Società

di Mario Adinolfi

Manco al cinema posso andare

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Come forse sapete anche grazie al quotidiano Il Tempo, qualche giorno fa sono andato di pomeriggio al cinema con Silvia. Danno ovunque Lacci di Daniele Lucchetti ma abbiamo deciso di evitare l’ennesimo film dove la famiglia è raccontata come disfunzionale e oppressiva, con tre serie di Baby aveva capito il concetto (si sfasciano tutte, alla fine sorride solo una coppia, ovviamente quella gay). Era la prima nostra uscita dopo mesi e optiamo per la commedia: Burraco Fatale. Silvia ha un’adorazione per Paola Minaccioni e Angela Finocchiaro, la prima diverte molto anche me. Ci sono Loretta Goggi, Claudia Gerini, Caterina Guzzanti, Michela Quattrociocche. Pure la regia è di una donna, Giuliana Gamba. Dai, male non può essere. Oh, era una vera ciofeca, sceneggiatura insensata, personaggi sciatti e tirati via, interi momenti del film che sembravano improvvisati a caso. Un pateracchio da incapaci, da chi deve fare un altro mestiere. Messaggio finale: piuttosto che il nostro matrimonio, viva anche l’islam e la poligamia, approdo di felicità possibile. Detto da una truppa di tutte donne. Ora, io sarò fissato, ma è incredibile che non si possa più andare al cinema, su Netflix o persino sulle fiction di Raiuno (su Sky ci siamo arresi) senza subirsi la ideologica continua narrazione della famiglia naturale come luogo pericoloso da distruggere. Fateci caso: la storia di una mamma e un papà che vogliono bene e seguono con amore le bizzarrie dei figli, schema narrativo tipico della commedia da Happy Days ai film di Checco Zalone, ormai è diventata una rarità e quasi una bestemmia autorale. Ti consideri cineasta o sceneggiatore di grido? Devi raccontare la famiglia sfasciata e gli esiti della disfunzionalità della stessa. Mi dicono che questo racconto è prevalente perché “la società è cambiata”. Forse. Forse davvero ormai è tutto maschi che si sposano con i maschi (sì, c’erano ovviamente anche ieri belli sorridenti in Burraco Fatale) ed è l’unica opzione di felicità possibile. I numeri però mi raccontano un’altra cosa: quelli sono cinquemila architetti, giornalisti, attori, designer, musicisti, modelli, artisti, registi e produttori che si sono civiluniti. Ma, cazzo, poi c’è la vita vera: 29 milioni di italiani continuano a vivere regolarmente sposati, allevano 15 milioni di figli minorenni o maggiorenni non autosufficienti, si fanno carico di 3,8 milioni di disabili, degli anziani che non possono più vivere da soli. Questa è l’Italia, nella sua stragrande ottimizzato. Raccontarla, mai?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/10/2020
0812/2022
Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

L’Austria legalizza il suicidio assistito

Accordo quasi unanime del Parlamento di Vienna che col solo no dei nazionalisti di Fpö ha dato seguito a una sentenza della Corte costituzionale.

Leggi tutto

Società

INDIA - Il 2021 “l’anno più violento” per i cristiani

La minoranza cristiana della popolazione indiana ha dovuto affrontare una serie di violenze spesso perpetrate da gruppi estremisti indù in tutto il paese

Leggi tutto

Storie

Sostegno alle le famiglie colpite da eruzione vulcanica e tsunami a Tonga

La maggior parte del paese è stata colpita da uno strato di 1-2 cm di cenere vulcanica, che sta colpendo i rifornimenti di acqua e cibo, e ha un impatto negativo sulla qualità dell’aria. Nei prossimi giorni, l’accesso all’acqua potabile sarà una priorità immediata. Le linee di comunicazione sono interrotte dal 15 gennaio, rendendo difficile ottenere informazioni sull’entità dei danni.

Leggi tutto

Chiesa

Il paradosso degli apparati

In questa drammatica epoca della dittatura del pensiero unico si dirigono le situazioni dove si vuole anche con accuse che, vere o meno, paiono mirate a colpire esattamente chi si vuole colpire. Mai che venga messo alla gogna qualche perno del sistema imperante. Che siano questi ultimi tutti santi?

Leggi tutto

Chiesa

Lettera del Papa emerito inerente il rapporto sugli abusi

Lettera del Papa emerito Benedetto XVI circa il rapporto sugli abusi nell’Arcidiocesi di Monaco e Frisinga

Leggi tutto

Storie

“Come olio di nardo. Il valore della famiglia nel mondo contemporaneo”

L’ultima pubblicazione multidisciplinare della professoressa Giorgia Brambilla

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano