Politica

di Mario Adinolfi

Il quadriennio di Donald Trump

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le elezioni di midterm del 6 novembre 2018 segnano un ulteriore tassello del mosaico di vittorie inattese targate Donald Trump. Non date retta a chi vi racconta le storielle su come i democratici siano in ripresa perché hanno ora la maggioranza alla Camera o hanno eletto la giovane socialista Ocasio Cortez o due deputate islamiche o il governatore gay del Colorado. Quelle sono, appunto, storielle. La Storia l’ha fatta Trump non solo mantenendo la maggioranza al Senato (perché la partita politica era tutta e solo sul Senato), ma ampliandola significativamente: ora non basterà più il McCain (pace all’anima sua) di turno che cambia bandiera per mettere a rischio la Casa Bianca. Ora al Senato non si muoverà foglia che Donald Trump non voglia, il tutto nonostante una campagna davvero ossessiva di tutti i media contro il presidente in carica, campagna che dura da un quadriennio, da quando cioè Trump decise di concorrere alle primarie repubblicane nel 2015 ottenendo l’ostilità immediata di tutti i giornali che lo chiamavano “the fool” (in sostanza “il buffone”) e lo accreditavano di una percentuale di consensi tra l’1% e il 2% della base repubblicana, che secondo loro sarebbe andata a votare in massa per Jeb Bush o per il giovane Rubio o per Romney. Trump li ha letteralmente fatti a pezzi, ha costretto l’establishment repubblicano a riconoscergli la nomination nell’estate 2016, poi ha sbaragliato la Clinton (e Obama) nel voto di due anni fa. Anche lì, nonostante tutti i sondaggi lo dessero per perdente e non ci fosse testata di lignaggio o rete televisiva (Fox esclusa) che non tifasse esplicitamente per i democratici.

Ma perché Trump vince sempre? Semplice. Perché gli americani gli credono. Agli americani non interessa proprio nulla delle ricette da avvocato intersex della Ocasio Cortez, dei nativi americani eletti, delle prime due donne islamiche diventate deputate, delle ricette economiche da soviet di Bernie Sanders e del governatore gay del Colorado. Questa è roba che funziona a New York, nella ricca Boston, a Los Angeles e nella liberal California. Ma l’America non è Washington, dove risiedono la maggior parte degli inviati dei giornali italiani, alcuni con l’attico a Manhattan e il loft a Beverly Hills, abituati a raccontare gli Usa come fa Giovanna Botteri per la Rai, senza mai muoversi dallo studio e sempre con un cromakey a far da finto sfondo. Se l’America la ami e la attraversi e parli con la cameriera che ti inonda di sciroppo d’acero i tuoi pancakes mattutini in un freddissimo cafè di Denver o con chi rivoltola alla griglia i tuoi hamburger in uno strano fast food di Philadelphia, se insomma ti metterai in sintonia con il proletariato quello vero, con i rednecks dell’Ohio e con le ispaniche che rifanno un milione di letti al giorno a Las Vegas parlando tra loro senza mai usare una parola d’inglese, ti accorgerai che Trump non solo ha vinto le elezioni di midterm, ma continuerà a vincere e otterrà facilmente il secondo mandato nel 2020.

Questa è la vera notizia che emerge dalle elezioni americane. Nonostante tutte le chiacchiere dei giornali sul “gradimento del presidente” e sulla presunta vittoria democratica nel midterm, la sola limpida verità è che se oggi si rivotasse per la presidenza, Trump sarebbe rieletto. Ha ottenuto il seggio senatoriale in tre Stati dove l’uscente era democratico e l’ha ottenuto lui, Trump in persona, andando a far campagna lì perché nel 2016 erano Stati che avevano votato per lui. E hanno continuato a farlo. Se questo trend si manterrà fino al 2020, visto anche che i democratici non hanno la più pallida idea su chi contrapporgli se non l’ipotesi del miliardario Bloomberg, per Trump sarà una rielezione comoda fino al 2024. Questa è la sola, unica, vera notizia che emerge dalle elezioni midterm del 6 aprile 2018.

Perché Trump vince? Semplice: la gente con lui al governo sta meglio. I provvedimenti incisivi sono stati pochi, ma con effetti monstre. Il Tax Cuts and Jobs Act del 2017 ha prodotto un colossale taglio di tasse per famiglie e imprese. Le famiglie si sono ritrovate improvvisamente più ricche, il salario minimo orario è salito a 15 dollari e moltissime grandi aziende hanno riconosciuto bonus da migliaia di dollari ai propri dipendenti. Il governo prevedeva una crescita del 3% e ora questa crescita è oltre il 4%, Wall Street ha macinato un record dopo l’altro, la disoccupazione è scesa a livelli statisticamente non rilevabili. Il 3% che viene assegnato è una quota non rilevante, negli Stati Uniti chiunque abbia seriamente voglia di lavorare, trova lavoro. I tecnici parlano unanimemente di condizione di “piena occupazione”. La politica dei dazi, l’uscita da accordi commerciali come quelli del Nafta, l’applicazione della dottrina “America First” ha prodotto un surplus del 9% della bilancia commerciale, con un’impennata delle esportazioni: ancora una volta gli esperti che dicevano che con la politica dei dazi gli Stati Uniti avrebbero subito ritorsioni che avrebbero pesato sulla bilancia commerciale, non avevano capito niente. Trump ha solo difeso i prodotti americani applicando condizioni di reciprocità dove subiva danni pesanti. In sostanza due anni di dottrina Trump hanno prodotto meno tasse, famiglie e imprese più ricche, crescita quadrupla rispetto a quella italiana, piena occupazione, impennata della produzione industriale e dell’export. E vi chiedete il perché Trump da quattro anni non perde mai?

In Italia il governo gialloverde ha fatto una finanziaria enorme da 36 miliardi, meramente elettorale e non strutturale, che mantiene i livelli di crescita attorno all’uno per cento e non incide sulla disoccupazione, che nel segmento giovanile è di molto superiore al 30%, con punte del 50% al Sud. Invece di rispondere con politiche miranti alla crescita, si è scelto di battere la strada dell’assistenza varando il reddito di cittadinanza. Il carico fiscale su famiglie e imprese resta invariato, mentre Trump ha operato tagli della pressione fiscale per 1.500 miliardi di dollari. Avete capito bene: 1.500 miliardi di dollari. L’operazione ha prodotto una impennata del deficit, come accade pure con la manovra economica gialloverde. La differenza è che le politiche trumpiane hanno generato anche un picco di crescita da economia cinese e dunque il rapporto debito/pil resta trenta punti inferiore rispetto a quello italiano.

Due anni di governo di Donald Trump hanno innescato un ciclo economico virtuoso (e tralascio l’operato sul piano dei temi etici, dal defund per le attività internazionali delle cliniche abortiste di Planned Parenthood, alle nomine di due giudici della Corte Suprema pro-life che modificheranno la giurisprudenza americana in materia per i prossimi decenni) che fa star meglio i cittadini americani. Che lo vogliono presidente nonostante ciò che dicono di lui tv e giornali di New York, di Washington e di Los Angeles. Perché l’America non è a New York, a Washington e a Los Angeles. Questo presidente che sarà ricordato per anomalia e grandezza alla stregua di Ronald Reagan, con i suoi enormi personali difetti e le sue bizzarrie, è in realtà uno dei più grandi statisti di cui gli Stati Uniti d’America abbiano potuto mai beneficiare. I litigiosi e imbarazzanti governanti italiani, sempre alla ricerca di un consenso da rincorrere con politiche viziose e non virtuose, prendano esempio e imparino qualcosa. Altrimenti con le sole chiacchiere a caro prezzo che hanno messo sul piatto non andranno lontani e saranno travolti, esattamente come è accaduto a coloro che li hanno preceduti. Le chiacchiere da selfie su instagram e da diretta Facebook non valgono nulla. Servono fatti e in Italia se ne sono visti pochi e quei pochi pure sbagliati. In America, tra i frizzi e i lazzi di chi crede di capire e invece capisce davvero poco, “the fool” da quattro anni partendo da uno striminzito 1% continua a vincere. Perché le elezioni del midterm americano hanno avuto un uomo solo al comando, la sua zazzera è di biondo tinta, il suo nome è Donald Trump.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/11/2018
0712/2022
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

IL PASSO DECISIVO DEL TEATRO ELISEO

Il Popolo della Famiglia, senza essere un soggetto politico confessionale ma davvero aperto al contributo di tutte le persone di ogni fede e di buona volontà, dice basta alla stagione della delega ad altri e si presenterà a tutti gli appuntamenti elettorali prossimi venturi chiedendo il consenso sul proprio simbolo quale soggetto politico autonomo, con le radici affondate nelle ragioni della grande mobilitazione popolare del Family Day, tradita dai politici dei partiti tradizionali che pure dicevano di volerne rappresentare le istanze. Preso atto del tradimento, la risposta è la nascita e la diffusione sempre più massiccia su tutto il territorio nazionale del Popolo della Famiglia, che dal teatro Eliseo esce con una missione da compiere: raggiungere il milione di voti che darebbero rappresentanza parlamentare in tutti e due i rami del Parlamento al Pdf, oltre che in Comuni e Regioni. L’obiettivo è andare al governo del Paese. Come ha detto sempre Amato, in prospettiva essere una forza non del 3% ma del 30% ed oltre. Il passo decisivo, il primo passo, è stato avviato al teatro Eliseo di Roma. Chi c’era ha sentito soffiare un vento che faceva capire di essere presenti ad un avvenimento di portata storica.

Leggi tutto

Politica

Il quadro politico e l’occasione unica

La sconfitta di Matteo Renzi al referendum del 4 dicembre 2016, vorrei dire anche l’iscrizione di Tiziano Renzi nel registro indagati con telefonino messo sotto controllo a partire dal 5 dicembre 2016 (che fa il paio con la decadenza di Silvio Berlusconi dalla carica di senatore che rende compiuto l’assalto della magistratura al leader il 27 novembre 2013), la tenuta del Movimento Cinque Stelle che si dimostra realtà non transitoria ma destinata a divenare una sorta di paradossale “partito rivoluzionario istituzionale” e soprattutto la sentenza della Corte Costituzionale del 25 gennaio 2017 che cancella il ballottaggio tra liste dalla legge elettorale nota come Italicum, disegnano un sistema politico ignoto ai più perché mai messo alla prova secondo i nuovi meccanismi. Sarà bene invece immaginarli e capirli in anticipo, per comprendere quanto fragorosa sia la novità e quanto sia unica (vorrei dire miracolosa) l’occasione concessa al Popolo della Famiglia, probabilmente ultima per una riorganizzazione in soggetto politico autonomo di quella moltitudine di italiani che hanno dimostrato il loro attaccamento ai principi non negoziabili in occasione della partecipazione massiccia ai Family Day del 2015 e del 2016.
Per costoro la legislatura che con ogni probabilità si chiuderà alla fine del 2017 è stata la vera e propria prova generale del disastro incipiente. In quattro anni un sistema politico reso improvvisamente molto fragile dal nuovo tripolarismo all’italiana, che ha trovato come risposta al grillismo quella piuttosto asfittica della collaborazione tra centrodestra e centrosinistra attuata in varie forme (larghe intese con tutti o quasi al governo, patto del Nazareno,

Leggi tutto

Società

Stupri di donne ed uomini lasciati soli

Come Mario Adinolfi ha recentemente sintetizzato spulciando i dati istat, in una classe di 25 ragazzi delle superiori statisticamente si trovano un consumatore abituale di cocaina, 2 consumatori di oppiacei o droghe sintetiche, 5 dediti alla cannabis e 7 soliti alle sbronze nei week end. Questi dati sono allarmanti e gravissimi e fotografano una realtà giovanile allo sfascio: un ragazzo annebbiato da droghe o alcool è facilmente coinvolgibile in risse, che poi finiscono sempre molto male, o può essere soggetto di violenze, se trascinato in gruppo, nonché mette a rischio la propria e altrui incolumità se si mette alla guida. Per non parlare dei danni diretti che fa alla propria salute.

Leggi tutto

Politica

Unioni civili sempre più come i matrimoni

Ora arrivano i permessi e le vacanze pagate: ulteriori e logici sviluppi dell’applicazione della legge della vergogna

Leggi tutto

Chiesa

Monsignor Jean-Claude Hollerich, arcivescovo di Lussemburgo, nuovo presidente della Comece

Monsignor Hollerich è un gesuita. Nel 1981 è entrato nella Compagnia di Gesù e ha seguito la formazione dei gesuiti della Provincia del Belgio meridionale e del Lussemburgo. Dopo il noviziato a Namur e due anni di tirocinio pastorale in Lussemburgo dal 1983 al 1985 come insegnante al liceo francese di Vauban, è partito per il Giappone dove ha fatto gli studi di lingua e cultura giapponese e ha ripreso lo studio della teologia all’Università Sophia di Tokyo dal 1985 al 1989. Ha terminato gli studi teologici a Francoforte sul Meno con la licenza. Il 21 aprile 1990 è stato ordinato presbitero per la Compagnia di Gesù. Ha passato lunghi anni in Giappone dove dal 1994 ha insegnato all’Università Sophia di Tokyo e dal 1999 è stato cappellano degli studenti della medesima Università. Il 18 ottobre 2002 ha emesso i voti perpetui nella chiesa di Sant’Ignazio a Tokyo. Inoltre, dal 2008 è stato rettore della comunità dei Gesuiti all’Università Sophia di Tokyo e vice-rettore del medesimo ateneo per gli affari generali e studenteschi.

Leggi tutto

Politica

Cambiamento

Il popolo della famiglia vuole dare una possibilità agli italiani che vogliono cambiare le cose, in quanto molti uomini di principio sono stati coinvolti. Non possiamo più permettere che a “vincere” siano sempre: l’incomprensione, la corruzione, l’odio e l’indifferenza. Oggi, è possibile guardare al bene comune con il cuore aperto senza se e senza ma.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano