Politica

di don Giampaolo Centofanti

Il parlamento uniformato: pace o tragicommedia?

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Viviamo un passaggio politico cartina di tornasole di molte cose. Com’è possibile, si chiede qualcuno, che gruppi di orientamenti politici contrari si dichiarino disponibili a collaborazioni varie? È cosa buona?

Ho osservato da molto tempo che la società della ragione astratta tende a tecnicizzare ogni cosa. In vario modo ogni cosa deve “funzionare”. Ma così prevale una scienza falsamente neutra al servizio del più forte. L’uomo viene svuotato e manipolato. Si tende a creare un apparato al servizio dei dominatori e una massa spogliata di tutto.

Finché si rimane in una tale cultura anche eventuali oppositori al sistema proponendo mere “pratiche” alternative fanno il suo gioco e rischiano di venirne fagocitati. La vuota tecnica difficilmente aiuta la crescita umana e condivisa stimolando invece facilmente la smania della forza, del denaro, del potere…

Emerge un più profondo discrimine nelle opposizioni tra chi coglie la crisi di una civiltà sulla via del crollo e chi contende per motivi diversi tra loro ma meno profondi. Tra i quali talora il dipendere da poteri vari che in questo momento rischiano di allearsi per creare un’oligarchia rimandando a fasi successive l’inevitabile lotta per la supremazia.

Eppure proprio lo spegnersi della società può stimolare la ricerca di soluzioni autentiche. Se si resta in un vario fare l’uomo rischia di diventare sempre più un appendice del robot. Il vero dominatore non è più nemmeno un gruppo di potenti manipolatori ma la tecnica. Davvero il robot prevale sul suo creatore. È necessario scandagliare le autentiche vie perché ciascuno possa trovare sempre più serenamente, pienamente, sé stesso. E oggi germogliano piste feconde perché matura gradualmente la comprensione dell’importanza vitale di cercare la propria identità ma altresì l’apertura a cercarla non solo nella formazione in essa ma anche nello scambio con gli altri, di altre culture e religioni.

Dunque forti stimoli alla ricerca vissuta, non intellettualistica, all’intuizione di valori che portino l’uomo oltre le visuali riduttive ma al tempo stesso senza calpestare la sua umanità. In percorsi sempre più semplici e profondi. Allora il robot offre nuovi spazi e tempi all’uomo per lo sviluppo di una vita a tutto campo più umana.

Le crisi sociali, politiche, culturali, personali, possono rivelare spesso matrici per molti aspetti comuni. Anzi proprio il considerarle separatamente era un segnale di letture di corto respiro.

Come leggere allora il passaggio attuale? Se si resta nelle proposte tecniche rischia di rivelarsi in ogni caso, di fatto, un ennesimo tentativo di salvaguardia di un sistema sempre più insostenibile e perciò pressato da una base popolare martoriata. Serve un salto di qualità.

Stimoli, fin dalla scuola, alla libera ricerca identitaria e allo scambio, ricerca delle autentiche, personalissime, vie di maturazione di ciascuno. E così anche di autentica partecipazione. Non dovrebbe essere questa la democrazia? Dove altri decidono per la tua crescita umana e la tua partecipazione o meno, quelli detengono il potere che spetterebbe a te: le due nuove classi sociali. E allora il cammino, se vi sarà tempo prima di un crollo definitivo, è quello della presa di coscienza del nuovo quarto stato e quello di un desiderio di umanità autentica. Pur nella drammatica consapevolezza dell’eterna lotta tra il potere e la vita semplice e bella.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

10/02/2021
2006/2021
Ss. Giovanni Fisher e Tommaso Moro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

Crediamo solo in Dio

La corruzione diffusa nell’intreccio tra politica, burocrazia e impresa; la guerra continua tra magistrature e altre istituzioni; il decadimento etico complessivo diffuso. A chi si può credere in Italia?

Leggi tutto

Politica

I numeri dell’estate

65. Sono i bambini nati in famiglie meridionali che, su 100, quest’estate non andranno in vacanza: le loro mamme e i loro papà non hanno i soldi per portarli al mare o in montagna. Un bambino su tre a livello nazionale non si muoverà dall’abituale luogo di residenza per tutta l’estate. In Italia 1.619.000 famiglie sono in condizione di povertà assoluta. E la Boldrini pensa a farsi blindare il nuovo appartamento. Dal 4 agosto i parlamentari della diciassettesima legislatura repubblicana saranno tutti e 945 in ferie, senza aver risolto nessuna delle drammatiche emergenze che attanagliano il paese: denatalità, povertà, debito pubblico, occupazione, immigrazione selvaggia, dissesto idrogeologico hanno fatto tutti segnare nuovi record anno dopo anno in questa legislatura. Però questi 945 genietti hanno fatto la legge sul divorzio breve e le unioni civili, se si impegnano fanno approvare anche quella sull’eutanasia all’italiana e sulla droga libera. Un ragazzo su cinque (19.9% degli under 24 per essere precisi, rapporto Commissione Europea) non studia, non lavora, non cerca lavoro. Sta abulico sul divano a consumare patrimonio e stipendio di mamma e papà più pensione (bassa) dei nonni. Brava Boldrini. Bravi tutti lì in Parlamento. Buone vacanze, eh…

Leggi tutto

Politica

Se non mentendo

Stanchi di leggere ricostruzioni fantasiose dei fatti recenti riguardanti il PdF, una volta e per tutte per i pochi interessati li narriamo per come sono avvenuti, in termini oggettivi non contestabili.

Leggi tutto

Politica

Ribaltare l’uso delle risorse

Il reddito di cittadinanza è stato un provvedimento del governo gialloverde, il Conte Uno, fortemente voluto come provvedimento bandiera dall’allora ministro per lo Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, che andò addirittura da Bruno Vespa ad annunciare agli italiani “l’abolizione della povertà”. Sul videowall di Porta a Porta mentre il capo politico del Movimento Cinque Stelle garrulo pronunciava quella grottesca frase campeggiava la scritta: “780 euro a cinque milioni di italiani”. In realtà era poco più della metà a meno di un milione di persone

Leggi tutto

Società

Marco Tarquinio parliamone….

Caro Marco, ci conosciamo da un quarto di secolo e i miei primi anni di vita professionale li ho condotti apprezzando le tue doti di collega accorto e ligio, aiutando credo in maniera decisiva la tua scalata alla direzione di Avvenire. Mi permetterò dunque la franchezza per una volta spoglia dalle ipocrisie del cattolichese, a cui il tuo giornale quotidianamente ci abitua. Il riferimento è alla lettera di Valeria Fedeli e alla tua risposta pubblicate il 20 dicembre 2016 sotto il titolo “Fedeli: il mio impegno per educare alla parità tra uomo e donna”. Il Popolo della Famiglia, movimento che presiedo, non chiama la signora ministro o ministra o che dir si voglia, è indegnamente seduta a viale Trastevere avendo mentito sui suoi titoli di studio, millantato una laurea mai posseduta, addirittura non ha mai sostenuto neanche l’esame di maturità. Abbiamo dimostrato questi fatti con evidenza, colei che noi chiamiamo “pinocchia” li ha candidamente ammessi, con arroganza non ha presentato le dimissioni che sarebbero state considerate naturali e ovvie in qualsiasi paese del mondo. Anzi, cerca legittimazione venendo a scrivere una lettera densa di bugie proprio al direttore di Avvenire, che non ritiene di menzionare l’incidente del titolo di studio inventato (per non dover menzionare il Popolo della Famiglia), mentre nello scritto della signora riscontra “lineare chiarezza

Leggi tutto

Politica

E’ finito il tempo delle ambiguità

Le smentite le fa il tempo, che talvolta è così galantuomo da non passare neppure tardi: dopo appena un paio di giorni dalle elezioni che hanno sancito il trionfo del centrodestra in Sicilia comincia ad emergere la struttura di potere che aveva cementato i rapporti di forza della Trinacria in modo da condizionare l’esito elettorale. I cattolici ricevono un precoce ma severo monito.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano