Storie

di Alessandra Trigila

IL POPOLO DELLA FAMIGLIA PELLEGRINO SULLA VIA FRANCIGENA

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Il Popolo della Famiglia, si è messo in cammino nel marzo del 2016, da quel momento centinaia e poi migliaia di persone si sono alzate in piedi, e si sono mosse, mettendosi sulle spalle il peso di ciò che in questa nostra civiltà stanca e devitalizzata si sta perdendo: l’essenziale. “Fai il meglio che puoi con quello che hai” è un po’ quello che ognuno si è proposto di mettere in pratica, del resto, non c’erano alternative. È stato l’inzio di un viaggio durante il quale si stanno tracciando nuove strade, in verità sul solco di antichi sentieri, che sembravano dimenticati. E allora ho pensato, perchè non metterci un paio di scarpe adatte, perchè non buttarci sulle spalle uno zaino, con dentro, appunto l’essenziale e non ripercorrerli concretamente quei sentieri, e una volta deciso, su quale strada? Direi la via Francigena, l’antica via medioevale percorsa dai pellegrini provenienti da ogni parte Europa e diretti al cuore della Cristianità. Il cammino parte da Canterbury e arriva a Roma. In Italia l’antica via attraversa sette regioni, Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Liguria, Toscana, Lazio, e 140 Comuni, per un totale di 45 tappe. Dal Colle del Gran San Bernardo, porta di accesso alle nostre Alpi, e poi dall’Appennino Tosco-Emiliano e attraverso il Passo della Cisa, il percorso scende verso Massa per prendere la direzione della costa fino a Roma.. Roma.. ripetiamolo questo nome: è importante. Incontreremo, camminando, le radici della nostra Italia, e dell’Europa, incontreremo l’eredità e le tracce di chi, con il lavoro e la preghiera, l’ha fondata questa nostra Europa. Ricordiamoci che la bandiera dell’Unione Europea ha 12 stelle!

Perchè proporre un cammino? Certamente per la sua valenza simbolica, perchè la vita di ciascuno di noi è un viaggio, perchè camminare ci ricollega alle categorie dello spazio e del tempo, cadenzate dai nostri passi, un piede davanti all’altro una tappa dopo l’altra. Perchè camminare ci costringe ad essere concentrati, a guardare dove mettiamo i piedi e induce inevitabilmente una trasformazione interiore nel viandante. Il viaggio è metafora della nostra esistenza e durante il percorso è sempre la nostra anima che andiamo cercando.

L’idea è quindi quella di un Popolo della Famiglia che si muove, che si incontra, che cammina insieme, e che, da una tappa all’altra, passa il testimone a chi questo viaggio proseguirà. In questi giorni si parla tanto d’ambiente e tanto a sproposito. L’ambiente non è un concetto astratto, ma il posto che ci è prossimo, che conosciamo perchè lo abitiamo e lo percorriamo. E inoltrandoci in esso possiamo meglio osservare ciò che abbiamo intorno e quindi imparare a portare rispetto e considerazione per il creato. Questa è l’idea di base da cui partire e sulla quale lavorare per l’organizzazione che riterremo più valida e fattibile.

Non dimentichiamo che la via prosegue verso sud fino a Santa Maria di Leuca in un percorso in cui l’Occidente e l’Oriente si uniscono. L’Italia diventa una finestra aperta sul Mediterraneo e verso Gerusalemme per i camminatori di tutto il mondo che da Canterbury in Inghilterra potranno raggiungere le nostre coste pugliesi camminando su un unico itinerario, la Via Francigena, appunto, e imbarcarsi poi verso la Terra Santa, che nel passato fu il leggendario, lontanissimo “outremer” meta agognata di pellegrini, soldati e avventurieri.. e delle donne che divisero con loro un incerto destino!

Venerdì 18 ottobre 2019 è in programma l’Assemblea Generale dell’Associazione Europea delle Vie Francigene. L’importante appuntamento associativo si svolge a Bari in Puglia, terra della Via Francigena del Sud e riunisce i rappresentati dei quattro Paesi attraversati dall’itinerario europeo: Inghilterra, Francia, Svizzera, Italia. All’incontro prenderà parte anche il sindaco di Canterbury, Robert Thomas.

Ci ritroveremo su queste pagine per le notizie e le comunicazioni aggiornate sull’organizzazione del cammino, in programma per la prossima primavera.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

04/10/2019
1705/2021
San Pasquale Baylon

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Grideranno i ragazzi

Il quotidiano la Repubblica dona una pagina a Monica Corinna’ e lei ci prospetta il suo mondo futuro. Un mondo voluto da minoranze e creato a colpi di fiducia parlamentare. Fortunatamente esiste il Popolo della Famiglia e vi sono i referendum abrogativi!

Leggi tutto

Politica

Le ragioni di un popolo che si è messo in cammino

Lunga intervista in presa diretta con il direttore del nostro quotidiano, nella veste politica di fondatore e presidente del Popolo della Famiglia: a porgli le domande e raccogliere le risposte è Paul Freeman, il coordinatore dell’Associazione Culturale Cattolica Zammeru Maskil, editrice del noto sito “ilcattolico.it”. La conversazione spazia dalle motivazioni che hanno portato alla fondazione del movimento politico alle ragioni che ne suggeriscono il suo assetto attuale. Il PdF si rifà a un’eredità politica e culturale in cui l’era del personalismo dei leader era ancora di là da venire.

Leggi tutto

Politica

Un congresso che va difeso, non sostenuto

Il PDF lamenta alcune scelte concernenti l’evento veronese. Gli organizzatori del WCF2019 stanno pagando lo scotto per aver liberamente esposto la manifestazione su un piano politico che non le è connaturale

Leggi tutto

Politica

Ribaltare l’uso delle risorse

Il reddito di cittadinanza è stato un provvedimento del governo gialloverde, il Conte Uno, fortemente voluto come provvedimento bandiera dall’allora ministro per lo Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, che andò addirittura da Bruno Vespa ad annunciare agli italiani “l’abolizione della povertà”. Sul videowall di Porta a Porta mentre il capo politico del Movimento Cinque Stelle garrulo pronunciava quella grottesca frase campeggiava la scritta: “780 euro a cinque milioni di italiani”. In realtà era poco più della metà a meno di un milione di persone

Leggi tutto

Politica

I risultati del Popolo della Famiglia

Tutti i numeri del Pdf alle amministrative del 5 giugno

Leggi tutto

Politica

GLI IMPEGNI POLITICI DEL PDF ALLA RIPRESA

A ottobre si comincerà con le elezioni ad Ostia, municipio romano che con i suoi 231.723 abitanti sarebbe la tredicesima città d’Italia per popolazione, subito dopo Verona, territorio della periferia capitolina dominato dal M5S e dalle infiltrazioni mafiose, dove il governo municipale è stata sciolto due anni fa con decreto dell’esecutivo nazionale proprio per tali infiltrazioni. A novembre sarà la volta delle elezioni regionali in Sicilia e con questo si spiega il lavoro agostano del nostro coordinatore nazionale Nicola Di Matteo nell’Isola. Nei prossimi mesi si voterà poi per le regionali in Lombardia, dove il ruolo da protagonista è ovviamente svolto dal nostro segretario nazionale Gianfranco Amato, e probabilmente anche nel Lazio e in Friuli Venezia Giulia dove l’esperienza di governo a Cordenons con Lanfranco Lincetto vicesindaco ci fa ben sperare anche grazie al radicamento con Alessandro Cocco a Trieste e con i risultati ottenuti a Fontanafredda alle ultime amministrative.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano