Storie

di Rachele Sagramoso

Ritrovarsi dopo aver perso un bambino

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Tutto ha inizio con una frase terribile che ogni donna teme di sentire una volta nella sua vita di donna in attesa: “Mi dispiace, non c’è più battito”. Sono il 6-7‰ i bambini che muoiono nella pancia della loro mamma dopo le 22 settimane di gestazione. Il rischio si riduce progressivamente sino alle 37 settimane per poi aumentare di nuovo con l’avanzare della gravidanza. Le cause restano inspiegabili nel 30-60% dei casi (esclusi casi attribuibili ad anomalie fetali, emorragie e/o distacchi di placenta, cause meccaniche e/o funicolari) e pare scontato dire che nessun genitore vorrebbe che il proprio bambino facesse parte di questa statistica.

Uno dei più grossi problemi che si trova ad affrontare la coppia genitoriale in queste circostanze è l’afflusso di parole inutili: statistiche, previsioni, tentativi di risollevare il morale, dati medici. L’imbarazzo che qualsiasi sanitario prova in queste circostanze è molto: nessuna università forma per confrontarsi in queste situazioni con dei genitori che da felici, sono scaraventati in una bolla di assoluto sconforto silenzioso. Il silenzio del pianto di un neonato che non udiranno mai, il silenzio che gli si impone in un luogo sconosciuto. In quel momento donne-madri e uomini-padri, reagiscono in modi assolutamente differenti: l’uomo è portato all’azione, al reagire, al fare. Gli viene chiesto di essere di sostegno il più possibile alla sua donna che, nelle ore successive, viene spesso ricoverata per il parto. Immagina che, di fronte a lui, si snoderanno ore difficili fatte anche di telefonate ai parenti, risposte ai sanitari, lacrime. La mente maschile vuole soluzioni, vuole “cacciavite e bulloni” per risolvere il problema, pretende di aver qualcosa da fare di pratico perché la situazione si risolva, e invece deve attendere forzatamente: è lui che deve occuparsi degli altri figli, se ci sono, e dei parenti, che soffrono anch’essi. Poi c’è lei, la donna, una pancia che “da culla si è trasformata in una bara” - dicono in tante -, colei che dovrà mettere al mondo una creatura - a volte due - che per ragioni molto spesso sconosciute, l’ha abbandonata. Dalla diagnosi di morte passano a volte ore, ore che la donna trascorre spesso in un reparto adiacente a quello dove ci sono piante e palloncini, spesso nella medesima stanza con altre puerpere: il suo bambino nascerà privo di vita e lei tornerà a casa con il ventre gonfio ma vuoto, il seno gonfio e nessuna bocca che lo cerca per sfamarsi. Quando il parto avviene (il cesareo viene effettuato in caso di effettiva e urgente patologia) i sanitari dovrebbero lasciare che la coppia conosca il proprio bambino. Bisogna ricordare che il parto, ogni parto, è un momento importante: lo è sia che il bambino nasca vivo, sia che il bambino nasca morto. Ogni necessità legata al parto (che sia un taglio cesareo o un parto vaginale) dovrebbe essere ascoltata e i sanitari dovrebbero poter essere capaci di porre le giuste domande alla donna (a volte basta un semplice: “alcune mamme trovano un po’ di consolazione nel vedere e tenere in braccio per qualche minuto il bambino, ma non è così per tutte”), dovrebbero sostenerla in un travaglio il più possibile guidato in modo rispettoso sia nei confronti del dolore fisico, sia nei confronti del dolore psicologico. La coppia dovrebbe ricevere le comunicazioni principali da un numero ristrettissimo di persone e dovrebbe poter salutare il proprio bambino. Se la morte del bambino è piuttosto recente, dopo la sua nascita il corpo rimane caldo e morbido per qualche decina di minuti: il tempo per accarezzarlo, fotografarlo, ricavare le impronte dei piedini e delle manine oppure una ciocca di capelli. Un sanitario, se i genitori non hanno coraggio, potrebbe fare da tramite per conoscere il bambino, specialmente se la nascita non fosse a termine e le sembianze del bambino potessero essere non chiare. Preme ricordare che un bambino che nasce non è solo dei genitori, ma è anche dei fratelli, dei nonni e degli zii: ogni persona potrebbe aver bisogno di vedere e sfiorare la pelle di quella piccola creatura, ma è la coppia a dover decidere come vivere questo evento. Perdere un figlio è un evento potenzialmente distruttivo per ogni madre e per ogni padre: la coppia che si ritrova a perdere un bambino deve potersi rifugiare in se stessa. A vicenda sono richieste affidabilità, condivisione di valori, intimità, rispetto, comprensione, fiducia… ma l’evento occorso può realmente minare le basi di una relazione: non è raro che due persone si allontanino. Come non è raro che la coppia non abbia più figli. E allora? Ricostruirsi dopo che si è perso un figlio può essere triste, ma necessario se si desidera mantenere in piedi la famiglia. Ricominciare da quel momento si può, condividendo la propria consapevolezza con l’aiuto di altre madri ed altri padri che hanno vissuto un’esperienza simile. Non lasciarsi chiudere indurendo il proprio cuore potrebbe essere difficile, ma è possibile: questo vale per la donna (che deve potersi rifugiare in altre donne che l’accolgano in modo femminile) e per l’uomo (che abbisogna di un altro modo di consolarsi, poiché possiede una sensibilità differente). Per tale motivo la coppia dovrebbe non chiudersi, ma, al contrario, aprirsi a consolazioni adeguate, singolarmente e/o insieme: trovare conforto nel confronto con chi ci è passato, vivendo quel dolore senza dimenticarlo, per continuare ad amarsi reciprocamente.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/10/2018
3011/2022
Sant'Andrea

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

IL PASSO DECISIVO DEL TEATRO ELISEO

Il Popolo della Famiglia, senza essere un soggetto politico confessionale ma davvero aperto al contributo di tutte le persone di ogni fede e di buona volontà, dice basta alla stagione della delega ad altri e si presenterà a tutti gli appuntamenti elettorali prossimi venturi chiedendo il consenso sul proprio simbolo quale soggetto politico autonomo, con le radici affondate nelle ragioni della grande mobilitazione popolare del Family Day, tradita dai politici dei partiti tradizionali che pure dicevano di volerne rappresentare le istanze. Preso atto del tradimento, la risposta è la nascita e la diffusione sempre più massiccia su tutto il territorio nazionale del Popolo della Famiglia, che dal teatro Eliseo esce con una missione da compiere: raggiungere il milione di voti che darebbero rappresentanza parlamentare in tutti e due i rami del Parlamento al Pdf, oltre che in Comuni e Regioni. L’obiettivo è andare al governo del Paese. Come ha detto sempre Amato, in prospettiva essere una forza non del 3% ma del 30% ed oltre. Il passo decisivo, il primo passo, è stato avviato al teatro Eliseo di Roma. Chi c’era ha sentito soffiare un vento che faceva capire di essere presenti ad un avvenimento di portata storica.

Leggi tutto

Politica

Due anni dopo

Chi è interessato a dare continuità operativa alla mobilitazione avviata due anni fa, per uscire dalla dimensione di quella che sarà altrimenti una sconfitta continua, deve battersi politicamente sul territorio al fianco del Popolo della Famiglia. Un milione di voti alle elezioni politiche che si terranno tra qualche mese, dopo che avremo raccolto le centocinquantamila firme necessarie per presentarci in tutti e cento i collegi in cui il territorio nazionale è suddiviso dalla nuova legge elettorale (almeno 1.500 firme a collegio), rappresentano un traguardo assolutamente a portata di mano. Unisciti subito a noi diventando un tesserato del Pdf. L’iscrizione al Popolo della Famiglia costa 50 euro per il 2017 - liberi di fare donazioni superiori, chi versa almeno 500 euro è socio sostenitore e ottiene in regalo l’abbonamento annuale digitale al quotidiano La Croce - e si regolarizza con un bonifico al conto intestato a POPOLO DELLA FAMIGLIA che ha il seguente IBAN: IT88M0103003241000000354618 del Monte Paschi Siena, agenzia Roma 41. Si può in alternativa inviare un vaglia postale a POPOLO DELLA FAMIGLIA piazza del Gesù 47 00186 Roma. L’avvenuta iscrizione deve essere comunicata al sempre più decisivo coordinatore nazionale Nicola Di Matteo con una email a [email protected] che provvederà all’invio materiale della tessera).

Leggi tutto

Politica

E’ finito il tempo delle ambiguità

Le smentite le fa il tempo, che talvolta è così galantuomo da non passare neppure tardi: dopo appena un paio di giorni dalle elezioni che hanno sancito il trionfo del centrodestra in Sicilia comincia ad emergere la struttura di potere che aveva cementato i rapporti di forza della Trinacria in modo da condizionare l’esito elettorale. I cattolici ricevono un precoce ma severo monito.

Leggi tutto

Storie

In un attimo l’infinito di Carlotta Nobile

Ricordo che quando ero felice – scrive la giovane riandando all’infanzia – i miei fogli erano prevalentemente gialli. Quando ero triste arancioni. Non c’era così tanta differenza tra la mia gioia e il dolore. Solo un po’ di rosso in meno» (p.27). Il cancro ha messo alla prova queste parole mostrandole che gioia e dolore, nella sequela del Cristo Crocifisso, sono affratellati. Nella luce che promana dalla Croce c’è solo, come direbbe lei, «un po’ di rosso in meno».

Leggi tutto

Politica

Gli italiani ed il Ministero della Pace

Questa curiosa scelta ( ma molto significativa) risulta da un sondaggio commissionato dalla Comunità Papa Giovanni XXIII e realizzato da Demetra.

Leggi tutto

Chiesa

A 25 anni dal primo duro anatema alla mafia

Oggi la Chiesa agrigentina fa memoria del giubileo dalla visita di San Giovanni Paolo II. Arrivò e rimase nella Valle dei Templi l’8 e il 9 maggio 1993. Tutti ricordano monsignor Marini che tradisce una tensione stellare, alle spalle del roccioso pontefice slavo: oggi tutti i vescovi siciliani si ritroveranno alle 18:00 per una celebrazione eucaristica al Tempio della Concordia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano