Chiesa

di Raffaele Dicembrino

I #Vescovi italiani guardano al Paese reale

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Il Papa e la Chiesa sono in ansia per i giovani ed i bisognosi (dai migranti ai terremotati). Infatti i lavori della Commissione per la tutela dei minori e delle persone vulnerabili, i giovani e la disoccupazione, i migranti, la nuova edizione del Messale Romano per una liturgia legata all’evangelizzazione: sono i temi centrali affrontati dal Consiglio episcopale permanente, riunitosi a Roma. Il Comunicato finale è stato presentato ieri dal presidente della Cei, il cardinale Bassetti, nel corso della conferenza stampa a Palazzo Pio

Il Consiglio permanente ha puntato i riflettori su diverse tematiche di attualità ma non solo. Centralità anche alla nuova edizione del Messale Romano, che i vescovi auspicano riconsegni la ricchezza della riforma liturgica: centralità della Parola di Dio, della Pasqua e della stessa Assemblea. Nell’illustrare il comunicato finale dei 30 vescovi riuniti in questi giorni a Roma nel Consiglio permanente, il presidente della Cei, il cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve, si è soffermato anche sull’importanza dell’Evangelii gaudium, di una conversione del cuore al Vangelo, che diventa misericordia. C’è attesa anche per la prossima Assemblea della Cei, che si terrà a novembre dalla quale so attendono interessanti novità.

Tra i temi centrali, i giovani, pensando al Sinodo che sta per partire e alla piaga della disoccupazione, una drammatica situazione che umilia la dignità stessa delle persone. “I vescovi - si legge nel comunicato - interpellano i responsabili della cosa pubblica, perché non si accontentino di mettere in fila promesse o dichiarazioni falsamente rassicuranti”. Una preoccupazione ripresa dallo stesso cardinale Bassetti in conferenza stampa:

Il nostro non è uno sguardo di politici né di sociologi. Il nostro è proprio lo sguardo con il cuore dei pastori. E ci preoccupano alcune situazioni particolari: la situazione drammatica dei giovani senza lavoro, che prima era un po’ a macchia di leopardo, ancora qualche anno fa, un po’ distribuita nel Paese mentre adesso è generalizzata.

Parlando dei migranti, il cardinale Bassetti ha evidenziato l’importanza di essere pastori anche qui che l’ottica adottata non è stata quella di politici, ma di pastori:

E come pastori, è chiaro che a noi interessano la solidarietà tra tutte le persone e l’integrazione. Anche se, come ha ben precisato il Papa, anche per l’accoglienza certamente ci vogliono dei criteri. Mi è piaciuto molto, su questo punto, quello che hanno detto i vescovi d’Europa, che anche noi abbiamo condiviso nella nostra riunione della Cei. Anche la Chiesa di Europa - dicono i vescovi - riconosce che non c’è alternativa alla solidarietà fatta di accoglienza, di integrazione, e che appunto possono anche esserci tante difficoltà, perché certamente il fenomeno è complesso.

Riguardo al decreto sicurezza - uscito in concomitanza con il lavoro del Consiglio - il presidente della Cei ha specificato che deve ancora approfondirlo e che comunque deve essere ancora “discusso, approfondito, deve ancora intervenire il Presidente della Repubblica”. Esprime comunque preoccupazione per l’abrogazione dei permessi di soggiorno per motivi umanitari e anche la riduzione di questi permessi “perché in questo modo si rischia di esporre tante persone a un futuro incerto come pure l’espulsione legata anche al primo grado di condanna che non sarebbe proprio in pieno con la Costituzione”.

Un’altra situazione che preoccupa è quella delle zone terremotate, nella quali è stata curata bene l’emergenza ma bisogna affrontare alcuni problemi importanti come le abitazioni provvisorie, la rimozione delle macerie, la ricostruzione.

Sul tema della tutela dei minori, altro nodo da sciogliere, è stato diramato che la Commissione pontificia si è incontrata con loro, non più di 15 giorni fa, e ha espresso soddisfazione per “quello che stiamo facendo”. La Commissione della Cei, che si occupa di questo, si è riunita più volte nel corso dell’anno, sottolinea.

Infine è stato annunciato che sarà realizzato a Bari, nel novembre del 2019, un Incontro di riflessione e spiritualità per la pace nel Mediterraneo. Attenzione rivolta anche al mondo della scuola con la necessità di promuovere un’alleanza educativa e di coniugare Vangelo e cultura. Prima d3el commiato il cardinale Bassetti ha rivolto parole di ringraziamento a monsignor Nunzio Galantino, che ha concluso il suo mandato ieri come segretario della Cei. Il 26 giugno è stato infatti nominato dal Papa presidente dell’Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica (Apsa). Per la successione, è stata presentata una lista di nominativi al Papa al quale spetta il delicato compito di indicare il porporato più indicato a questo importantissimo incarico

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

28/09/2018
0605/2021
San Lucio di Cirene

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Tornando alla questione degli abusi….

Suor Anna Deodato ha correttamente spiegato che: «l’abuso sessuale accade come ultimo, tragico atto di una serie di abusi di potere e di coscienza».

Leggi tutto

Politica

Che fare ora che i fatti sono chiari

I risultati di Gela – dove il PdF ha raccolto un 5,64 alle amministrative e un 8,75 alle europee – mostrano che se è radicato nel territorio in sinergia con l’associazionismo e gli enti ecclesiastici un movimento politico di ispirazione cristiana ha un suo spazio politico, nel nostro contesto, stimabile attorno all’8/10%. Quel che resta da fare è operare concretamente per fare ciò che va fatto.

Leggi tutto

Chiesa

Santa Giacinta veggente di Fatima

La breve vita di Giacinta trascorse legata da un’identica serenità spirituale grazie al clima di profonda Fede che si respirava in casa. Il suo temperamento era però forte e volitivo e aveva una predisposizione per il ballo e la poesia. Era il numero uno dell’entusiasmo e della spensieratezza. Saranno gli accadimenti del 1917 a mutare i suoi interessi e più non ballerà, assumendo un aspetto serio, modesto, amabile. Il profilo che Lucia tratteggia della cuginetta è straordinario: è il ritratto dei puri di cuore, i cui occhi parlano di Dio.
Giacinta era insaziabile nella pratica del sacrificio e delle mortificazioni. Le penitenze più aspre per Lucia erano invece dettate dalle ostilità familiari e in particolare di sua madre, che la considerava una bugiarda e un’impostora. Lucia, essendo la più grande, fu la veggente più vessata e più interrogata (fino allo sfinimento) sia dalle autorità religiose che civili. A coronare questo clima intriso di tensioni e diffide c’era pure la situazione economica precaria dei dos Santos, provocata anche dal fatto che nel luogo delle apparizioni mariane, di proprietà della famiglia, non era più possibile coltivare nulla: la gente andava con asini e cavalli, calpestando tutto.

Leggi tutto

Chiesa

Una enciclica “francescana” da non leggere su Repubblica

“Laudato si” di Papa Francesco è un testo complesso, davvero superficiale la lettura che ne offre Vito Mancuso sulle pagine del quotidiano fondato da Eugenio Scalfari

Leggi tutto

Politica

Il quadro di un’occasione unica

Nel 2013 uscirono dal Parlamento deputati e senatori eletti da appena 5 liste: PdL, Pd, Lega Nord, Udc e Italia dei Valori. Il sistema sembrava aver trovato un suo equilibrio maggioritario, ma proprio le elezioni di quell’anno hanno introdotto, insieme allo tsunami M5S, anche una serie di fattori che hanno portato alla polverizzazione del quadro politico. In questo schema, alimentato dalla struttura proporzionale della prossima legge elettorale, si è ormai al tutti contro tutti e i tradizionali legami coalizionali perdono ogni senso. Per il PdF storica opportunità di essere decisivo

Leggi tutto

Chiesa

Verso il Sinodo dei giovani

A Roma si preparano gruppi di lavoro e schemi, mentre in Svizzera sono i giovani stessi che si preparano in vista del sinodo, nel quale vorranno evidentemente dire la loro. Non manca (né mancherà) chi si prepara a chiedere le solite “aperture”, mentre all’ombra del Cupolone qualcuno auspica che gli stessi argomenti di discussione siano un po’ meno “calati dall’alto”…

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano