Società

di Stefano Di Tomassi

Baby Gangs imperversano a Ostia: è il “Paese dei Palocchi”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Emergenza giovani sul litorale di Roma: Ostia è paralizzata nelle politiche, povera di servizi, priva di attività, inefficace dalle scuole per questi problemi specifici che insegnanti, professionisti della psiche e impiegati del sociale non posso risolvere. In più Consulta municipale chiusa, commissione bloccata, rapp. d’istituto delegittimati o, come spesso accade, a rischio strumentalizzazione, rappresentanza uguale a 0, gruppi di ragazzi a presso a questo o a quel “caporione” (più o meno istituzionalizzato) nei forum di zoom e social a parlare autoreferenzialmente e, ciliegina sulla torta, gruppettini a farsi “pettinare il prezioso manto la(g)noso” dietro i recinti della parrocchietta di turno.

Le uniche agenzie che sembrano funzionare a pieno ritmo – anzi in incremento - sono quelle del web, dei social, youtube etc. che se la TV sia già stata etichettata come ‘cattiva maestra’ allora queste si guadagnerebbero appellativi di certo ben più negativi.

I messaggi che troneggiano sono soldi, violenza, gang style e certe fiction, abbastanza ambigue nell’esposizione di eroi e anti eroi (alcune con l’aggravante di essere state girate anche sul nostro territorio!) disegnano uno scenario che ci disarma, devastante per le nostre istituzioni educative, famiglia, scuola, agenzie educative.

Condiamo il tutto con l’atmosfera pandemica con descrizione apocalittica mediatica quotidiana.

Il risultato?

Aggressioni casalinghe, aumento dei suicidi, gruppi di ragazzini “impazziti” per le strade che confondono il piano della realtà, adulti e commercianti che puntano il dito invocando l’intervento delle forze di polizia e l’esercito per le strade per correre dietro a chi potrebbero essere loro figli.

Tutto questo succede anche nel territorio lidense nella benestante Palocco. Accade molto molto meno nelle zone di Ostia più popolare. Bisogna chiedersi il perché.

In questa crisi senza precedenti nel panorama giovanile lidense prende la parola don Giovanni Carpentieri Educatore Professionale ‘poi prete’ come si definisce lui , che da qualche mese sta cercando di impiantare anche sul territorio di Ostia un ‘Ospedale da Campo’ per i giovani e cercare un metodo nuovo: “La Pandemia non ha fatto altro che mettere in evidenza le macro e micro situazioni. Come ha messo in evidenza che la sanità pubblica fa schifo, così mette in evidenza le situazioni di micro criminalità, di devianza, di marginalità giovanile che sono oggetto di attenzione. La valutazione non v’ha fatta sulla relazione tra pandemia e disagio giovanile, ma da disagio giovanile e quelle risposte che in ambito cristiano e la comunità ecclesiale è chiamata a fare, in ambito Istituzionale ovviamente ancor di più.

Nell’ambito cristiano prendere atto e dire a chiare lettere grazie a queste fotografie, a queste analisi lucide, a questa realtà così drammatica, a questa riflessione, queste considerazioni, queste analisi socio antropologiche che c’è una realtà cristiana che ancora fa fatica semplicemente a tirarsi su le maniche e ad andare a incontrare questi ragazzi che fanno parte alcuni di famiglie per bene altri di famiglie meno per bene. Per questo c’è don Giovanni Carpentieri con Ospedale da Campo per fare qualcosa immediatamente.

E’ questo da mettere a fuoco non solo la pandemia che non ha fatto altro che mettere in evidenza le nostre paralisi nella sanità, nel sociale, nella scuola. Queste situazioni ora ci devono solo far riflettere che bisogna mettersi a fianco di queste realtà giovanili e soprattutto le realtà ecclesiali che nel nome del Vangelo devono essere i primi a mettersi in Servizio.”

Insomma, quello che da anni cittadini e professionisti chiedono e che mai la politica ha trasformato in realtà: occorre cambiare metodo e istituire unità di strada educative formate da educatori professionali (di formazione sociale pedagogica e non sanitaria) e volontari da loro guidati faranno il cambiamento. Inseriti in Centri Diurni stabili del Territorio, Centri di Aggregazione Socio Pedagogici, collegati direttamente alla piattaforma Asl o Municipale degli Uffici Organizzativi Servizi Educativi Culturali (Uosecs).

Nello specifico della zona Casal Palocco, Axa al più presto occorrerebbe individuare un luogo per u n Centro.

Ma cerchiamo di entrare nel merito oltre ad aver individuato un metodo da attivare al più presto;

Forse, in questa crisi oggettiva, emerge una triste verità che bene o male già tutti conoscevano: i mostri non sono tra i poveri, sono nell’ipocrisia di una finta ricchezza, di finte case di benestanti, di finti grandi professionisti e tecnici, nei finti padri e madri che per troppo hanno delegato le loro funzioni a compagne e compagni, a surrogati tecnologici, a baby sitter dalla pelle ‘abbronzata’, all’acquisto facile di oggetti a colmare un vuoto che ora è diventato un cratere e rischia di degenerare in abisso.

Con il termine di CASAL BALOCCO O IL PAESE DEI PALOCCHI, che utilizziamo per descrivere questa situazione, non vogliamo mancare di rispetto a quella certamente maggioranza di famiglie che hanno guadagnato con onestà la loro benestante condizione di agiatezza, sia chiaro questo, quanto far suonare l’allarme che ci consenta di andare oltre alla superficialità dell’apparenza, dell’ordinato, del bello esteriormente, della ‘pecorella pettinata’ direbbe Papa Francesco, e aiutare loro per aiutare noi a prendere il contatto con la realtà vera senza avere paura. E infine sottolineare – il mondo ce lo insegna soprattutto nelle crisi mediorientali- che nessuno conserverà ricchezza, tranquillità, agiatezza, se accanto una popolazione di disperati bussa alla porta.

E’ il collasso di una società radical chic costruita sull’ipocrisia del denaro, del successo e anche su valori che escludono e hanno escluso la realtà socio affettiva che ciascuno porta nei suoi bisogni esistenziali: non a caso il Santo Padre lo ha ricordato qualche giorno fa a Piazza San Pietro all’Angelus nel suo messaggio ai romani e al mondo intero: ““vicinanza, compassione e tenerezza: sono queste le trasgressioni di Dio”.

Questi giovani che trasgrediscono fino al punto minacciare di morte un taxista dopo essersi fatti portare a Casal Palocco di cosa avevano, hanno e avranno bisogno: della vicinanza, della compassione, della tenerezza paterna e materna. Non ci sono più scusanti. Non ci sono più parole dei partiti fatti di gente ipocrita con le belle parole e i bei scenari di complessità sociale… Scuse, scuse, scuse. Non sarà possibile più corrergli dietro con i cellerini perché li dove si nasconderanno, nei dark web e simil, noi non riusciremo a raggiungerli e a stanarli con la forza di una polizia. Non servono professionisti della psiche o impiegati del sociale negli uffici, non risolveranno questi problemi.

Non servono COMUNITA’ DI SANTI quando intorno i ragazzini e le famiglie hanno “fame e sete” di ‘VICINANZA, COMPASSIONE, TENEREZZA”. Nella trasgressione di un Dio, citata dal Papa Bergoglio, che scende sulla terra a portare questo agli uomini dobbiamo poter riconoscere anche quella trasgressione dei giovani che ci invitano ad ascoltarli e ad essere presenti senza delegare a surrogati tecnologici o umani, al BALOCCO insomma.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/02/2021
2609/2021
Ss. Cosma e Damiano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

Demografia, ecco il vero terrore

Lo Stato Islamico ha rivendicato la strage che a Manchester ha causato 22 morti e 59 feriti, prevalentemente tra i giovani e i giovanissimi che erano andati a seguire il concerto della cantante Ariana Grande. Tra i morti anche una bambina di 8 anni. Nel comunicato di rivendicazione l’Isis afferma: «Uno dei soldati del Califfato ha posizionato ordigni esplosivi in mezzo a un raduno di crociati.

Leggi tutto

Società

Il libro che avrei voluto scrivere per mia figlia adolescente (e non solo)

Cosa significa educare al Bello quando si tratta di sessualità? Significa ridare alla persona il ruolo centrale, senza estrapolare i suoi genitali da un contesto complesso: Thérèse Hargot, infatti, parlando di sessualità, sta molto attenta a smontare pezzo per pezzo le ideologie tronfie della Sessuologia pornificata della nostra cultura, che tende a rendere la persona l’oggetto attraverso cui godere (rapidamente e
irresponsabilmente) attraverso ridicole pratiche erotiche piuttosto noiose. T

Leggi tutto

Società

Ecco la Balena Blu

Nel miserabile tentativo di azzardare un’analisi del fenomeno è ovvio che, in primo luogo, venga da puntare il dito sul gioco della Balena blu, ed è giustissimo farlo. Allo stesso tempo, però, è opportuno non dimenticare che quel gioco è un parto dei giorni nostri, un prodotto dell’odierna comunità umana globale. Il mondo non è mai stato un luogo perfetto ed ogni epoca ha conosciuto le sue nefandezze ma oggi la stupidità e la malvagità di pochi possono espandersi e amplificarsi come mai prima era stato possibile. Prendendo spunto dalla famosa e profonda riflessione di Hannah Arendt “La banalità del male” potremmo concludere che ciò che è banale nasce da menti banali e, contemporaneamente, attrae menti altrettanto banali.

Leggi tutto

Chiesa

Parlando con Papa Francesco di ritorno dalla Colombia

L’ l’incontro con il (primo) ministro Gentiloni è stato un incontro personale e non su questo argomento. È stato prima di questo problema, che è venuto fuori alcune settimane dopo. … Secondo: io sento
il dovere di gratitudine per l’Italia e la Grecia, perché hanno aperto il cuore sui migranti. Ma non basta aprire il cuore. Il problema dei migranti è: primo, un cuore aperto, sempre, anche per un comandamento di Dio, ricevere, perché “tu sei stato schiavo”, migrante, in Egitto. Ma un governo deve gestire questo problema con la virtù propria del governante, cioè la prudenza. Cosa significa?
Primo: quanti posti ho. Secondo: non solo ricevere, (ma) integrare. Ho visto esempi qui in Italia di integrazione bellissima. Sono andato all’Università Roma Tre, mi hanno fatto domande quattro studenti. Una, era l’ultima, la guardavo: ma questa faccia la conosco. Era una che meno di un anno prima è venuta da Lesbo con me in aereo, ha imparato la lingua, studiava biologia nella sua patria, ha fatto l’equiparazione (equipollenza), e ora continua. Questo si chiama integrare. In un altro volo, tornavamo dalla Svezia, ho parlato della politica di integrazione di quel Paese come un modello. Ma anche la Svezia ha detto con
prudenza: il numero è questo, più non posso, perché c’è pericolo di un eccesso.
Terzo: c’è un problema umanitario. Quello che lei diceva. L’umanità prende coscienza di questi lager, delle condizioni nel deserto? Ho visto delle fotografie, gli sfruttatori. Credo, ho l’impressione, che il governo italiano sta facendo di tutto per lavori umanitari di risolvere anche problemi che non può assumere. Ma: il cuore sempre aperto, prudenza e integrazione, e vicinanza umanitaria. E c’è un’ultima cosa che voglio dire e che vale soprattutto per l’Africa. C’è nell’inconscio collettivo nostro un motto, un principio: l’Africa va sfruttata. Oggi a Cartagena abbiamo visto un esempio di sfruttamento, umano in quel caso. Un capo di governo su questo ha detto una bella verità: quelli che fuggono dalla guerra è un altro problema; ma tanti che fuggono dalla fame, facciamo investimenti lì perché crescano. Ma nell’inconscio collettivo c’è che
ogni volta che tanti Paesi sviluppati vanno in Africa, è per sfruttare.Dobbiamo capovolgere questo. L’Africa è amica e va aiutata a crescere”.

Leggi tutto

Chiesa

Verso il Sinodo dei giovani

A Roma si preparano gruppi di lavoro e schemi, mentre in Svizzera sono i giovani stessi che si preparano in vista del sinodo, nel quale vorranno evidentemente dire la loro. Non manca (né mancherà) chi si prepara a chiedere le solite “aperture”, mentre all’ombra del Cupolone qualcuno auspica che gli stessi argomenti di discussione siano un po’ meno “calati dall’alto”…

Leggi tutto

Politica

Chi lavora non sia più una riga del bilancio

Questo il tenore del messaggio di Papa Francesco, che apre la 48esima giornata sociale dei Cattolici italiani a Cagliari. “Il lavoro che vogliamo. Libero, creativo, partecipativo e solidale” è il tema della giornata sociale, ispirata alla proposta della Evangelii Gaudium. La Cei prende il La dal Papa e si cala nel vissuto quotidiano del Paese. Resta da vedere se la politica ascolterà.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano