è un modello di governo del popolarismo europeo e vorremmo che Boldrini e Salvini lo capissero entrambi: è un ottimo leader perché fa stare meglio il popolo della nazione che guida, investendo sulla famiglia. Poi, sa gestire i flussi migratori e a Salvini non darà mai sponda per gestirgli una crisi tipo Diciotti o Aquarius, ma è questione marginale, l’Ungheria è un piccolo paese che non ha sbocco sul mare. Politici e giornalisti italiani però provino a studiare il modello Orban, troverebbero tante idee utili, altro che la follia annunciata da Di Maio del reddito di cittadinanza già dal 2019 (intervista di oggi al Fatto). Serve il reddito di maternità se vuoi far ripartire d’Italia. Serve il Popolo della Famiglia al governo del Paese. Proporrò alla prossima assemblea nazionale del PdF di presentare istanza di adesione al Partito popolare europeo, per rappresentarlo in Italia alle elezioni continentali del prossimo 26 maggio.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/09/2018
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La proposta del PDF, il reddito di maternità

Noi facciamo politica per cambiare concretamente la vita delle persone e per dare un pugno al piano inclinato che vede le normative orientarsi tutte contro i diritti della famiglia naturale. Essere militanti del Popolo della Famiglia, essere sostenitori di questo progetto, significa battersi per dare alle donne la piena libertà di scelta: il reddito di maternità è questo, una fondamentale battaglia per la libertà della donna. Si può concretamente portare a casa questo risultato se il Popolo della Famiglia, fin dalle prossime elezioni amministrative, avrà livelli di consenso tali da far capire che il traguardo dell’ingresso in Parlamento non è una chimera ma un reale obiettivo politico perseguibile che cambierà radicalmente gli equilibri dei rapporti di forza nel Paese, dando voce a quelle ragioni che attualmente voce non hanno. Se c’è un motivo per dedicarsi alla lotta politica, ora questo motivo c’è: salvare la famiglia, proteggere i nostri figli, liberare davvero le donne. Perseguilo insieme a noi, vota Popolo della Famiglia, rendi concreto il progetto del reddito di maternità.

Leggi tutto

Chiesa

Padre Arsenio beato a Milano

«Tu vuoi morire da santo? – si chiedeva il giovane sacerdote, entrato già prete nella Compagnia di Gesù – Ebbene, vivi da santo. Fa’ da santo secondoil tuo stato di religioso. Sii santo negli sguardi, santo nei discorsi, santo nell’udito, nel tratto, nel gusto, nel tatto. In breve, sii perfetto nell’uso dei tuoi sensi. Santo nell’obbedienza, e allora, certo, morirai da santo».

Leggi tutto

Storie

Lettera ai professori e ad alcuni genitori

Ricorda qualcosa dell’acerba forza della “Lettera a una professoressa”, dei ragazzi di Barbiana, questo testo ricevuto in Redazione: una giovane intercettata poco e male dalla scuola italiana, nei suoi anni più fragili, si è ritrovata nel lavoro e nel r-accogliere il patrimonio di cultura e di fede trasmessole dai genitori. Oggi ha imparato alcune lezioni e ce le impartisce.

Leggi tutto

Politica

A Camaldoli per il bene comune

A Camaldoli per il bene comune e per la festa de La Croce Quotidiano

Leggi tutto

Politica

Zingaretti, il Pd e l’utero in affitto

“Fecondazione medicalmente assistita e gestazione per altri: la possibilità di un figlio nel 2019” è il titolo del convegno che si terrà a Roma il 19 giugno prossimo nella sede nazionale della CGIL. Ben due proposte di regolamentazione dell’utero in affitto saranno presentate dall’ufficio “Nuovi Diritti” del sindacato, “Certi diritti”, “Famiglie Arcobaleno” e “Articolo 29”. Zingaretti ambiguo.

Leggi tutto

Politica

Parlamento Europeo: risoluzione sui diritti delle persone LGBTIQ nell’UE

L’Unione Europea dovrebbe rimuovere tutti gli ostacoli che le persone LGBTIQ affrontano nell’esercitare i loro diritti fondamentali. È quanto sostiene il Parlamento Europeo in una risoluzione sui diritti delle persone LGBTIQ nell’UE, approvata questa mattina con 387 voti favorevoli, 161 contrari e 123 astensioni. Nella risoluzione, il Parlamento europeo sottolinea come questi cittadini dovrebbero poter esercitare pienamente i loro diritti, compreso il diritto alla libera circolazione, ovunque nell’Unione Europea.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano