Società

di Daniela Baldanza

Un’esperienza di scienza e di fede

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sul rapporto tra scienza e fede è stato versato molto inchiostro sin dall’antichità, attraverso contributi spesso autorevoli è stato forse detto tutto e il contrario di tutto, ma una cosa che ho imparato nella mia esperienza di insegnante e di genitore è che alle proprie domande non bastano mai le risposte degli altri e che ognuno ha bisogno di trovare le proprie.

Nel corso degli studi avevo attinto dai manuali un’idea di scienza come qualcosa di oggettivo, verificabile, cumulativo, empiricamente fondato, definitivo, capace di descrivere e prevedere l’evoluzione dei fenomeni; questa è infatti l’idea che generalmente se ne ricava a partire da una conoscenza di tipo manualistico. Su questo tipo di percezione si fonda una sorta di diffuso culto idolatrico della scienza e la tendenza a contrapporla alle verità di fede, considerate infondate, dogmatiche, relativisticamente alternative tra loro, spesso disprezzate come credenze frutto di ingenuità e ignoranza o come forme di superstizione.
Ricordo bene, infatti, quale fosse in proposito la mia idea al riguardo nella mia ingenuità adolescenziale: immaginavo che nella sua marcia trionfale di conquista progressiva della verità la scienza avrebbe soppiantato non solo le religioni, che per le ragioni che ho elencato consideravo forme inferiori di conoscenza, ma anche la filosofia. Essa, infatti, basandosi sulla speculazione, mi appariva come uno sforzo velleitario, una forma di conoscenza inconsistente e soggettiva che mi mostrava, attraverso posizioni alternative e talora antitetiche tra diversi pensatori, un volto arbitrario, dialetticamente confutabile ed empiricamente falsificabile; osservavo infatti ad esempio che la cosmologia di antichi pensatori veniva spazzata via da successive evidenze scientifiche. Nemmeno imbattermi nella filosofia popperiana - che pure sarebbe stata in grado di assestare un bel colpo alla concezione idolatrica che avevo della scienza - mi fu sufficiente a ricollocare la conoscenza scientifica nell’ambito di una prospettiva più realistica circa la sua natura e circa i suoi limiti.
Al termine del mio corso di laurea di carattere tecnico - scientifico il successivo studio della storia della scienza e della filosofia della scienza e i conseguenti approfondimenti di carattere epistemologico mi dischiusero una visione che fino a quel momento mi era stata ignota circa la natura della scienza e del progresso scientifico; in questo senso la lettura del saggio di Thomas Kuhn “La Struttura delle Rivoluzioni Scientifiche” fu per me tanto sconcertante quanto rivelatrice.
Nel suo saggio Kuhn esordisce paragonando l’immagine della scienza desunta dai manuali a quella della cultura di un popolo desunta da un opuscolo turistico o da una grammatica della lingua, denunciandone la diffusa percezione riduttiva e distorta come premessa per una riflessione di carattere epistemologico. Successivamente egli infatti, attraverso l’analisi storica di alcune significative fasi del progresso scientifico, ne mostra la natura essenzialmente non cumulativa: la scienza non procede cioè in modo lineare ma con forti discontinuità, alternando fasi di “scienza normale” e fasi di crisi e successive rivoluzioni che sfociano in un cambio di paradigma, un processo rispetto al quale Kuhn istituisce un’analogia con la rivoluzione necessaria a rovesciare un regime politico e instaurarne uno nuovo. La concezione kuhniana della scienza è quella di un percorso accidentato in cui il pregresso può essere messo in discussione e talora abbandonato definitivamente, capace di fornire risposte provvisorie, la cui validità è limitata dalla possibilità che la fenomenologia manifesti delle anomalie che mettano in crisi il vecchio paradigma ponendo l’esigenza di abbandonarlo e di adottarne uno nuovo. Un banalissimo esempio di questo meccanismo è storicamente quello dell’osservazione della produzione di energia termica per frizione, un’evidenza fenomenologica incompatibile con il modello descrittivo dei fenomeni termici basato sul fluido calorico, che determinò la necessità di abbandonare definitivamente quel modello ponendo al tempo stesso le basi per elaborarne uno nuovo di tipo cinetico.
In quest’ottica mi impressionò molto anche la lettura di alcuni classici della scienza: attraverso di essi vedevo i grandi protagonisti della storia della fisica confessare talora lo smarrimento davanti ad evidenze sperimentali che contraddicevano le premesse su cui avevano fondato la loro precedente attività di ricerca; si sentivano mancare letteralmente il terreno sotto i piedi mentre cercavano un nuovo appiglio su cui poter fondare le successive ricerche e in questo modo mi mostravano un volto inedito, più umano, come se il loro percorso fosse un sofferto brancolare nel buio privo di certezze.
Per queste ragioni la filosofia kuhniana fu duramente accusata di offrire un’immagine eccessivamente relativistica della scienza; a me tuttavia ha offerto l’opportunità di un sano ridimensionamento dell’idea che me ne ero fatta sin da bambina, fugando l’illusione che essa potesse essere l’unica ed infallibile via per giungere alla conoscenza della verità sul mondo reale; ho progressivamente maturato l’idea che la realtà sia meravigliosamente più complessa ed imperscrutabile di quanto sia strutturalmente accessibile alle possibilità umane, che all’uomo è dato indagare la realtà con gli strumenti dell’intelligenza, della tecnologia, della cooperazione scientifica, ma da creatura qual è non gli è dato di possedere il segreto del grande libro della natura frutto dell’opera del Creatore, del quale anche i dotti e gli intelligenti possono al più provare a balbettare.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/07/2020
0708/2022
San Gaetano da Thiene

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

Il triste contabile

Chi ha letto O capiamo o moriamo conosce il lavoro da triste contabile che ho compiuto nell’undicesimo capitolo, intitolato “Il secolo del fondamentalismo islamico”. Si tratta del capitolo più lungo, 23 pagine, perché ho messo in fila uno per uno tutti gli attentati di matrice islamica compiuti con spargimento di sangue dall’11 settembre 2001 a oggi. Dal World Trade Center siamo partiti, al World Trade Center siamo tornati sedici anni dopo. Nel mezzo, una scia interminabile di morte e di dolore e di paura a cui abbiamo reagito nella maniera peggiore possibile: con l’assuefazione.

Leggi tutto

Chiesa

Il crocifisso a scuola si può esporre regolarmente

La Cassazione ei è pronunciata nell’ambito del ricorso presentato da un docente che era stato sanzionato in via disciplinare perché invocando la libertà di insegnamento e di coscienza in materia religiosa si era opposto alla circolare di un dirigente scolastico di Terni che ordinava di esporre il crocifisso in aula.

Leggi tutto

Storie

Bangladesh - Rajshahi: cresce il numero di battezzati

47 tribali di etnia santal hanno ricevuto il sacramento dell’iniziaione cristiana nella parrocchia di Bhutahara Quasi. Padre Swapon: “Visitiamo questi villaggi da sette anni e il 20 ottobre battezzeremo altre 70 persone”

Leggi tutto

Chiesa

Papa all’Angelus: “Portate la gioia di Gesù”

Il Papa all’Angelus nella quarta domenica d’Avvento esorta a percorrere l’ultimo tratto del cammino verso il Natale sull’esempio di Maria

Leggi tutto

Chiesa

L’uomo concreto libera la società

È un grande dono cercare le vie di una crescita a partire da ciascuno. Ecco che allora ci si può avvedere più chiaramente di certi problemi che ostacolano anche per esempio una più autentica democrazia. La cultura imperante fondata su un’astratta ragione lascia ai margini un’anima allora disincarnata, un resto emozionale-pratico dell’uomo e lo Spirito in cui esiste e cresce.

Leggi tutto

Chiesa

Papa - Dio è Padre e non rinnega nessuno dei suoi figli

Papa Francesco risponde con una lettera autografa in spagnolo ad alcune domande poste dal padre gesuita James Martin impegnato nella pastorale con le persone Lgbt

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano