Politica

di Mario Adinolfi

Vittorie e proposte

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Il rinvio della discussione del ddl Zan è una prima importante vittoria. Questo Paese ha altre emergenze. La prima è il sostegno alla famiglia, che sta tenendo in piedi il tessuto sociale dell’Italia che altrimenti sarebbe andato in mille pezzi. I bisogni di giovani, anziani, disoccupati, innocupati, commercianti, artigiani, disabili, professionisti in crisi trovano come unica vera risposta la rete della solidarietà familiare. La manovra economica fa slittare al 1 luglio 2021 l’assegno per il figlio, senza indicare importi e annunciandolo come collegato all’Isee. Temiamo fortemente che in una famiglia modesta con mamma e papà impiegati questo comporterà un peggioramento delle condizioni, vista la cancellazione di ogni bonus e detrazione. Servire altro. Con i tre miliardi stanziati dalla manovra 2021 per l’assegno per il figlio si può subito varare la storica proposta del Popolo della Famiglia: il reddito di maternità, mille euro al mese per le mamme che si dedicheranno in via esclusiva alla cura dei figli, riconoscendone dunque pienamente il ruolo effettivamente lavorativo ad alta valenza sociale. Con mille euro al mese per i primi otto anni di vita del figlio, rinnovabili per altri otto anni alla nascita di ogni figlio, vitalizi dopo la nascita del quarto figlio o di un figlio disabile l’Italia otterrebbe: un’immediata crescita del tasso di natalità, la nascita di nuove famiglie, l’abbattimento drastico del numero degli aborti. La manovra stanzia per l’assegno unico 9 miliardi tra il 2021 e il 2022, il reddito di maternità costerebbe inizialmente molto meno. Anche gli 8 miliardi stanziati per il 2021 per la riduzione dell’Irpef sapremmo come impiegarli: riforma fiscale del quoziente familiare a partire dalle famiglie monoreddito e da quelle con tre o più figli. 30.000 euro guadagnati da un padre di famiglia con figli a carico non possono essere tassati come i 30.000 euro guadagnati da un single, contano le bocche che vengono sfamate da quei 30. 000 euro. Chiaro e giusto, no? Con il quoziente familiare si otterrebbe l’effetto dell’assegno per figlio, ma con maggiore equità. In conclusione, bene il rinvio del ddl Zan, è una grande vittoria delle forze politiche come il Popolo della Famiglia che si sono opposte in ogni luogo culturale, mediatico, sociale alla legge fascistissima voluta da un Pd che ormai si comporta come il Pnf del 1925 Ma il rinvio di una settimana non basta. Va modificato il calendario parlamentare orientandolo ad un dibattito sui bisogni della famiglia, che ha attraversato questa tempesta senza un briciolo di aiuto e ora non ce la fa più. L’elemosina indefinita dell’assegno per il figlio se la possono tenere. Poiché il Popolo della Famiglia non è protesta mai senza accompagnare la protesta con una proposta concreta, noi chiediamo l’impiego dei fondi stanziati per l’assegno per il figlio (9 miliardi tra 2021 e 2022) e per la riforma fiscale dell’Irpef (8 miliardi per il solo 2021) per implementare immediatamente il reddito di maternità e il quoziente familiare per famiglie monoreddito e famiglie con tre figli o più con l’obiettivo di battere denatalità, aborto, ingiustizia fiscale a danno della famiglia. Si può fare domani, i soldi ci sono e sono già stanziati, occorre solo la volontà politica che il Popolo della Famiglia si prenderà la briga di incanalare attraverso una mobilitazione nazionale sui territori che sfocerà in una manifestazione di piazza a novembre in cui invitiamo fin d’ora tutti i soggetti politici, sindacali, sociali, associativi interessati a veder rimessa la famiglia al centro dell ‘attenzione reale e concreta di chi pro tempore governa. La nostra tenacia pidieffina produce consapevolezza sempre più generalizzata, chi se la sente scenda in battaglia con noi.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

20/10/2020
1705/2021
San Pasquale Baylon

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Adesso pure la “locura” dell’eutanasia

Un gruppo di volti televisivi dai nomi altisonanti, sono stati utilizzati dai radicali dell’Associazione Luca Coscioni per un video che chiede l’approvazione della legge di iniziativa popolare che legalizzerebbe l’eutanasia depenalizzando la soppressione di malati che, a sentire Veronesi, avviene sistematicamente e silenziosamente negli ospedali italiani.

Leggi tutto

Politica

Cattolici ed evangelici uniti nella difesa della vita

Mi dispiace che in Italia nessuno ha capito il vero danno che avrebbe procurato Hillary Clinton all’umanità, espandendo la cultura della morte, l’ideologia di Obama, e la promessa di estirpare i dogma della chiesa Cattolica. Era difficile se non, raro di trovare un Italiano che non faceva il tifo per Hillary, sacerdoti inclusi. Mi rallegro nel pensare che il manto della Madonna di Medjugorje ha protetto i neonati. Lei e stata fedele al popolo Cattolico degli Stati Uniti che l’ha interpellata con tantissimi rosari, messe, e “all night vigils” davanti alle cliniche di Planned Parenthood, i centri più grandi dell’aborto, che poche settimane fa’ Obama, per tutelare la sua “legacy” ha voluto finanziare permanentemente con i fondi federali.

Leggi tutto

Politica

Ora estirpiamo le colonie del male

Non ci piace essere velleitari, l’Unar è istituito da legge dello Stato in recepimento di una direttiva comunitaria, non può essere chiuso. Va sterilizzata la sua funzione di stanziatore di denaro pubblico a favore della lobby lgbt. Dopo la vicenda di Francesco Spano per qualche tempo si asterrà dal farlo, ma dobbiamo tenere la vigilanza alta. E spiegare alla Boschi e a Gentiloni perché non devono più neanche lontanamente immaginare di finanziare con i quattrini delle famiglie italiane quelle associazioni con circoli dove si pratica la prostituzione e si spaccia droga, truffando lo Stato anche sul piano fiscale.

Leggi tutto

Politica

Avvenire prende un abbaglio sul M5S

Farebbe sorridere la svolta con cui il ddl sul fine vita proprio da ieri rischia di uscire dalla Camera grazie ai voti grillini: farebbe sorridere per il tempismo con cui parrebbe coronare le improvvide dichiarazioni del direttore del quotidiano della Cei, Marco Tarquinio, che mentre ospitava Grillo in prima pagina andava a cantare le lodi di Di Maio sul Corsera di ieri. In realtà c’è poco da sorridere.

Leggi tutto

Chiesa

Chi sono i santi della lettera sulla santità di Papa Francesco?

È vero, si parla tanto di “santità della porta accanto”, in Gaudete et exsultate, resa nota ieri da Papa Francesco. Tuttavia per forza di cose i personaggi di cui si citano le parole e/o i gesti appartengono alla cerchia dei “santi famosi”. Passiamo in rassegna l’Esortazione apostolica alla ricerca dei modelli che il Santo Padre offre alla coscienza dei fedeli

Leggi tutto

Politica

La cura per l’irrilevanza

Oggi Bassetti esprime preoccupazione per l’esito delle elezioni. Alla Veglia organizzata da Sant’Egidio ha infatti dichiarato: “Forse non abbiamo riflettuto al gran dono di Dio rappresentato dall’avere una patria. È scontato. Ma coloro che l’hanno persa o che ne sono stati scacciati o l’hanno dovuta abbandonare, sanno bene quale valore essa abbia. Tanti rifugiati e profughi cercano una patria con un volto materno. In guerra - e ricordo i racconti della mia infanzia - si capisce il valore di una patria in pace”. E per essere ancora più chiaro se la prende con chi ha puntato il dito “persino contro la persona del presidente della Repubblica e la sua misurata e saggia azione di garanzia di tutti i concittadini”. E anche per questo invita a “una svolta nella vita del Paese per cominciare a lavorare insieme: è, infatti, eticamente doveroso lavorare per il bene comune dell’Italia senza partigianeria, con carità e responsabilità, senza soffiare sul fuoco della frustrazione e della rabbia sociale”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano