Politica

di Raffaele Dicembrino

6 domande a Nicola Di Matteo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le elezioni europee si avvicinano a grandi passi ed è il momento di unirsi per cambiare l’Italia partendo proprio dal migliorare l’Europa.

Sono molte le domande che i nostri lettori, ma anche le persone che si incontrano quotidianamente ci pongono. Per dissipare dubbi ed ottenere risposte esaurienti le abbiamo girate a Nicola Di Matteo che si candida per il Popolo della Famiglia in Europa.

6 semplici domande che chiariranno le idee a molti!

1) Come risolvere il problema delle ONG e delle loro navi?

“Nel programma che abbiamo stilato per le Europee sosteniamo che serve più democrazia: un presidente della Commissione eletto direttamente dal popolo con tutta la Commissione, più poteri al Parlamento europeo, una governance europea che vada dalla politica estera comune all’esercito continentale, senza sfuggire alla questione centrale dell’immigrazione che potrà essere affrontata solo stracciando il trattato di Dublino. Come dice Papa Francesco, una immigrazione sostenibile è la sola che l’Europa può permettersi e l’Italia non può essere abbandonata a se stessa come paese

di prima accoglienza. Occorre riprendere un modello di flussi concordati che permetta agli immigrati di arrivare in ogni paese europeo secondo quote prestabilite non dando migliaia di euro a trafficanti di esseri umani rischiando la vita nel deserto o in mare, ma con un biglietto aereo e un contratto di lavoro. L’Italia ha già pagato un prezzo enorme ai flussi migratori incontrollati, ora non deve essere gettata di nuovo in pasto alle emergenze che di volta in volta si verificano” . È fondamentale puntare ad un flusso concordato per risolvere il problema immigrazione.

2) Nicola non ti sembra che molto media appoggino solo il pensiero democratico delle sinistre?

“Sicuramente i media non danno spazio ai valori ma soprattutto ad una politica che punta al cambiamento senza se e senza ma”.

3) Esiste in Italia un pericolo fascismo?

“Il fascismo è stata la più grande tragedia nazionale della storia italiana. Studiando sappiamo benissimo che Fascismo significa: leggi razziali, l’entrata in guerra con Hitler, ma soprattutto la cancellazione del diritto di opposizione in politica e nella società. Mussolini governò in dittatura senza che nessuno intervenne per molto tempo sino all’entrata in guerra dell’Italia con il conseguente dramma del secondo conflitto mondiale. Pericolo fascismo? Credo di no, parole soltanto parole…

4) La scuola diviene ogni giorno sempre più di difficile gestione. Che cosa proponi per arginare il fenomeno del bullismo?

“La strategia migliore per arginare il fenomeno del bullismo è attraverso un clima culturale, sociale ed emotivo in grado di scoraggiare sul nascere i comportamenti di prevaricazione e prepotenza. La scuola è il primo luogo di relazioni sociali per i bambini e, in virtù del suo ruolo educativo, ha la responsabilità di farsi portavoce di alcuni valori che possono aiutare a prevenire il bullismo, come promuovere la conoscenza reciproca, favorire l’autostima dei ragazzi, insegnare ad affrontare i conflitti invece di negarli, spiegare l’importanza del rispetto di regole di convivenza condivise.

Nel nostro programma infatti parliamo di “Un’Europa che abbia bisogno di essere anche pedagogica verso i suoi figli, senza abbandonarli a loro stessi, è la nostra idea di Europa”

5) Nel Popolo della Famiglia vi sono diverse realtà ed alcune differenze di pensiero (vedi fenomeno migranti) cosa tiene uniti i suoi esponenti?

“Ci tiene uniti il fatto che il popolo della famiglia è la vera speranza, unica alternativa. La speranza è discendente dell’amicizia nel senso più rigoroso del termine; solo gli amici sperano, solo dove c’è l’amicizia c’è speranza. Chi è completamente solo è disperato. Il futuro è solo timore quando è vuoto di amicizia e il presente, per colui che è pieno solo di se stesso, non ha prospettive. In questo senso sperare non è illusorio, ed è nell’amicizia che c’è impegno ed azione. E la nostra è vera amicizia che punta al vero cambiamento.

Continuiamo a scendere in campo in prima persona in difesa della vita, della famiglia e della libertà educativa con l’obiettivo di dare voce a chi voce non ne ha. Siamo chiamati ad essere operatori del vero cambiamento, oggi più che mai, dato che saremo presenti con il nostro simbolo alle elezioni europee del 26 maggio”.

6) Concludiamo con una domanda che divide gli italiani. L’Euro e’ una risorsa oppure un peso per il nostro Paese?

L’Euro è un fatto. Lega e M5S che volevano metterlo in discussione sono andati al governo e hanno dovuto scontrarsi con fatti. La discussione euro sì euro no è oziosa, è inutile.

Raffaele Dicembrino

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/05/2019
2302/2024
San Policarpo di Smime

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La fame di Ivan, paravento di una sconfitta politica

A proposito di due recenti apparizioni televisive del sottosegretario alle Riforme

Leggi tutto

Politica

LE COSE DA FARE PER IL POPOLO DELLA FAMIGLIA

La selezione dei nostri candidati alle amministrative nelle città importanti è già partita. Il segretario nazionale Gianfranco Amato ha presentato ufficialmente nella sua trasmissione su Popolo della Famiglia Tv (in onda anche sul digitale terrestre e sul canale 891 di Sky il lunedì alle 20) il grande Filippo Grigolini da cui ci aspettiamo un importante risultato nella sfida più appassionante del Nordest, quella per la carica di sindaco di Verona. A Crema presentiamo Luca Grossi, anche qui carichi di aspettative. Nei prossimi giorni Amato ufficializzerà le ulteriori candidature finché non copriremo tutto il territorio nazionale. Io personalmente mi occuperò di essere fisicamente presente anche nei comuni più piccoli per suscitare e sostenere liste del Popolo della Famiglia, ho già un calendario fitto di piccoli centri da scoprire da Riolo Terme venerdì a Borgomanero la settimana prossima e così via. Ovunque si voglia organizzare un’iniziativa con finalità di radicamento del Popolo della Famiglia io sono a disposizione basta scrivere a [email protected] e cercherò di farmi in quattro per arrivare.
Vorrei fosse chiaro a tutti: siamo alla prova decisiva, ci giocheremo molto del nostro percorso nei prossimi sei mesi e dobbiamo farci trovare assolutamente organizzati e pronti. Ripeto, un’occasione così non tornerà mai più. E dunque volare oooh, cantare oo-oo-oo-oh. Nel blu dipinto di blu del simbolo del Popolo della Famiglia, del manto di Maria che volga sempre il Suo sguardo benevolo su di noi.

Leggi tutto

Chiesa

La sussidiarietà nella Dottrina sociale della Chiesa

Il 18 maggio si terrà a Roma il secondo appuntamento della “Scuola di Dottrina sociale della Chiesa per dirigenti e iscritti del Popolo della Famiglia”. Oltre a Giovanni Marcotullio e Fabio Torriero, che parleranno rispettivamente di “Corretta laicità della politica” e “Comunicazione efficace dei principi non negoziabili”, Giuseppe Brienza terrà una relazione sul tema “L’articolazione sussidiaria del potere politico”, che qui anticipiamo in sintesi. L’incontro di questa settimana sarà seguito da altre tre sessioni con termine del corso 28 giugno

Leggi tutto

Politica

GLI IMPEGNI POLITICI DEL PDF ALLA RIPRESA

A ottobre si comincerà con le elezioni ad Ostia, municipio romano che con i suoi 231.723 abitanti sarebbe la tredicesima città d’Italia per popolazione, subito dopo Verona, territorio della periferia capitolina dominato dal M5S e dalle infiltrazioni mafiose, dove il governo municipale è stata sciolto due anni fa con decreto dell’esecutivo nazionale proprio per tali infiltrazioni. A novembre sarà la volta delle elezioni regionali in Sicilia e con questo si spiega il lavoro agostano del nostro coordinatore nazionale Nicola Di Matteo nell’Isola. Nei prossimi mesi si voterà poi per le regionali in Lombardia, dove il ruolo da protagonista è ovviamente svolto dal nostro segretario nazionale Gianfranco Amato, e probabilmente anche nel Lazio e in Friuli Venezia Giulia dove l’esperienza di governo a Cordenons con Lanfranco Lincetto vicesindaco ci fa ben sperare anche grazie al radicamento con Alessandro Cocco a Trieste e con i risultati ottenuti a Fontanafredda alle ultime amministrative.

Leggi tutto

Società

Anche Michela è stata uccisa dal porno

Come Tiziana Cantone, peggio di Tiziana Cantone: per la giovane barista di Porto Torres alla vergogna si è aggiunto anche l’esplicito ricatto, e se i suoi aguzzini devono ora vedersela con un’accusa
di tentata estorsione, a lei resta perfino meno. Emerge ancora una volta l’incapacità della società di raffrontarsi a una questione dalle profonde implicazioni etiche e morali: inermi di fronte al vuoto.

Leggi tutto

Società

I tre diritti violentati in Alfie Evans

Il diritto alla cura, il diritto del disabile innocente, il diritto e la tutela della famiglia: questi i tre grandi beni che il sistema giudiziario
inglese sta calpestando nel suo delirio di onnipotenza. A ben vedere si tratta di beni mutuamente coimplicati: lederne uno li lede tutti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano