Società

di Stefano Di Tomassi

Baby Gangs, don Giovanni Carpentieri: «Aprire subito degli “ospedali da campo” per i giovani»

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Gli ultimi eventi di cronaca ci parlano di una preoccupante escalation delle cosiddette baby gangs. La situazione di emergenza covid non ha certamente creato questo problema, lo sta di certo facendo crescere a livello esponenziale. La chiusura sociale “fisica”, sia delle strutture istituzionali scolastiche, di quelle municipali di rappresentanza (la consulta giovanile chiusa per mancanza di presenze, n.d.a.) dei centri ludico ricreativi, sportivi e culturali, la “clausura” degli assistenti sociali negli uffici ad organizzare la logistica progettuale, il trincerarsi di diverse parrocchie a modi “fortino” per proteggere le pecorelle da pettinare, un welfare affidato per lo più al nobile volontarismo, tutto questo non risolve i problemi, giunti come nodo al pettine ora nel momento pandemico e si interviene con una imbarazzante anacronistica repressione per mezzo di forze armate.

Se gli ultimi sono i nostri ragazzini i penultimi siamo noi famiglie a cui la società civile si rivolge con interventi in stile ottocentesco o inizi novecento.

I segnali dell’affondamento socio culturale sono i nostri ragazzi che si aggrediscono e aggrediscono nel quartiere ‘snob’ delle Terrazze, la Parioli della cittadina ostiense, con la forza pubblica che gli corre dietro. Ma il fallimento è anche il commerciante che punta il dito e accusa, non ricordandosi di essere padre e averne in qualche modo la responsabilità.

Siamo di fronte alla scena dell’ufficiale del Titanic che spara sulla folla che scalcia per salvarsi.

Davanti al collasso del nostro sistema pedagogico territoriale non può che illuminarsi di fronte ai nostri occhi l’immagine di un buon samaritano o la luce delle parole del vangelo nel segno potente del pastore che tiene un agnellino che smarrito sulle sue spalle che ci descrive l’orizzonte verso cui incamminarci con forza e fare nuove le cose in campo pedagogico sociale politico vincendo scenari di terrore e “terroristi”, perché il timore non sia tremore paralizzante, ma il trampolino del coraggio nell’azione e lo stupore della novità da condividere

Gesù vuole ricordarci il suo metodo educativo che è quello che Papa Francesco ha chiamato “Ospedale da Campo” e che del resto porta al collo sulla croce.

E’ una metodologia scientifica oltre che spirituale, può diventare professionale oltre che volontaristica e ha al centro l’Unità di Strada Educativa. E bisogna in qualche modo esserne formati per un vero e proprio, serio lavoro per i ragazzi e operare con sistema progettuale.

Inizia con il portare la pizza ai ragazzi del parchetto o della piazzetta. E poi va avanti, ma insieme.

Riportiamo qui sotto il video di DON GIOVANNI CARPENTIERI, EDUCATORE PROFESSIONALE E PRETE come a lui piace definirsi.

https://youtu.be/5O30OGkb4eY

Vi invitiamo inoltre a rispondere a GESU’ al Suo quesito che riportiamo qui sotto:

«Chi di voi, se ha cento pecore e ne perde una, non lascia le novantanove nel deserto e va in cerca di quella perduta, finché non la trova?”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/01/2021
2209/2021
Ss. Maurizio e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

Conosciamo i nostri figli?

Le statistiche sulle dipendenze (nuove e vecchie) dei giovani e giovanissimi mostrano una morsa di fragilità che si fa sempre più impenetrabile, oltre la cortina di sostanze psicotrope e di una pornografia dilagante. L’anno del Sinodo sui Giovani può essere per la Chiesa e per la società il momento in cui si chiuda una buona volta la stagione della complicità (dis)educativa e si volti pagina

Leggi tutto

Politica

Famiglia vuol dire lavoro

Con la paghetta di papà e una mancetta dalla pensione di nonna, il giovane italiano si forma in un contesto deresponsabilizzante in cui la politica sta dando il colpo di grazia: puoi fare il premier a caso raccolto per strada in una riffa, il vicepremier senza uno straccio di laurea che ti chiedono ormai pure per fare l’impiegato di quinto livello, spiegare agli studenti come affrontare l’esame di maturità senza aver mai fatto manco l’esame di maturità. In campagna elettorale ti prometto ottocento euro al mese per il tuo non fare niente e io gioco è fatto, l’area territoriale del Paese dove c’è il 47% di disoccupazione giovanile ti darà il 47% dei voti.

Leggi tutto

Società

Droga: al via i congressi pisani

La cittadina toscana si prepara ad aprire i battenti, nel prossimo fine settimana, di una rassegna che con un poco di ironia si potrebbe dire “ricreativa”: il paradiso artificiale passato fugacemente dai pusher sarà intronizzato in bella mostra per tre giorni. Dolci, gelati, vini, birre e caffè alla “cannabis light”. E pazienza se il Consiglio Superiore di Sanità ha detto che non esistono droghe leggere…

Leggi tutto

Società

Pornodipendenza: uscirne si può. Ecco come

Pornotossina è un libro estremamente asettico e oggettivo, ma nasce da un coinvolgimento personalissimo. Nella prefazione si trova la confessione di Morra: «Il mio passato mi ha portato a combattere, da credente e non credente, contro la pornografia ai limiti della dipendenza

Leggi tutto

Società

Noi giovani vogliamo amarci senza guanti

Una diciassettenne reagisce alle martellanti campagne sui profilattici che dilagano in Italia. «Ci credete incapaci», dice.

Leggi tutto

Società

I Millennials lo fanno, si ma senza un perchè

Tanta “informazione” si perde alla fine nel bicchiere di progetti astrusi che non guardano alle domande dei ragazzi

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano