Politica

di don Salvatore Lazzara

Siria: riapre l’ambasciata ungherese

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La notizia della riapertura dell’Ambasciata Ungherese in Siria, rientra nella mappa geopolitica che il presidente ungherese fin dalla sua elezione ha voluto realizzare, per riscoprire e valorizzare “le radici cristiane” dell’Europa, che nel corso dei secoli, hanno plasmato la cultura e l’identità del nostro continente in particolare e dell’Occidente in generale. Anche se oggi l’Occidente non si identifica più nel Cristianesimo come fondamento unitario della società, Orban ha compreso che senza questo “lievito”, l’Europa è perduta. Bisogna dirlo chiaramente: se ci troviamo in questa situazione di confusione, di vuoto, di secolarismo aggressivo, di laicismo persecutorio, di post umanesimo, di ideologie che esaltano la morte e ogni forma di disprezzo contro la vita in nome dei diritti personali, è dovuto al fatto che gradualmente questi concetti ideologici -presentati come valori che possono sembrare più moderni, a passo con i tempi-, cercano di creare una nuova società che esclude il suo perno fondamentale: il Cristianesimo. Perché l’Ungheria da molta attenzione alla Siria? Innanzitutto, il Cristianesimo si è sviluppato in quelle zone, e poi a Damasco, capitale storica della Siria, San Paolo è stato folgorato dal Signore proprio nella strada che portava nella città siriana, dove già era presente una piccola comunità cristiana rappresentata da Anania che prese in casa sua il futuro Apostolo delle genti e lo battezzò. Conosciamo tutti l’ardore missionario di San Paolo, il quale concluse la sua giornata terrena a Roma, morendo martire per il Signore che prima di convertirsi aveva perseguitato. Per chi ha visitato quelle terre, avverte ancora il profumo, il passaggio di questi grandi testimoni della fede, che in ogni tempo e in ogni luogo sono legati dal sangue che versano per Gesù. Il Cristianesimo, è stato messo a dura prova con le persecuzioni e il martirio. Ma da quelle parti non hanno indietreggiato, anzi, la violenza, la guerra e ogni forma di male compiuta contro di loro in odio alla fede, ha rafforzato la testimonianza a Cristo. Durante l’invasione dei gruppi terroristici, i miliziani avevano scritto sui muri dei villaggi e città conquistate, un avvertimento spaventoso: “Cristiani, se non andate via, vi ammazzeremo tutti”. Il giorno dopo accanto all’ammonimento, i terroristi hanno letto la risposta: “ci potete uccidere tutti, ma noi come il nostro Maestro, il terzo giorno risorgeremo”. Riaprire l’ambasciata a mio avviso, non è solo una “tattica politica”, ma ha delle motivazioni più profonde: si riconosce in quella terra martoriata, l’Origine di ciò che noi siamo, e senza questa Origine, rischiamo di essere senza radici e identità e quindi manipolabili alle nuove forme di dittatura che stanno cambiando il volto dell’Europa. Su questa lunghezza d’onda, Papa Francesco, parlando ai giovani universitari di Tokyo, ha ribadito: “sono preoccupato che si perdano le radici, la memoria. Le radici culturali, le radici storiche, le radici familiari, le radici umane. La via più adatta per trovare le radici, è incoraggiare i giovani a dialogare con gli anziani. Cosa deve fare un giovane? Ritrovare la memoria, cioè le radici, ma non tenerle nell’armadio, bensì farle dialogare con il presente, guardando al futuro. Quelle radici di fronte alla sfida del presente daranno frutti, domani fioriranno”.

Le critiche per la riapertura dell’ambasciata Ungherese, che addirittura hanno allarmato Bruxelles, sono la conferma a tutto ciò. Nel senso che i burocrati europei che cercano di modellare diversamente l’identità dell’Europa, intravedono nel gesto di Orban “una linea divergente, rispetto ai principali paesi UE”, che sono invece piegati ad altri tipi di interessi, giustificando il loro disappunto nelle affermazioni che mettono in crisi l’opinione pubblica: Orban riapre l’ambasciata in un paese guidato da un “regime autoritario”. Quindi come da copione si ripete la frase magica che per “aprire”, alla Siria è necessario il chance politico”, che deve portare alla “transizione democratica”, secondo delle regole scritte in un freddo ufficio dei palazzi del potere a miglia di chilometri di distanza dalla Siria. Dunque chi costruisce muri? Quando si cerca il cosiddetto “dialogo”, già hanno gli schemi pronti, e se non corrisponde ai desiderata, allora si chiude la discussione, incolpando gli altri di non voler accettare le proposte. O peggio, per colpire il politico o altre figure di primo piano, si approvano sanzioni che alla fine danneggiano il popolo, causando danni enormi. Quando dichiarano “lo facciamo per il bene della gente”, esattamente di quale bene si tratta, se non vengono aperte le porte della carità e dell’aiuto fraterno?
Diciamolo chiaramente: l’esportazione della democrazia occidentale, in quelle nazioni, non funziona. Come per l’Occidente anche quei popoli hanno diritto di autodeterminarsi, di scegliere in base alla loro cultura e religione, la forma migliore in cui esprimersi.

Perché arrivano questi ditkart? L’Unione Europea è una Comunità di Popoli (così come è stata concepita dai padri fondatori), dove la cultura delle singole nazioni è un arricchimento piuttosto che un problema; oppure una dittatura dove bisogna eseguire gli ordini dei piani alti, annullando le decisioni degli stati? Detto questo, credo che non si tratti di “conservatorismo”, oppure di “tradizionalismo”, di “oscurantismo medievale”, di “spettro di fascimi e nazismi” o peggio di “nazionalismi sovranisti”, ma di una presa di coscienza netta e decisa di quanto i Pontefici San Giovanni Palo II, Benedetto XVI ed infine Francesco hanno ripetuto: “fino a quando l’Europa non riconoscerà le sue radici, e non si vergognerà della sua identità, correrà inesorabilmente verso il precipizio nero della distruzione. Chi confonde la questione religiosa con la fede che permea la vita culturale della società, e la contrappone alla laicità (o peggio al laicismo), commette una grave manipolazione delle coscienze e non serve la Verità e la Libertà. Qui non si tratta di nostalgia per le crociate, e nemmeno di immaginare un altro impero cristiano, ma semplicemente rafforzare, e dare vigore alla luce della fede cristiana alla nostra società stanca, smarrita, bisognosa di valori e punti di riferimento certi e non ambigui. La dimostrazione plastica di ciò è l’adesione di tanti giovani europei ai gruppi terroristici che hanno combattuto e combattono in Medio Oriente. Il fascino mortifero della proposta integralista, la disciplina, il morire per un ideale, la ricompensa, suscitano nel deserto della coscienza vuota di valori relativizzati, un’adesione pressoché impressionante. E’ l’abbaglio pericoloso a cui si è sottoposti, quando non ci sono certezze e non si rimane saldi nei principi fondamentali. I giovani come gli adulti, non hanno bisogno di aderire a valori negoziabili e relativi, che soddisfano l’ego, le emozioni, le esperienze effimere che prima o poi finiscono lasciando incolmabili radure da riempire. Anche se ci confrontiamo in un contesto di auto esaltazione, di falsa libertà di scelta in base ai desideri soggettivi, il richiamo naturale a realizzarsi in pienezza come uomini, è l’aspirazione a cui tende ogni persona. In tale cornice è possibile intravedere la lotta biblica tra il bene e il male, tra il peccato e la grazia, tra Dio e il demonio. L’identità cristiana forte, chiara, indirizza all’accoglienza, all’integrazione, all’armonia tra i popoli e le religioni. Al contrario quando si ideologizza tutto ciò, si crea la società in cui viviamo, in cui i vuoti costruiti, vengono riempiti dai surrogati culturali e religiosi che scatenano i conflitti. La prova più lampante di tutto ciò è il totale silenzio mediatico sul Forum “for Christian communicators” tenuto nei gironi scorsi a Budapest. All’incontro di altissimo livello, hanno partecipato tantissime personalità, che hanno illustrato lo stato pietoso verso cui si incammina l’Europa. Quali altri paesi avranno un sussulto per guardare serenamente in faccia la realtà e prendere le giuste decisioni?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/09/2019
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Siamo alla terza guerra mondiale

Solo Papa Francesco con una sottovalutata profezia il 18 agosto 2014 aveva spiegato tutto. Il re giordano muove l’esercito e tutto precipita

Leggi tutto

Società

Bloccare per legge i siti porno

Thérèse Hargot nel suo “Una gioventù sessualmente liberata (o quasi)” spiega i danni che l’industria della pornografia produce sui nostri figli. Già nella pre-adolescenza grazie al consumo gratuito via web l’immaginario sessuale dei nostri figli si forma su stereotipi dettati da quell’industria

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia ed il voto

Il riepilogo dei risultati del 2016 ci ricorda che abbiamo superato lo sbarramento solo a Cordenons. L’obiettivo di queste elezioni del 2017 per il Popolo della Famiglia è intanto quello di superare lo sbarramento in più di un comune, oltre a quello di raddoppiare almeno la media nazionale del nostro consenso. Avere un Pdf che possa contare su altri eletti nelle amministrazioni locali, con una percentuale di voto nazionale oscillante tra il 2% e il 3% sarebbe un ottimo viatico per lo sforzo finale in vista delle politiche. In termini assoluti ai 52.824 voti raccolti dai candidati sindaco del Popolo della Famiglia nel 2016, ne vorremmo aggiungere altrettanti nonostante i votanti di questa tornata siano molti di meno e sia prevista anche un affluenza non altissima. Ma lo sforzo delle nostre candidate sindaco donne come Lucianella Presta e Manuela Ponti, dei nostri candidati sindaco brillanti come Lorenzo Damiano e Luca Grossi, come Maurizio Schininà e Mirko Ghirlanda, come Zecchinato Gallo e Pietro Marcazzan sarà premiato oltre le attese. Altri cinquantamila voti significherebbe avere costruito una forza politica che può contare, sugli appena 35 comuni in cui ha testato la propria presenza, su centomila simpatizzanti. Vi

Leggi tutto

Storie

LGBT, come ti “proteggo” l’abusato

La Yorkshire Mesmac è ufficialmente un’associazione filantropica del terziario dedicata alla protezione di quanti hanno subito violenze sessuali e/o hanno contratto malattie sessualmente trasmissibili. Il caso scoppia perché viene fuori che la policy dell’associazione non sa dire una parola chiara sui rapporti sessuali tra i propri volontari e i propri utenti. Insomma, in tempo di guerra…

Leggi tutto

Politica

Almeno si vergognino un po’

Noi siamo e saremo in campo. Con la determinazione e la serenità che ci contraddistinguono da anni. E se dovessi di nuovo incontrarti per caso, caro Massimo, sapendo che tu non verrai a salutarmi, lo farò io. Tra fratelli mi dicono si debba fare così. L’ultima volta che l’ho fatto il “vice” ti ha fatto scrivere un surreale comunicato in cui ti sei un po’ pateticamente dovuto giustificare per avermi salutato, specificando che era un saluto senza significato politico. Ora si capisce ancora meglio il perché di quel ridicolo comunicato e da quali interessi precisi (e paure di perdere l’agognata poltrona) fosse mosso. Spero che almeno, ora, a gioco scoperto, ti vergognerai un po’.

Leggi tutto

Società

Andrebbero processati i circoli Mario Mieli

Silvana De Mari è a processo per diffamazione – visto che non esiste ancora il reato di “istigazione all’odio omofobico” – e la parte lesa sarebbe il circolo Mario Mieli di Roma. Una rapida scorsa dei testi dell’omosessualista cui è intestato il circolo dovrebbe però bastare a giudicare chi veramente non dovrebbe avere diritto di cittadinanza in un Paese civile.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano