Società

di Giampaolo Centofanti

Che succede?

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Viviamo un tempo in cui larga parte dell’informazione è in mano a pochi. La gente è stata spogliata, fin dalla scuola, della propria personale e comunitaria ricerca spirituale e dunque anche di un incontro autentico e non omologante con le altre filosofie e religioni. E’ stata spogliata dei propri risparmi, con i quali si sono pagati i danni causati dalla finanza al potere. E nella crisi susseguente è stata privata del lavoro. Completamente in balia del potere. Eppure una parte della popolazione ancora beve le informazioni che questo sistema fa circolare. Sembra che alcuni scienziati abbiano riscontrato che il coronavirus è un prodotto di laboratorio. Si direbbe che questa drammatica pandemia giovi agli apparati di cui sopra. Ormai gli scambi interumani avvengono solo attraverso i media. Si fa strada una pericolosa tendenza a togliere la parola in nome di un qualcosa determinato dai soliti pochi. Tendenze a silenziare le critiche alle misure antipandemiche. Tendenze a silenziare il non politicamente corretto. Si leggono sui giornali critiche a chi dà voce alle minoranze perché essendo minoranze non devono essere aiutate ad esprimersi. Ma la democrazia non vorrebbe che anche un singolo cittadino possa dire la propria? Poi sarà ciascuno, sentite le diverse voci, a farsi la propria opinione. Il potere decide in molti casi e a molti livelli senza dover rendere conto a nessuno. Oltre ad arrogarsi sfacciatamente il titolo di competenze anche culturali che la situazione descritta commenta da sola. Mentre la gente non ha titoli per esprimersi. Li ha, anche contro la legge, quando le sue obiezioni sono a favore dell’oligarchia. La possibilità di svolgere regolari elezioni è a rischio… In tale situazione il malessere del popolo può venire usato da gruppi che ambiscono a niente altro che a sostituirsi a quelli dominanti per agire poi allo stesso modo. Bisogna in ogni modo cercare di sviluppare un’autentica democrazia. Intanto per sconfiggere il virus c’è da chiedersi se non bisogna mandare al potere le forze oggi antisistema. Ma perché il sistema non inglobi ogni potere come spesso riesce a fare bisogna dare potere, prima di tutto nella formazione e nell’informazione, al suo unico legittimo detentore: il popolo non inteso come massa informe ma come persone ciascuna libera di scegliere, a partire dai decisivi campi menzionati.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

24/04/2020
0605/2021
San Lucio di Cirene

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Andrebbero processati i circoli Mario Mieli

Silvana De Mari è a processo per diffamazione – visto che non esiste ancora il reato di “istigazione all’odio omofobico” – e la parte lesa sarebbe il circolo Mario Mieli di Roma. Una rapida scorsa dei testi dell’omosessualista cui è intestato il circolo dovrebbe però bastare a giudicare chi veramente non dovrebbe avere diritto di cittadinanza in un Paese civile.

Leggi tutto

Media

Come si fa a giudicare la santità in tribunale?

Abbiamo incontrato Lodovica Maria Zanet, che oltre a essere un’autrice di libri di materia teologica e spirituale e una docente presso l’università salesiana di Torino, è pure una “postulatrice”, ossia uno degli attori principali dei processi per le “cause dei santi”. A lei dunque non potevamo che porre molte domande su come “si fanno” i santi (e anche su come non si fanno).

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: stop agli idoli, bisogna pregare Dio

Papa Francesco, nonostante una caldissima giornata romana, ha ripreso l’appuntamento con l’udienza generale del mercoledi. Dopo la sosta programmata a Luglio il Pontefice sarà nuovamente presente, tutti i mercoledi, per l’abbraccio con i fedeli. L’appuntamento odierno ha riguardato i Comandamenti e specificatamente il Vescovo di Roma ha approfondito io tema dell’idolatria “non avrai altri dei difronte a me”.

Leggi tutto

Società

La povera famiglia italiana

I dati Istat certificano che le famiglie sono sempre più lasciate sole, in Italia e in Europa: una su quattro vive un forte disagio economico

Leggi tutto

Chiesa

Quer pasticciaccio brutto de li castighi divini

Nelle parole del saggio Benedetto c’è calore umano, c’è il mistero del dolore innocente associato, in maniera altrettanto misteriosa, alla Croce di Cristo. Su tutto regna la fiducia nella costitutiva bontà di Dio, un Padre buono che ama i propri figli. Una sola cosa non c’è nella risposta di papa Benedetto: un sistema di risposte a tutto, una FAQ teologica a misura della ragione umana. Ci sono invece appelli alla meditazione, inviti alla preghiera. Pregare, ce lo dice l’etimologia, implica il riconoscimento della propria precarietà: è un’esortazione ad affidarsi, atto antipelagiano per eccellenza.

Leggi tutto

Società

I Millennials lo fanno, si ma senza un perchè

Tanta “informazione” si perde alla fine nel bicchiere di progetti astrusi che non guardano alle domande dei ragazzi

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano