Società

di don Giampaolo Centofanti

Popolo della Famiglia e pensiero unico: intervista a Mario Adinolfi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

D: Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia, viviamo in un’epoca in cui si direbbe che un pensiero unico cerca di teleguidare le persone attraverso il potere della formazione e dell’informazione. Sembra tutt’al più di vedere il “bianco” del sistema e il “nero” di frange altrettanto ideologizzate. Per le sfumature di ricerca autentica del vero pare talora lo spazio sia esiguo.

R: Il pensiero unico può diventare un alibi. Vi è sempre stato un conformismo verso il potere dominante.

D: Vi sono state epoche, come negli anni ’70, in cui vi era una maggiore varietà e originalità di espressioni? Ciò era dovuto anche all’esistenza di due blocchi dominanti contrapposti, USA e URSS?

R: A quell’epoca per una serie di motivi storico-culturali vi era più pensiero, questo sì. Ma i due blocchi costringevano anch’essi in gabbie.

D: Perché parlavi di alibi?

R: Perché ci si può arrendere al conformismo invece di avere il coraggio di sviluppare vie alternative.

D: Vi sono ostacoli profondi allo sviluppo di vie alternative? La scuola del pensiero falsamente neutro, di una inesistente razionalità astratta, non ha sradicato da tanti la fede così diffusa e sentita? Al punto che sempre meno giovani credono?

R: Appunto certamente si sarebbe potuto porre attenzione a ciò e con più coraggio. Forse anche sviluppando nei seminari una preparazione di maggiore spessore.

D: Oggi gli spazi di libertà sembrano angusti. Il crollo delle ideologie, ossia di filosofie della ragione astratta, ha condotto al nichilismo ed ora ad un filantropismo del mero fare, tecnicista, omologante. Ossia una parabola della ragione astratta, che al fondo resta. Persone che cercavano più giustizia e uguaglianza sono dunque passate senza avvedersene ad approvare tale visione che parla di solidarietà ma nega alle persone di maturare sin dalla scuola alla luce di ciò in cui crede e dunque anche di un solo allora autentico scambio.

R: La fede può sviluppare luci profonde. Il Popolo della Famiglia, il quotidiano La Croce, cercano di animare percorsi vivi, partecipati. Qualcuno le considera minoranze ma duecentomila e oltre voti, qualche migliaio di lettori, sono una minoranza?

D: E poi le persone motivate stimolano tanti. Ma senza l’appoggio della Chiesa è più difficile. Vi è questo appoggio o per ora i numeri sono esigui per poter venire presi in considerazione?

R: Non credo sia questione di numeri. Sono un cristiano obbediente. Al tempo stesso il Popolo della Famiglia segue alcune piste…

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/01/2021
0210/2022
Ss. Angeli Custodi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

Letta ha chiuso le elezioni

Le elezioni son già chiuse, le ha vinte il centrodestra perché Letta non è interessato a contrastarlo

Leggi tutto

Politica

Ringraziamenti, risposte, preghiere

In molti hanno commentato la nascita del Popolo della Famiglia, soggetto politico in vista delle amministrative: qui alcune osservazioni in replica

Leggi tutto

Chiesa

Ecce Quaresima

La parola “Quaresima” deriva dal termine anglosassone “Lencten”, che significa primavera. Nella maggior parte delle lingue romanze, slave e celtiche viene tuttavia usato un derivato della parola latina
“quadragesima”, che si riferisce al “40°” giorno prima della Pasqua.

Leggi tutto

Politica

NOI O LORO: LA SCELTA È FACILE

Il 3 e 4 ottobre la scelta è semplice: noi o loro. Loro vanno di moda, hanno partiti grandi e ricchi e potenti e ipercitati dai media, ma sono attraversati da una fragilità valoriale che ormai sfocia nell’insensatezza esistenziale, non sanno neanche più perché stanno insieme se non per la caccia al potere. Loro o noi. Noi siamo piccoli ma sapete perfettamente chi siamo, cosa vogliamo, cosa ci anima, noi abbiamo una faccia sola e di questi tempi è il bene più prezioso. Non ci interessa il potere per il potere, non puntiamo alle poltrone, lo abbiamo dimostrato. Noi puntiamo al governo delle comunità e del Paese solo alle nostre condizioni, solo per realizzare quel che promettiamo, per portare in Italia quella cultura della famiglia e della vita che sola può sconfiggere i cinici nichilisti mortiferi che tanto di moda vanno in questo momento nel nostro Paese. Ma le mode passano. La famiglia resta: è l’ancoraggio vero, per tutti.

Leggi tutto

Politica

Il PDF in Assemblea Nazionale a Pomezia

Tema dell’incontro “Eredi di una grande storia, protagonisti del futuro, con il PdF per la nuova politica dei valori”.

Leggi tutto

Politica

Resistere, resistere e resistere

Vogliono raccontare i cattolici freevax e no green pass come un branco di matti? Ci hanno messi evidentemente nel mirino? Rispondiamo con la nostra fermezza e ragionevolezza

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano