Società

di Rachele Sagramoso

Se non ti piacciono i Down

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

A Rocco Casalino, il portavoce del presidente Conte, i vecchi e i down fanno schifo. Gli danno fastidio parimenti possa fare un ragno. E per capire meglio perché una persona possa compiere tale affermazione, io ho bisogno di saperne di più da chi sa di cosa si sta parlando. Partiamo, però, con un presupposto: la vita umana è molto di più di quanto la televisione ci faccia credere.

Quando togli all’uomo la dimensione fisica (e tutte le abilità connesse a questa) e mentale (e tutte le capacità connesse a questa), rimane la dimensione che ci differenzia dal resto del Creato, ovverosia l’anima. L’aver rimosso, nel mondo moderno, la dimensione legata all’anima, ha causato la possibilità che l’uomo non provi la speranza nell’amore (ovvero nella cura che gli altri possano avere di noi) e nel fatto che si possa essere amati comunque siano le nostre caratteristiche fisiche e mentali. Rocco Casalino, incarnando parte di questo pensiero – e torniamo a bomba – lo esprime a pieno: la vecchiaia (l’essere al termine di una vita e magari in condizioni considerate indignitose fatte di malattia, pelle vecchia, perdita del controllo fisico e mentale) e la disabilità (non corrispondere all’ideale di essere vivente sano), fanno schifo.

E la mamma di Emanuele, Chiara, lo sa bene cosa vuol dire incrociare quegli sguardi di chi pensa che il suo bambino non sia “normale”, non corrisponda a dei canoni di dignità. «Lui ha espresso bene cosa vive l’uomo di fronte a queste due situazioni: il doversi confrontare con queste, mette in luce la nostra debolezza e le temiamo tantissimo». Sì, perché quando siamo senza Dio e senza quella speranza che nasce dal fatto di sapere – anche se dovessimo mai essere soli (e il pensiero va ad Asia Bibi, ad esempio) – che Lui non ci abbandonerebbe mai, il terrore ci attanaglia perché siamo individui deboli. È la debolezza la spinta che ci pietrifica di fronte a certe situazioni (quelle ci ripugnano parimenti, come dice Casalino, a come ci ripugnano i ragni) e la non accettazione di questo slancio verso la profondità spirituale propria dell’essere umano - che ci fa abbandonare a Dio come si farebbe con la propria mamma - ci fa diventare freddi e animaleschi: il malato si sopprime, il mancamentato si nasconde.

Cosa rispondere allora a Casalino? Come alimentare in lui il dubbio che ciò che ha detto – con leggerezza e mancanza di tatto – possa essere non un punto di arrivo, ma un punto di partenza? «Affrontando la sua paura, la sua debolezza» - aggiunge Chiara - e incontrando chi gli incute questo terrore. La disabilità e la vecchiaia sono, infondo, delle autentiche provocazioni: minacciano realmente le nostre sicurezze, il nostro diritto all’autodeterminazione, il nostro bisogno di autorealizzazione. E la povertà d’animo, figlia di una cultura che non ci vuole dominatori del creato, ci parifica all’animale del quale si ha più pietà che nei confronti di chi è ritenuto disabile. Perdendo la dignità umana e racchiudendola in quelle tre/quattro caratteristiche fisiche e mentali che avviliscono l’animo umano, proviamo terrore se ipoteticamente pensiamo anche solo di esserne privati solo momentaneamente. Rispondiamo allora a Casalino che il suo terrore, il suo ribrezzo affonda in una sola motivazione «Tu sei senza Dio, perché se fosse il contrario, tu si sentiresti amato al di là di ogni caratteristica fisica o mentale: tu ti fideresti di Lui e sapresti di essere in relazione con qualcuno che ti ama e ti amerà per sempre. Come una dolce mamma» aggiunge Chiara. Pensiamo dunque al fatto che Casalino abbia allora una splendida opportunità, ovvero quella di relazionarsi con Dio attraverso chi si è già affidato a Lui, attraverso chi è già del tutto inerme di fronte alla vera dimensione dell’Amore. «Caro Rocco Casalino, non avere paura dell’amore. Non temere: se un giorno una macchina ti lasciasse sulla sedia a rotelle, nessuno ti abbandonerà. Quando sarai vecchio e avrai terrore del buio come un bambino, nessuno lascerà che una luce si spenga accanto a te» conclude Chiara. E da parte nostra un solo invito a Casalino: vai a conoscere le centinaia di persone delle quali hai paura. Vai a conoscere chi di loro si prende cura. E scoprirai l’amore. Quello vero.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/11/2018
0112/2022
Sant'Ansano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Come Stefano Parisi si trovò a metà del guado

Parisi è in fondo il simbolo del caos che regna nel centro-destra. Caos che ho l’impressione durerà a lungo. Troppo a lungo. Berlusconi incrocia le dita e spera che l’Italicum venga cambiato in nome di una legge elettorale di stampo proporzionalista. Con l’Italicum infatti il centro-destra sarebbe spazzato via del tutto e ridotto all’insignificanza politico-parlamentare: Renzi e Grillo si giocherebbero la partita elettorale senza altri rivali competitivi. Se vincesse il NO al Refendum (cosa per la quale Berlusconi accende un cerone al giorno) molto probabilmente si arriverà ad una legge elettorale basata sul proporzionale. Aldilà del fatto che Renzi rimanga o meno Presidente del Consiglio. Ma anche qui la vedo dura: il trio Belusconi-Salvini-Meloni non riesce a trovarsi d’accordo su nulla, Parisi non avrebbe alcuna autorevolezza per incidere nella triade. Come metti insieme una armata brancaleone così? Destinata a perdere ogni confronto.

Leggi tutto

Politica

Due anni dopo

Chi è interessato a dare continuità operativa alla mobilitazione avviata due anni fa, per uscire dalla dimensione di quella che sarà altrimenti una sconfitta continua, deve battersi politicamente sul territorio al fianco del Popolo della Famiglia. Un milione di voti alle elezioni politiche che si terranno tra qualche mese, dopo che avremo raccolto le centocinquantamila firme necessarie per presentarci in tutti e cento i collegi in cui il territorio nazionale è suddiviso dalla nuova legge elettorale (almeno 1.500 firme a collegio), rappresentano un traguardo assolutamente a portata di mano. Unisciti subito a noi diventando un tesserato del Pdf. L’iscrizione al Popolo della Famiglia costa 50 euro per il 2017 - liberi di fare donazioni superiori, chi versa almeno 500 euro è socio sostenitore e ottiene in regalo l’abbonamento annuale digitale al quotidiano La Croce - e si regolarizza con un bonifico al conto intestato a POPOLO DELLA FAMIGLIA che ha il seguente IBAN: IT88M0103003241000000354618 del Monte Paschi Siena, agenzia Roma 41. Si può in alternativa inviare un vaglia postale a POPOLO DELLA FAMIGLIA piazza del Gesù 47 00186 Roma. L’avvenuta iscrizione deve essere comunicata al sempre più decisivo coordinatore nazionale Nicola Di Matteo con una email a [email protected] che provvederà all’invio materiale della tessera).

Leggi tutto

Società

Partito il processo a Cappato: perderà comunque il diritto

L’esponente radicale gioca una carta win-win: o dentro o fuori sarà lui il vincitore morale del gioco

Leggi tutto

Politica

Voti Lega o Meloni? Eleggi Lupi e Costa

Se vuoi veramente far sentire la tua voce in Parlamento non cadere nel solito tranello pre-elettorale. Non dare il tuo voto ai soliti noti che promettono di tutelare la famiglia, i malati, la vita, i bambini. Non credere alla storia del voto utile per i partiti che sono già affermati da anni. Se veramente vuoi cambiare questa società alal deriva hai una sola possibilità il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Politica

Considerazioni sul voto del 4 Marzo

Chi è cosciente della responsabilità sa, come scrive il vescovo Suetta e i duecento sacerdoti firmatari dell’appello, che ora con il suo voto deve indicare “novità e discontinuità” con le politiche del passato. Questa novità, questa discontinuità, si chiama Popolo della Famiglia. Fai una croce sul nostro simbolo il prossimo 4 marzo, vota con gioia e con coscienza, avrai messo il tuo mattone per la costruzione di una casa comune valoriale di cui l’Italia ha bisogno.

Leggi tutto

Politica

Se il voto diviene la prospettiva

Un governo comunque serve per evitare l’aumento dell’Iva e presentarsi al Consiglio d’Europa di fine giugno senza essere canna al vento, perché le decisioni che saranno prese incideranno molto sull’Italia e non si può mandare a trattare il governo Gentiloni scaduto da mesi. Dunque avremo un nuovo premier, probabilmente donna, se Lega e M5S non dovessero improvvisamente scoprire di amarsi alla follia e proporre al Quirinale nelle prossimo ore una propria ipotesi di esecutivo politico. Francamente mi auguro che questo non accada.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano