Chiesa

di Raffaele Dicembrino

I #Vescovi italiani guardano al Paese reale

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Papa e la Chiesa sono in ansia per i giovani ed i bisognosi (dai migranti ai terremotati). Infatti i lavori della Commissione per la tutela dei minori e delle persone vulnerabili, i giovani e la disoccupazione, i migranti, la nuova edizione del Messale Romano per una liturgia legata all’evangelizzazione: sono i temi centrali affrontati dal Consiglio episcopale permanente, riunitosi a Roma. Il Comunicato finale è stato presentato ieri dal presidente della Cei, il cardinale Bassetti, nel corso della conferenza stampa a Palazzo Pio

Il Consiglio permanente ha puntato i riflettori su diverse tematiche di attualità ma non solo. Centralità anche alla nuova edizione del Messale Romano, che i vescovi auspicano riconsegni la ricchezza della riforma liturgica: centralità della Parola di Dio, della Pasqua e della stessa Assemblea. Nell’illustrare il comunicato finale dei 30 vescovi riuniti in questi giorni a Roma nel Consiglio permanente, il presidente della Cei, il cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve, si è soffermato anche sull’importanza dell’Evangelii gaudium, di una conversione del cuore al Vangelo, che diventa misericordia. C’è attesa anche per la prossima Assemblea della Cei, che si terrà a novembre dalla quale so attendono interessanti novità.

Tra i temi centrali, i giovani, pensando al Sinodo che sta per partire e alla piaga della disoccupazione, una drammatica situazione che umilia la dignità stessa delle persone. “I vescovi - si legge nel comunicato - interpellano i responsabili della cosa pubblica, perché non si accontentino di mettere in fila promesse o dichiarazioni falsamente rassicuranti”. Una preoccupazione ripresa dallo stesso cardinale Bassetti in conferenza stampa:

Il nostro non è uno sguardo di politici né di sociologi. Il nostro è proprio lo sguardo con il cuore dei pastori. E ci preoccupano alcune situazioni particolari: la situazione drammatica dei giovani senza lavoro, che prima era un po’ a macchia di leopardo, ancora qualche anno fa, un po’ distribuita nel Paese mentre adesso è generalizzata.

Parlando dei migranti, il cardinale Bassetti ha evidenziato l’importanza di essere pastori anche qui che l’ottica adottata non è stata quella di politici, ma di pastori:

E come pastori, è chiaro che a noi interessano la solidarietà tra tutte le persone e l’integrazione. Anche se, come ha ben precisato il Papa, anche per l’accoglienza certamente ci vogliono dei criteri. Mi è piaciuto molto, su questo punto, quello che hanno detto i vescovi d’Europa, che anche noi abbiamo condiviso nella nostra riunione della Cei. Anche la Chiesa di Europa - dicono i vescovi - riconosce che non c’è alternativa alla solidarietà fatta di accoglienza, di integrazione, e che appunto possono anche esserci tante difficoltà, perché certamente il fenomeno è complesso.

Riguardo al decreto sicurezza - uscito in concomitanza con il lavoro del Consiglio - il presidente della Cei ha specificato che deve ancora approfondirlo e che comunque deve essere ancora “discusso, approfondito, deve ancora intervenire il Presidente della Repubblica”. Esprime comunque preoccupazione per l’abrogazione dei permessi di soggiorno per motivi umanitari e anche la riduzione di questi permessi “perché in questo modo si rischia di esporre tante persone a un futuro incerto come pure l’espulsione legata anche al primo grado di condanna che non sarebbe proprio in pieno con la Costituzione”.

Un’altra situazione che preoccupa è quella delle zone terremotate, nella quali è stata curata bene l’emergenza ma bisogna affrontare alcuni problemi importanti come le abitazioni provvisorie, la rimozione delle macerie, la ricostruzione.

Sul tema della tutela dei minori, altro nodo da sciogliere, è stato diramato che la Commissione pontificia si è incontrata con loro, non più di 15 giorni fa, e ha espresso soddisfazione per “quello che stiamo facendo”. La Commissione della Cei, che si occupa di questo, si è riunita più volte nel corso dell’anno, sottolinea.

Infine è stato annunciato che sarà realizzato a Bari, nel novembre del 2019, un Incontro di riflessione e spiritualità per la pace nel Mediterraneo. Attenzione rivolta anche al mondo della scuola con la necessità di promuovere un’alleanza educativa e di coniugare Vangelo e cultura. Prima d3el commiato il cardinale Bassetti ha rivolto parole di ringraziamento a monsignor Nunzio Galantino, che ha concluso il suo mandato ieri come segretario della Cei. Il 26 giugno è stato infatti nominato dal Papa presidente dell’Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica (Apsa). Per la successione, è stata presentata una lista di nominativi al Papa al quale spetta il delicato compito di indicare il porporato più indicato a questo importantissimo incarico

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/09/2018
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Vogliono dividerci, non caschiamoci

Si apre una stagione difficilissima, vorranno approvare il matrimonio gay e far trionfare l’ideologia gender nelle scuole e ovunque. I cattolici (e le testate cattoliche) non alimentino il germe della divisione interna. Noi de La Croce dichiariamo disarmo unilaterale.

Leggi tutto

Politica

Come Stefano Parisi si trovò a metà del guado

Parisi è in fondo il simbolo del caos che regna nel centro-destra. Caos che ho l’impressione durerà a lungo. Troppo a lungo. Berlusconi incrocia le dita e spera che l’Italicum venga cambiato in nome di una legge elettorale di stampo proporzionalista. Con l’Italicum infatti il centro-destra sarebbe spazzato via del tutto e ridotto all’insignificanza politico-parlamentare: Renzi e Grillo si giocherebbero la partita elettorale senza altri rivali competitivi. Se vincesse il NO al Refendum (cosa per la quale Berlusconi accende un cerone al giorno) molto probabilmente si arriverà ad una legge elettorale basata sul proporzionale. Aldilà del fatto che Renzi rimanga o meno Presidente del Consiglio. Ma anche qui la vedo dura: il trio Belusconi-Salvini-Meloni non riesce a trovarsi d’accordo su nulla, Parisi non avrebbe alcuna autorevolezza per incidere nella triade. Come metti insieme una armata brancaleone così? Destinata a perdere ogni confronto.

Leggi tutto

Media

Manifesti non gender nelle scuole

Contrariamente a quanto si creda, le amministrazioni comunali possono fare molto per arrestare i tentativi – molto spesso subdoli e surrettizi – di introdurre l’ideologia gender nell’insegnamento scolastico. Non dimentichiamo mai che il Comitato Difendiamo i Nostri Figli, di cui mi onoro di essere stato un cofondatore, esordì con la spettacolare e indimenticabile mobilitazione pubblica di Piazza San Giovanni a Roma, il 20 giugno 2015, proprio sul delicato tema della libertà d’educazione dei genitori. Le prossime elezioni amministrative rappresentano un ottimo banco di prova per tornare a rivendicare le ragioni profonde che hanno generato la straordinaria esperienza dei Family Day. E il Popolo della Famiglia è nato proprio per questo scopo. Non dimentichiamocene quando, nel segreto dell’urna, saremo chiamati ad esprimere chi dovrà rappresentare nelle istituzioni tutte quelle famiglie che non hanno avuto paura di sfidare il Potere in una delle più grandi manifestazioni pubbliche che il nostro Paese abbia mai visto dal dopoguerra ad oggi. Sì, mi riferisco proprio al Family Day del Circo Massimo. Quel popolo non può essere tradito un’altra volta.

Leggi tutto

Società

I nodi dell’alternanza scuola-lavoro

L’Occupazione di ottobre è ormai un rito (in)civile a cui le istituzioni non si sentono di sottrarsi, pena l’apparire “fasciste”. Quest’anno la scusa è data da “La buona scuola”, che ha trasformato
nominalmente tutte le scuole superiori in licei e fattivamente tutti i licei in scuole professionali.
Salvo che – per forza di cose – oltre a non insegnare più il sapere non insegnano neppure il fare.

Leggi tutto

Chiesa

Un sito ed una scuola alla sequela di San Benedetto

Lo scopo dell’insegnamento di San Benedetto è di dar vita ad una comunità che incarni il Vangelo nella azioni di tutti i giorni: «Venite, figli, ascoltatemi; vi insegnerò il timore del Signore» [Sal 33,12] (Regola, Prologo). La sua, perciò, non è una teologia teorica, bensì una sapienza rivolta a governare santamente la vita umana. E poiché gli uomini vivono sempre insieme, San Benedetto, al seguito degli apostoli, intende plasmare secondo una forma divina la vita quotidiana di una comunità.

Leggi tutto

Politica

Senza dignità

Si apre una triste stagione i cui esiti sono pericolosamente immaginabili. Perché in un tempo in cui l’aspettativa di vita cresce e con essa crescono i costi della sanità, dando al sistema la possibilità di scegliere se curare l’incurabile con spese ingenti o sopprimerlo a spese zero, non credo sia difficile capire verso quale orizzonte si orienterà la libera scelta. Solo allora avremo chiaro quale orrore sia stato reso possibile da tutta questa supposta nuova libertà.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano