Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Laos: misure del governo a protezione dei cristiani vessati e maltrattati nel Paese

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una buona notizia sembra aprire nuovi orizzonti alla minioranza labioriosa dei cristiani nel Laos.

Il governo centrale del Laos sta lavorando con vari gruppi cristiani, per far sì che i funzionari locali, nelle aree periferiche, intensifichino i loro sforzi per proteggere i cristiani dalle continue vessazioni. Nonostante la recente approvazione di una legge, lo scorso dicembre, che permette ai cristiani di svolgere servizi e predicare la loro fede indisturbati, sempre obbedendo alle norme e ai regolamenti del Paese, molti funzionari in queste zone rurali continuano a trattarli come cittadini di seconda classe . Per decenni la propaganda governativa ha dipinto il Cristianesimo come uno strumento dell’imperialismo occidentale nel Paese, che una volta era una colonia francese ed è stato campo di battaglia durante la guerra del Vietnam. Molti cristiani, inoltre, appartengono alla minoranza etnica Hmong, i cui membri sono schierati con gli Stati Uniti contro i comunisti durante la guerra. Nella capitale Vientiane e in altre grandi città, i cristiani possono praticare liberamente la loro fede, ma non nelle comunità rurali, dove i funzionari agiscono spesso contro di loro impunemente. Qui essi sono considerati “elementi negativi” dagli altri residenti e dalle autorità del villaggio e molti di loro sono maltrattati, rieducati, sfrattati dai loro villaggi, arrestati e incarcerati. In Laos, Nazione comunista con una popolazione di 7 milioni di abitanti, i cristiani, che rappresentano meno del 2%, di cui la metà cattolici, continuano ad affrontare varie forme di discriminazione, soprattutto nelle zone rurali remote. Di conseguenza, sono costretti a praticare la loro fede a porte chiuse per paura di essere evitati da altri abitanti del villaggio o essere costretti ad andarsene. “Ora speriamo - ha segnalato a Radio Free Asia un membro della Chiesa coinvolto nell’iniziativa educativa sponsorizzata dal governo - che questi incontri migliorino la comprensione tra le autorità ei cristiani”, riferendosi ai seminari tenutisi questo mese nelle province di Bokeo, Bolikhamsai e Savannakhet, e ad incontri simili previsti in altre zone del Paese. “Durante l’incontro (nella nostra comunità) - ha detto ad UCA News un sacerdote della provincia di Bolikhamsai, vicino a Vientiane - abbiamo spiegato la legge ai rappresentanti delle autorità locali, e questi rappresentanti trasmetteranno le informazioni ad altri funzionari, comprese le autorità dei villaggi ”. I dirigenti del partito comunista, da parte loro, si sono detti convinti che, quando le zone rurali verranno a conoscenza della nuova legge, le vessazioni nei confronti dei cristiani diminuiranno. “Una volta compreso (il contenuto della legge) - ha detto a Radio Free Asia un funzionario responsabile degli affari religiosi nella provincia di Savannakhet - i cristiani non saranno più maltrattati come prima, perché, come ogni altra legge, dovrà essere rispettata ”.

Il cristianesimo è una religione di minoranza in Laos. Ci sono tre chiese riconosciute in Laos: Chiesa evangelica del Laos, l’avventista della Chiesa e la Chiesa cattolica romana. Ci sono circa 45.000 membri della Chiesa cattolica romana, molti dei quali sono di etnia vietnamita, concentrati nei grandi centri urbani e le zone circostanti lungo il fiume Mekong nelle regioni centrali e meridionali del paese. Il cattolicesimo è una presenza consolidata in cinque delle province centrali e meridionali più popolosi, ei cattolici sono in grado di adorare apertamente. le attività della Chiesa sono più circoscritto al Nord. proprietà della Chiesa a Luang Prabang è stato sequestrato dopo il 1975, e non esiste più una canonica in quella città. Un informale centro di formazione cattolica romana in Thakhek preparato un piccolo numero di sacerdoti per servire la comunità cattolica. Circa 400 protestanti congregazioni conducono servizi in tutto il paese per una comunità che è cresciuta rapidamente negli ultimi dieci anni. I funzionari della chiesa stimano protestanti al numero di ben 100.000. Molti protestanti sono membri di gruppi etnici Mon-Khmer, in particolare il Khmu nel nord e il Brou nelle province centrali. I numeri di protestanti hanno inoltre ampliato rapidamente nelle comunità Hmong e Yao.Nelle aree urbane, il protestantesimo ha attratto molti seguaci Lao pianura. La maggior parte dei protestanti sono concentrati a Vientiane Comune, nelle province di Vientiane, Sayaboury, Luang Prabang, Xieng Khouang, Bolikhamsai, Savannakhet, Champassak, e Attapeu, così come nella ex Zona Speciale Saisomboun, ma più piccole congregazioni si trovano in tutto il paese. Il LFNC riconosce ufficialmente solo due gruppi protestanti - la Chiesa evangelica del Laos e la Chiesa Avventista del Settimo Giorno - e richiede che tutti i gruppi cristiani non cattolici ad operare sotto una di queste organizzazioni. Avventisti del Settimo Giorno numero leggermente più di 1.000, con le congregazioni a Vientiane Comune così come Bokeo, Bolikhamsai, Champassak, Luang Prabang, e province Xieng Khouang a livello paese. confessioni cristiane che hanno qualche seguito nel Paese, ma che non sono riconosciuti dal governo, sono i Metodisti, i Testimoni di Geova, Chiesa di Cristo, Assemblee di Dio, luterani, Chiesa di Gesù Cristo dei anti degli Ultimi Giorni (Mormoni), e Battisti. numeri ufficiali di adesione non sono disponibili.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/09/2020
2609/2021
Ss. Cosma e Damiano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Serviva un presidente cristiano

Storica accoppiata presidenziale, mai l’Italia repubblicana ha avuto presidente del Consiglio e della Repubblica provenienti dalla stessa matrice partitica e culturale. Renzi e Mattarella vengono dal Ppi di don Sturzo e sono cattolici non all’acqua di rose

Leggi tutto

Società

TUTTI I GRADI DELLA SCALA #FAHRENHEIT – PRIMA DEL 451

Vi sono libri che, pur segnando un’epoca, superano le barriere del tempo e, pur appartenendo a un genere, ne travalicano i limiti per diventare un classico. Fahrenheit 451 è uno di essi: forse la massima espressione del genere distopico eppure ben più di questo, al punto che lettori freddi se non ostili nei riguardi della fantascienza non saprebbero non considerarlo un capolavoro. Del resto, solo di un capolavoro possono interessare le varianti o le versioni scartate: i prodromi di un libro mediocre sono mediocri scartafacci. Ecco perché, tra l’altro, dovrebbe avere valore intrinseco leggere i racconti preparatori di Fahrenheit 451 racchiusi nel volume Era una gioia appiccare il fuoco, usciti in Italia per gli Oscar Mondadori nel 2011 a seguito della raccolta americana A pleasure to burn: Fahrenheit 451 stories, edita appena l’anno precedente. Ma se l’interesse di questo libro fosse meramente filologico si potrebbe senza indugio soprassedere. Si tratta invece di schegge narrativa potentissime, capaci di condensare in poche pagine la visionarietà e la bruciante carica umanistica del messaggio di Bradbury.

Leggi tutto

Società

Certa CEI contro l’ora di religione

Uno degli aspetti più controversi della “Buona Scuola” è che l’immissione di questi mitologici professori non curriculari nell’organico degli istituti porterebbe per la natura stessa delle cose a emandare loro le materie alternative all’ora di Religione Cattolica. Morale della favola, chi si avvale dell’Irc resta di fatto penalizzato e depotenziato rispetto agli altri. I Vescovi vedono e tacciono

Leggi tutto

Politica

In estrema sintesi

La sfida del 3% nazionale è a portata di mano e sbaglia chi torna a riproporre lo schema vecchio delle candidature di bandiera del Family Day all’interno dei partiti del centrodestra, è lo schema che ci ha portato al disastro attuale. Bisogna prenderne atto: Forza Italia ha dato libertà di voto sull’eutanasia e si è astenuta sulla legge su gender e omofobia in Umbria; leghisti importanti come Zaia sono addirittura apertamente a favore dell’eutanasia e insieme a Fratelli d’Italia propongono la legalizzazione della prostituzione; il divorzio breve è stato votato da tutti i gruppi politici con appena 11 voti contrari al Senato, mentre alla Camera sull’eutanasia i contrari sono stati 37.

Leggi tutto

Chiesa

Padre Arsenio beato a Milano

«Tu vuoi morire da santo? – si chiedeva il giovane sacerdote, entrato già prete nella Compagnia di Gesù – Ebbene, vivi da santo. Fa’ da santo secondoil tuo stato di religioso. Sii santo negli sguardi, santo nei discorsi, santo nell’udito, nel tratto, nel gusto, nel tatto. In breve, sii perfetto nell’uso dei tuoi sensi. Santo nell’obbedienza, e allora, certo, morirai da santo».

Leggi tutto

Società

Partendo da un fumetto di Zerocalcare

Abbandonare l’inconsistenza. Ecco l’obiettivo che dovremmo porci, noi tutti, ogni giorno. E dopo averlo posto, sforzarci di vederlo proposto agli altri, in particolare ai giovani che altrimenti vivranno sempre in condizione sradicata, da canne esposte ad ogni vento.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano