Società

di Giampaolo Centofanti

Che succede?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Viviamo un tempo in cui larga parte dell’informazione è in mano a pochi. La gente è stata spogliata, fin dalla scuola, della propria personale e comunitaria ricerca spirituale e dunque anche di un incontro autentico e non omologante con le altre filosofie e religioni. E’ stata spogliata dei propri risparmi, con i quali si sono pagati i danni causati dalla finanza al potere. E nella crisi susseguente è stata privata del lavoro. Completamente in balia del potere. Eppure una parte della popolazione ancora beve le informazioni che questo sistema fa circolare. Sembra che alcuni scienziati abbiano riscontrato che il coronavirus è un prodotto di laboratorio. Si direbbe che questa drammatica pandemia giovi agli apparati di cui sopra. Ormai gli scambi interumani avvengono solo attraverso i media. Si fa strada una pericolosa tendenza a togliere la parola in nome di un qualcosa determinato dai soliti pochi. Tendenze a silenziare le critiche alle misure antipandemiche. Tendenze a silenziare il non politicamente corretto. Si leggono sui giornali critiche a chi dà voce alle minoranze perché essendo minoranze non devono essere aiutate ad esprimersi. Ma la democrazia non vorrebbe che anche un singolo cittadino possa dire la propria? Poi sarà ciascuno, sentite le diverse voci, a farsi la propria opinione. Il potere decide in molti casi e a molti livelli senza dover rendere conto a nessuno. Oltre ad arrogarsi sfacciatamente il titolo di competenze anche culturali che la situazione descritta commenta da sola. Mentre la gente non ha titoli per esprimersi. Li ha, anche contro la legge, quando le sue obiezioni sono a favore dell’oligarchia. La possibilità di svolgere regolari elezioni è a rischio… In tale situazione il malessere del popolo può venire usato da gruppi che ambiscono a niente altro che a sostituirsi a quelli dominanti per agire poi allo stesso modo. Bisogna in ogni modo cercare di sviluppare un’autentica democrazia. Intanto per sconfiggere il virus c’è da chiedersi se non bisogna mandare al potere le forze oggi antisistema. Ma perché il sistema non inglobi ogni potere come spesso riesce a fare bisogna dare potere, prima di tutto nella formazione e nell’informazione, al suo unico legittimo detentore: il popolo non inteso come massa informe ma come persone ciascuna libera di scegliere, a partire dai decisivi campi menzionati.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/04/2020
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Viaggio Apostolico in Canada: incontro con le popolazioni indigene

Papa Francesco è ad Edmonton. Oggi due eventi all’insegna del riconoscimento dei dolori inflitti dalla colonizzazione ai popoli indigeni

Leggi tutto

Società

Bambini con HIV e terapie salvavita

A livello globale, solo la metà (il 52%) dei bambini che vivono con l’HIV riceve terapie salvavita, molto indietro rispetto agli adulti, i tre quarti dei quali (ovvero il 76%) ricevono antiretrovirali

Leggi tutto

Storie

UNICEF: quasi 1.000 bambini uccisi o feriti nella guerra in Ucraina

“Almeno 972 bambini in Ucraina sono stati uccisi o feriti dalla violenza da quando la guerra si è intensificata quasi sei mesi fa, una media di oltre cinque bambini uccisi o feriti ogni giorno. E queste sono solo le cifre che le Nazioni Unite hanno potuto verificare. Crediamo che il numero reale sia molto più alto”. È la denuncia lanciata oggi, 22 agosto, dal direttore generale dell’UNICEF, Catherine Russell.

Leggi tutto

Politica

SUD SUDAN - “Proteggete i rifugiati”

La comunità internazionale rappresentata dall’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, dovrebbe prendere atto dei politici che si recano nei campi per imbrogliare i rifugiati” afferma Sua Ecc. Mons. Alex Lodiong Vescovo di Yei in Sud Sudan, lanciando un appello alle autorità di Kampala e alle organizzazioni internazionali perché proteggano da illecite interferenze i rifugiati sud sudanesi accolti in Uganda.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: la guerra sta diventando totale

L’accorato appello di Francesco nel discorso alla Pontificia Accademia delle Scienze

Leggi tutto

Società

Messico - Fake news per far legalizzare l’aborto

Marta Lamas, una delle fondatrici del Gruppo per l’informazione sulla riproduzione elettiva (GIRE) ha confessato candidamente il fatto di aver manipolato i dati: “A quel tempo, ricordo, noi donne dicevamo ‘100.000 donne sono morte per gli aborti clandestini.’ Ma come sappiamo in quel periodo erano morte 100.000 persone per tutte le malattie. Abbiamo gonfiato le cifre”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano