Società

di Mario Adinolfi

Manco al cinema posso andare

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Come forse sapete anche grazie al quotidiano Il Tempo, qualche giorno fa sono andato di pomeriggio al cinema con Silvia. Danno ovunque Lacci di Daniele Lucchetti ma abbiamo deciso di evitare l’ennesimo film dove la famiglia è raccontata come disfunzionale e oppressiva, con tre serie di Baby aveva capito il concetto (si sfasciano tutte, alla fine sorride solo una coppia, ovviamente quella gay). Era la prima nostra uscita dopo mesi e optiamo per la commedia: Burraco Fatale. Silvia ha un’adorazione per Paola Minaccioni e Angela Finocchiaro, la prima diverte molto anche me. Ci sono Loretta Goggi, Claudia Gerini, Caterina Guzzanti, Michela Quattrociocche. Pure la regia è di una donna, Giuliana Gamba. Dai, male non può essere. Oh, era una vera ciofeca, sceneggiatura insensata, personaggi sciatti e tirati via, interi momenti del film che sembravano improvvisati a caso. Un pateracchio da incapaci, da chi deve fare un altro mestiere. Messaggio finale: piuttosto che il nostro matrimonio, viva anche l’islam e la poligamia, approdo di felicità possibile. Detto da una truppa di tutte donne. Ora, io sarò fissato, ma è incredibile che non si possa più andare al cinema, su Netflix o persino sulle fiction di Raiuno (su Sky ci siamo arresi) senza subirsi la ideologica continua narrazione della famiglia naturale come luogo pericoloso da distruggere. Fateci caso: la storia di una mamma e un papà che vogliono bene e seguono con amore le bizzarrie dei figli, schema narrativo tipico della commedia da Happy Days ai film di Checco Zalone, ormai è diventata una rarità e quasi una bestemmia autorale. Ti consideri cineasta o sceneggiatore di grido? Devi raccontare la famiglia sfasciata e gli esiti della disfunzionalità della stessa. Mi dicono che questo racconto è prevalente perché “la società è cambiata”. Forse. Forse davvero ormai è tutto maschi che si sposano con i maschi (sì, c’erano ovviamente anche ieri belli sorridenti in Burraco Fatale) ed è l’unica opzione di felicità possibile. I numeri però mi raccontano un’altra cosa: quelli sono cinquemila architetti, giornalisti, attori, designer, musicisti, modelli, artisti, registi e produttori che si sono civiluniti. Ma, cazzo, poi c’è la vita vera: 29 milioni di italiani continuano a vivere regolarmente sposati, allevano 15 milioni di figli minorenni o maggiorenni non autosufficienti, si fanno carico di 3,8 milioni di disabili, degli anziani che non possono più vivere da soli. Questa è l’Italia, nella sua stragrande ottimizzato. Raccontarla, mai?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/10/2020
2806/2022
Sant'Ireneo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

I figli non si pagano, gli uteri non si affittano

Raccogliamo firme “fisiche” per una moratoria Onu sull’utero in affitto che blocchi a livello mondiale questa pratica barbara

Leggi tutto

Chiesa

La Chiesa Ucraina tuona contro il gender

Sono scesi in campo con una dura presa di posizione (mediante enciclica) contro la teoria gender i vescovi greco-cattolici ucraini. Prima c’era il regime sovietico, che imponeva una visione “ateistica” del mondo, presentata come “l’unica scientifica” e che privava gli uomini del diritto di professare liberamente la loro fede religiosa”. Oggi, le sfide sono simili, “modi ideologici di distruggere la fede cattolica” mettendo in discussione in maniera subdola “la fede e la moralità cristiana”, e tra queste sfide ci sono in particolare le teorie del gender.

Leggi tutto

Media

O capiamo o moriamo

Ho scelto una tonalità da romanzo in un saggio, in cui cerco di far comprendere che quanto affermava il cardinale Biffi sull’Europa che se non sarà ricristianizzata sarà definitivamente islamizzata è totalmente vero. L’arma non sarà il terrorismo, ma la demografia che è scienza inesorabile come la matematica: se negli ultimi due anni sono morti seicentomila italiani più di quanti ne siano nati e gli islamici con il 7% della popolazione residente hanno fatto il 25% dei figli, la fine è scritta. Saremo la generazione responsabile della fine di una civiltà (lo scrive Onfray) e la Sharia “addolcita” che sostituirà gli ordinamenti giuridici fondati sulla radice giudaico-cristiana piacerà alle élites, come profetizzato in “Sottomissione” di Houellebecq, con il suo mix di poligamia legalizzata e autoritarismo.

Leggi tutto

Chiesa

Il profilo del politico che vuole il Vaticano

Due interventi ravvicinati, nei giorni immediatamente successivi al varo del “Biotestamento” danno un sensibile segnale dalla Chiesa

Leggi tutto

Storie

Sana Chema ed i tanti come lei

Sana non è stata perseguitata per le sue convinzioni religiose, come è avvenuto per Asia Bibi, ma per il banale desiderio di una libertà minimale, scontata, come il diritto a scegliere con chi sposarsi. Mentre i delitti su base religiosa da noi sembra non provochino grande sdegno, forse per l’incomprensibilità ormai manifesta delle motivazioni di fondo che ne guidano le dinamiche, sia nelle vittime che nei carnefici, siamo invece assai sensibili ai delitti passionali. Il diritto a inseguire il sentimento è ormai dato per assodato.

Leggi tutto

Politica

Il referendum truffa di Marco Cappato

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano